Quattro consigli per progettare la casa di un anziano

Sappiamo bene quanto la casa rappresenti un punto di riferimento importante lungo l’intero corso della vita di una persona. E’ importante che sia progettata per rispondere, nelle varie fasi della vita, alle proprie esigenze e dovrà essere dotata di ogni comfort a prescindere dalle sue dimensioni. A fare la differenza è insomma la tipologia di persone che vive al suo interno. In presenza di persone anziane e con difficoltà motorie sarà per esempio importante fare determinate scelte, che renderanno la routine quotidiana più sicura. Gli ambienti dovranno essere progettati nel nome di due concetti chiave: l’ergonomicità dell’arredamento e la commisurazione degli spazi alle eventuali limitazioni fisiche della persona.

Il montascale contro le barriere architettoniche

In caso di un appartamento posto su due livelli sarà utile installare un montascale, accessorio indispensabile per prevenire le cadute e per consentire a chi si sposti in sedia a rotelle di raggiungere rapidamente qualsiasi stanza della casa. Stiamo parlando di macchinari all’avanguardia, che consentono di alzare l’asticella della sicurezza in casa, ecco perché è così importante affidarsi a esperti del settore come https://handicare-montascale.it/. Senza contare il fatto che la presenza del montascale può evitare di dover cambiare casa, andando in cerca di soluzioni al piano.

Doccia walk in e vasca da bagno con seduta

Il bagno è un ambiente cruciale nella vita di chiunque ma è anche potenzialmente pericoloso. Ecco perché in presenza di un anziano con difficoltà motorie o di persone che utilizzino ausili per muoversi sarà necessario fare attenzione a che questa stanza presenti un’ampiezza minima di due metri. Gli arredi devono essere posizionati in modo da agevolarne l’utilizzo, in più l’ideale sarà optare per una doccia walk in (senza piatto doccia rialzato) o per una vasca da bagno con sportello e seduta (così da evitare sforzi).

La disposizione degli arredi in cucina

Attenzione in cucina a fare in modo che mensole, elettrodomestici e frigorifero ma anche lavastoviglie e forno (l’ideale per quest’ultimo è stare sul metro e 20 centimetri da terra) non richiedano eccessivi sforzi per essere raggiunti. Si deve insomma mettere in condizioni l’anziano di muoversi con disinvoltura, lontano da potenziali pericoli. Per quanto riguarda la sala da pranzo, meglio optare per un tavolo da 4 facilmente allungabile in modo da accogliere in pochi gesti ospiti e amici (perfetta l’apertura ‘a libro’).

Piante, tappeti e poltrone: la disposizione in salotto

Il salotto è un luogo che deve essere rivoluzionato in presenza di un anziano. Per prima cosa si devono eliminare i tappeti, così da scongiurare rovinose cadute. Inoltre sarà importante disporre tutte le piante nei pressi della finestra, sia per agevolarne l’innaffiatura che per evitare che rappresentino barriere architettoniche o siano causa di inciampi. Tavoli e sedie andranno disposti lateralmente, in modo tale che il camminamento centrale e principale resti sempre sgombro.

Corridoi e illuminazione: le cose da sapere

Nei corridoi della casa si potrebbero posizionare delle strisce di luci LED lungo i battiscopa, in modo tale da guidare il percorso e condurre con sicurezza la persona in giro per le stanze avendo un punto di riferimento chiaramente visibile. L’illuminazione in una casa abitata da un’anziano è molto importante. Ok a luci dimmerabili per evitare sforzi della vista e a lampadari facili da usare anche via telefono. Meglio evitare le piantane, che possono rappresentare un ostacolo negli spostamenti.

L’articolo Quattro consigli per progettare la casa di un anziano sembra essere il primo su Scienze Notizie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.