Incredibile ritrovamento in Messico: scoperta un’antica statua Maya

La statua raffigurante la divinità del mais è stata riportata alla luce a Palenque.

Durante lo scavo di una sezione dell’antica città Maya di Palenque, gli archeologi in Messico sono rimasti sorpresi nel vedere la punta di un grande naso emergere da sotto la terra. Mentre spazzolavano con cura altri detriti a El Palacio apparvero narici, un mento e le labbra divise di una bocca semiaperta. Ora, l’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia del Messico (INAH) ha rivelato che l’antico volto faceva parte di una testa di stucco di 1.300 anni raffigurante un giovane Hun Hunahpu, il dio del mais Maya. Il ritrovamento è il primo del suo genere nel sito archeologico di Palenque, che si trova nello stato messicano meridionale del Chiapas. “La scoperta del deposito ci permette di capire come gli antichi Maya di Palenque hanno costantemente fatto rivivere il mitico passaggio sulla nascita, morte e resurrezione del dio del mais”, dice Arnoldo Gonzales Cruz, archeologo.

Incredibile ritrovamento in Messico: scoperta un’antica statua Maya.

Il mais non era solo un’importante fonte di cibo per i Maya, ma svolgeva anche un ruolo fondamentale nelle loro credenze. Secondo il Popol Vuh la storia della creazione in lingua K’iche’ dei Maya, gli dei crearono gli umani dal mais giallo e bianco e come tale, i Maya adoravano Hun Hunahpu, che credevano venisse decapitato ogni autunno intorno al periodo del raccolto, per poi rinasceva la primavera successiva all’inizio della nuova stagione di crescita. A causa di questo modello, i Maya associavano anche Hun Hunahpu al ciclo della vita umana e al cambiamento delle stagioni.

L’articolo Incredibile ritrovamento in Messico: scoperta un’antica statua Maya sembra essere il primo su Scienze Notizie.