Scopri l'offerta Prime!

I ratti ballano al ritmo di Michael Jackson e Lady Gaga

I ricercatori dell’Università di Tokyo hanno scoperto che la preferenza per certi ritmi, che porta l’uomo a riconoscere un battito, si riscontra anche in altre specie.

Ascolti una canzone per la prima volta. Ti piace. Quasi senza accorgertene, stai annuendo con la testa, forse anche seguendo il ritmo tamburellando con le dita sul tavolo. Anche se non hai mai sentito quegli accordi, puoi “prevederli” quasi senza sforzo. Perché la musica provoca una reazione complessa nel nostro cervello che coinvolge anche il resto del corpo, qualcosa che si pensava fosse un fenomeno esclusivo nell’uomo. Tuttavia, un nuovo studio pubblicato sulla rivista “Science Advances” rivela che altre specie possono apprezzare la musica nello stesso modo in cui la facciamo noi. O almeno i topi. Mentre gli animali reagiscono anche all’udire il rumore, possono emettere suoni ritmici o essere addestrati a rispondere alla musica, ciò non è lo stesso degli intricati processi neurali e motori che lavorano insieme per permetterci di riconoscere naturalmente il ritmo di una canzone o prevederlo. È una sincronicità. La novità di questo esperimento è che è stato testato con topi che non erano mai stati deliberatamente esposti alla musica o premiati per aver eseguito un movimento o un altro. La percezione del ritmo e del tempo all’interno del tempo 120-140 BPM (battiti al minuto) è nota per essere comune negli esseri umani. In altre parole, il ritmo 120-140 di canzoni come ‘ Beat it ‘, di Michael Jackson , o ‘ Viva la vida ‘, dei Coldplay, scatenano tutto questo stimolo nel nostro cervello che ci porta, spesso in modo irrefrenabile, a muoverci la testa al ritmo, motivo per cui molti compositori tengono conto di quel ritmo quando creano le loro composizioni.

Il ricercatore giapponese Yoshiki Ito e il suo team dell’Università di Tokyo hanno cercato di scoprire se il “gusto” per questo ritmo si manifestasse anche in altre specie. Si è quindi partiti da due possibili ipotesi: una prima teoria che postula che il ritmo ottimale di ogni animale sia determinato dalla struttura corporea e dal movimento fisico di ogni esemplare (ovvero che animali di taglia diversa avrebbero preferenze diverse a seconda delle pulsazioni). O che, al contrario, la chiave non è nel corpo, ma nel cervello, e che la preferenza per il ritmo (da 120 a 140 BPM) sarebbe simile per tutte le specie. Per verificarlo è stato condotto un esperimento in cui hanno messo 10 topi non addestrati ad ascoltare la ‘Sonata per due pianoforti’ di Mozart a quattro tempi diversi: 99 (75%), 132 (100%), 264 (200%) e 528 (400%) BPM. Sono state campionate anche altre canzoni ” Born This Way “, di Lady Gaga ; ” Another on bites the dust ”, dei Queen, ma anche brani di Zucchero, dei Maroon 5 ; e, infine, appunto ‘ Beat it ‘, di Michael Jackson. Mentre i soggetti del test ascoltavano le canzoni i ricercatori hanno osservato l’accelerazione dei loro movimenti utilizzando sensori e lo scuotimento della testa, oltre a misurare la loro attività neurale. Hanno fatto lo stesso con 20 volontari umani. I risultati hanno concluso che sia i ratti che gli esseri umani erano predisposti a 120-140 BPM, supportando la percezione che la frequenza cardiaca e la tempistica possano essere inerenti all’attività neurale nel cervello, piuttosto che influenzate dalle dimensioni e dalla velocità dei movimenti generali del corpo di una specie, in oltre ad aprire la porta per studiare il ritmo in altre specie animali oltre l’uomo. Inoltre, il team ha anche scoperto che sia i ratti che gli umani scuotevano la testa a tempo con ritmi simili, con il livello di scuotimento della testa che diminuiva quanto più la musica veniva accelerata. “I ratti hanno mostrato una sincronizzazione innata dei battiti, ovvero senza alcun precedente addestramento o esposizione alla musica, in maniera più evidente entro 120-140 bpm“, afferma Hirokazu Takahashi, un altro degli autori dello studio. “La musica esercita una forte attrazione sul cervello e ha effetti profondi sulle emozioni e sulla cognizione. Per usare la musica in modo efficace, dobbiamo rivelare il meccanismo neurale alla base di questo fatto empirico“.

L’articolo I ratti ballano al ritmo di Michael Jackson e Lady Gaga sembra essere il primo su Scienze Notizie.