Didattica a Distanza: consigli per i genitori 

Didattica a Distanza: consigli per i genitori per creare un ambiente efficace per lo studio dei propri figli. 

La Didattica a Distanza ha creato non pochi disagi e malumori. Gli studenti si sono ritrovati a dover studiare e seguire le lezioni da casa, attraverso un PC. Ecco alcuni consigli per i genitori per supportare i propri figli durante la DAD.

Creare un ambiente efficace per lo studio

La DAD ha annullato i confini tra casa e scuola. Per questo è molto importante che gli studenti abbiano una postazione dedicata allo studio, che permetta loro di concentrarsi il più possibile durante l’orario scolastico. È quindi utile che abbiano una scrivania ordinata e pulita e una sedia comoda per poter seguire le lezioni senza distrazioni, rimanendo concentrati. Inoltre, è fondamentale verificare che lo strumento hardware (PC, tablet) sia adeguato e la connessione a Internet funzioni correttamente e assicurarsi che il proprio figlio sia in grado di accedere al device e alle piattaforme necessarie per lo svolgimento delle lezioni.

Gestire il tempo davanti allo schermo

È molto importante stabilire un equilibrio tra le attività online e le attività offline: programmare momenti dedicati all’attività fisica, di gioco, di riposo, di lettura o anche semplicemente momenti lontani dalla tecnologia è fondamentale. In questo modo, i bambini e i ragazzi potranno dedicare del tempo a nuovi hobby e passioni e saranno più motivati e concentrati.

Creare una routine

La creazione di una routine è fondamentale per mantenere i bambini e i ragazzi motivati, rispettando le scadenze e adempiendo alle responsabilità. Per questo è importante fissare degli orari e mantenere delle sane abitudini. Inoltre, è fondamentale trovare un equilibrio tra le attività scolastiche e il tempo libero dei ragazzi. 

Monitorare le attività 

Con lo spostamento delle lezioni online sono aumentate anche le distrazioni per gli studenti. È quindi importante assicurarsi che i propri figli seguano le lezioni, monitorando i progressi dei propri figli ad esempio facendo domande sull’argomento della lezione. 

DAD non vuol dire Didattica Digitale

La Didattica Digitale non è sinonimo di Didattica a Distanza. Oggi il digitale offre tantissime risorse che non intendono sostituirsi alla didattica tradizionale, ma mirano a offrire un supporto e potenziare le opportunità per gli studenti, come mai prima d’ora. Il digitale è, ad esempio, un supporto per gli studenti con DSA, che possono usufruire di strumenti compensativi  come il text to speech e la scelta del carattere di lettura.

La piattaforma di didattica digitale redooc.com è una risorsa e un supporto per le famiglie e gli studenti dalla Scuola dell’Infanzia all’Università. La piattaforma è interamente gamificata e pensata per trasformare l’apprendimento in gioco con esercizi interattivi su tre livelli, punti, classifiche, avatar, diplomi e gare online.  Sono presenti contenuti di matematica, italiano, inglese, scienze, fisica, letteratura, storia e filosofia (in continuo aggiornamento), sviluppati in linea con le indicazioni ministeriali. Ci sono anche sezioni di giochi e laboratori, educazione civica e educazione finanziaria per  stimolare la curiosità! Il tutto con una grande attenzione all’accessibilità per tutti gli stili di apprendimento, con mappe mentali e strumenti interattivi per imparare le quattro operazioni di base e le equivalenze. Grazie al Profilo Genitore, inoltre, è possibile monitorare l’attività dei propri figli, per conoscere i loro punti di forza e di debolezza e aiutarli nello studio, anche nei periodi di DAD.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.