Scopri l'offerta Prime!

Croazia: scoperto un antico anello contro il malocchio

Gli archeologi hanno trovato un bellissimo anello di 1.800 anni con un “occhio” utilizzato per proteggere chi lo indossava da incantesimi o maledizioni.

Gli archeologi in Croazia hanno trovato un notevole anello di 1.800 anni con un “occhio” utilizzato per proteggere l’utente da incantesimi o maledizioni, spesso noto come “malocchio”. La convinzione che uno sguardo di invidia o disgusto da parte di un’altra persona possa causare lesioni, sfortuna o persino la morte alla persona a cui è rivolto esiste da almeno 5.000 anni e ha spesso portato le persone ad adottare misure protettive, come indossare abbigliamento speciale o gioielli. L’anello era uno dei circa 200 oggetti recuperati sottoterra nella città orientale di Vinkovci, un’area nota per essere stata occupata molto prima dell’epoca romana. Mentre gli oggetti in ceramica rinvenuti risalgono al I-VI secolo d.C., l’ insolito anello risale al III secolo. Sull’anello c’è la sagoma di un coniglio o di un topo che mordicchia un fiore, simbolo di felicità, mentre sul bordo dell’anello c’è un occhio, che simboleggia la protezione contro la sfortuna. La testimonianza scritta del malocchio risale al 3000 a.C. circa, ai Sumeri che lasciarono una tavoletta di argilla con una preghiera per scongiurare la maledizione. Sorprendentemente, una frase simile è usata ancora oggi in molte culture in tutto il mondo, in particolare nel Mediterraneo . Tuttavia, si ritiene che la credenza in un “malocchio” risalga al Paleolitico superiore, poiché sono stati trovati disegni di 10.000 anni sulle pareti delle caverne in Spagna che sembrano raffigurare simboli per allontanare il malocchio.

La tradizione e il concetto variano ampiamente tra le diverse culture, ma la credenza nel malocchio esiste ovunque. È particolarmente forte in Medio Oriente, America centrale, Africa orientale e occidentale, Asia meridionale, Asia centrale ed Europa, in particolare nella regione mediterranea. Si è diffuso anche in aree, tra cui l’Europa settentrionale, in particolare le regioni celtiche e le Americhe, dove è stato portato da coloni europei e immigrati dal Medio Oriente. Il concetto appare più volte nell’Antico Testamento e si trova anche nella dottrina islamica, basata sull’affermazione di Maometto , “L’influenza del malocchio è un dato di fatto…” [Sahih Muslim, Libro 26, Numero 5427].tentativi di scongiurare la maledizione del malocchio hanno portato a numerosi talismani in molte culture, di solito dischi o sfere costituiti da cerchi concentrici blu e bianchi, un occhio blu o verde che appare su una mano e varie altre forme. Ma oltre ai talismani o ” portafortuna “, molte culture hanno adottato misure protettive nel tentativo di allontanare il malocchio. Ad esempio, i bambini asiatici a volte hanno il viso annerito, soprattutto vicino agli occhi, per proteggersi. Presso alcuni popoli asiatici e africani, il malocchio è particolarmente temuto quando si mangia e si beve, perché si ritiene che la perdita dell’anima è più frequente quando la bocca è aperta; in queste culture l’ingestione di sostanze è un’attività solitaria o avviene solo con i familiari stretti ea porte chiuse. Altri mezzi di protezione, comuni a molte tradizioni, includono il consumo di determinati alimenti , l’uso di testi sacri, l’uso di determinati gesti delle mani e l’esposizione di disegni o oggetti rituali. I romani indossavano persino un grande oggetto fallico intorno al collo per proteggersi, presumibilmente per attirare l’attenzione sull’occhio piuttosto che su chi lo indossa!

L’articolo Croazia: scoperto un antico anello contro il malocchio sembra essere il primo su Scienze Notizie.