Come tre ittiosauri giganti sono arrivati ​​in cima alle Alpi?

I ricercatori ritengono che i rettili marini, situati a 2.800 metri sul livello del mare, abbiano raggiunto le dimensioni dei capodogli

Gli ittiosauri, rettili che dominavano i mari mentre i dinosauri dominavano la terra, hanno raggiunto dimensioni impressionanti durante la loro evoluzione. 200 milioni di anni fa, gli esemplari più grandi erano lunghi circa 20 metri. Avrebbero potuto rivaleggiare con un moderno capodoglio, uno degli animali più grandi del pianeta. Tuttavia, nonostante le loro dimensioni impressionanti, non hanno lasciato quasi nessun fossile, quindi molti aspetti della loro vita rimangono un mistero. Un team di ricercatori dell’Università di Bonn ha riesaminato i resti di tre ittiosauri rinvenuti sulla cima dei Grigioni (Svizzera orientale), in alta montagna, durante una mappatura geologica effettuata tra il 1976 e il 1990. Più di 200 milioni di anni prima, gli strati rocciosi con i fossili coprivano ancora il fondale marino. Tuttavia, con il ”piegarsi” delle montagne, sono arrivate a 2.800 metri di altitudine. I risultati, pubblicati sul Journal of Vertebrate Paleontology, confermano che i fossili provengono da tre diversi animali vissuti circa 205 milioni di anni fa. Del primo c’è solo un dente gigante trovato in una montagna vicino a Davos. Della seconda, un insieme di sette vertebre che suggeriscono una lunghezza di circa quindici metri. E la terza è rappresentata da un’unica vertebra con dieci costole che indicano che potrebbe misurare 20 metri. I ricercatori hanno trovato il dente particolarmente interessante, poiché è enorme per gli standard dell’ittiosauro. “La sua radice ha un diametro di 6 cm, mentre il dente più grande fino ad oggi era di 2 cm e proveniva da un ittiosauro lungo quasi 18 metri“, spiega Martin Sander, della Sezione di Paleontologia dell’Istituto di Geoscienze dell’Università di Bonn. Il dente gigante potrebbe far pensare che il suo proprietario fosse particolarmente grande. Ma i ricercatori ritengono improbabile che gli ittiosauri che popolavano gli oceani primordiali fossero molto più giganteschi di quanto si pensasse in precedenza. “In generale, gli ittiosauri avevano denti, solitamente conici, che usavano per catturare pesci e calamari, il loro cibo principale. Il più grande, che si nutriva di plancton, non aveva denti. Tuttavia, il dente gigante che descriviamo indica che c’erano ittiosauri giganti con i denti“, spiega il ricercatore. Nonostante ciò “il diametro del dente non può essere utilizzato per dedurre direttamente la lunghezza del suo proprietario“, aggiunge. Sander spiega che non sono possibili predatori più grandi di un capodoglio. Questo perché il gigantismo estremo e uno stile di vita predatorio (che richiede denti) sono incompatibili. C’è un motivo se l’animale più grande del nostro tempo, la balenottera azzurra, che può raggiungere i 30 metri di lunghezza e pesare 150 tonnellate, non ha denti. Mentre la balenottera azzurra filtra minuscole creature dall’acqua, il capodoglio dentato (20 metri e 50 tonnellate) è un cacciatore perfetto.

Come tre ittiosauri giganti sono arrivati ​​in cima alle Alpi?

I predatori marini, quindi, probabilmente non possono essere molto più grandi di un capodoglio”, afferma Sander. Questo modello si vede anche nei moderni mammiferi terrestri. Quindi il dente potrebbe non provenire da un ittiosauro particolarmente gigantesco, ma da un ittiosauro con denti particolarmente giganteschi. Ma perché sappiamo così poco degli ittiosauri se erano animali così grandi e spettacolari? “Sappiamo molto sul Giurassico classico, ma gli ultimi 35 milioni di anni prima dell’inizio del Giurassico, noto come Tardo Triassico, hanno una documentazione molto incompleta di animali vertebrati marini. Potresti chiamarlo un “buco nero” nella documentazione sui fossili“. Aggiunge: “Non sappiamo perché i dati siano così scarsi, ma è un grosso problema e un imbarazzo per i paleontologi. Sto cercando di raccogliere 3 milioni di euro per trovare i giganti scomparsi“. Materiale molto più altamente frammentario di ittiosauri giganti, trovato negli stessi antichi sedimenti provenienti da diverse località delle Alpi svizzere orientali e aree adiacenti in Austria, è conservato da Heinz Furrer dell’Istituto paleontologico e Museo dell’Università di Zurigo. “Questi animali sono stati i principali predatori in mare a quel tempo e occasionalmente si sono cacciati in cerca di prede nell’ampio bacino poco profondo della Formazione Koessen, popolato da una grande diversità di invertebrati, ma anche pesci ossei e squali, e altri rettili marini come ittiosauri, rettili più piccoli e placodonti“, spiega. Il ricercatore è convinto che si potrebbero trovare più fossili. “Tuttavia, hai bisogno di molto tempo per la prospezione, un po’ di esperienza di caccia ai fossili, resistenza e anche un po’ di fortuna“, dichiara.

L’articolo Come tre ittiosauri giganti sono arrivati ​​in cima alle Alpi? sembra essere il primo su Scienze Notizie.