Due mutazioni genetiche avrebbero reso il cane il miglior amico dell’uomo. Lo studio

Uno studio genetico e comportamentale ha identificato due mutazioni che aiutano a spiegare perché i cani sono così sociali con gli esseri umani.

Un team dell’ Università di Azabu in Giappone ha analizzato le variazioni genetiche in quattro geni in 642 cani addomesticati. Il team ha scelto i quattro geni – ossitocina (OT), recettore dell’ossitocina (OTR), recettore della melanocortina 2 (MC2R) e un gene chiamato WBSCR17 – perché sono tutti coinvolti nel modo in cui i cani rispondono allo stress. “Si pensa che le capacità cognitive sociali dei cani siano state acquisite come sottoprodotto delle mutazioni della risposta allo stress”, afferma Nagasawa. Dopo aver esaminato i geni dei cani, il team ha dato agli animali due compiti per testare le loro interazioni con gli esseri umani. Nel primo, gli animali sono stati addestrati a trovare cibo nascosto sotto una delle due ciotole. Ogni cane è stato quindi incaricato di determinare quale ciotola avesse il cibo nascosto sotto guardando i segnali di uno sperimentatore. Nel secondo compito, i cani sono stati addestrati ad aprire un bidone per trovare cibo all’interno. Ad ogni cane è stato poi presentato lo stesso bidone, ma questa volta non è stato possibile forzarlo ad aprirsi. Il comportamento del cane è stato registrato per 2 minuti, mentre il team ha misurato la frequenza e la durata del tempo che l’animale ha trascorso a guardare gli sperimentatori.

Due mutazioni genetiche avrebbero reso il cane il miglior amico dell’uomo. Lo studio.

Nel primo compito, i ricercatori hanno scoperto che i cani con una mutazione specifica nel gene del recettore della melanocortina-2 potrebbero utilizzare in modo più efficace i segnali dello sperimentatore per scegliere la ciotola corretta. Nel secondo compito, i ricercatori hanno scoperto che i cani con un’altra mutazione nel gene del recettore della melanocortina 2 guardavano lo sperimentatore più a lungo dei cani senza questa variante genetica. Nagasawa dice che le mutazioni nel gene del recettore della melanocortina 2 possono aver ridotto la paura e l’aggressività nei cani, portandoli ad essere più coraggiosi nei loro approcci con gli esseri umani. “Crediamo che la comprensione degli animali che possono coesistere con gli esseri umani fornirà suggerimenti per gli esseri umani con cui coesistere … animali di altre specie”, dice Nagasawa

L’articolo Due mutazioni genetiche avrebbero reso il cane il miglior amico dell’uomo. Lo studio sembra essere il primo su Scienze Notizie.