Venere ha più attività vulcanica di quanto si pensasse in precedenza

I numerosi vulcani di Venere sono ancora attivi e potrebbero eruttare a un ritmo simile a quello dei vulcani sulla Terra, ha scoperto una nuova ricerca.

Gli scienziati sanno da tempo che Venere è disseminata di vulcani, ma sono state trovate poche prove di attività vulcanica più recente rispetto a circa 2,5 milioni di anni fa. Ora, secondo un nuovo articolo pubblicato sulla rivista Nature Astronomy , gli astronomi hanno individuato cambiamenti avvenuti sulla superficie del pianeta tra il 1990 e il 1992, probabilmente causati da nuove colate di lava. Venere è il secondo pianeta più vicino al nostro Sole ed è spesso chiamato il “pianeta gemello” della Terra a causa delle sue dimensioni e composizione simili. Tuttavia, Venere ha un’atmosfera densa e tossica composta principalmente da anidride carbonica, con nubi di acido solforico , e ha una pressione atmosferica sulla superficie di circa 92 volte quella terrestre. Questa densa atmosfera rende difficile per gli astronomi osservarne la superficie. È anche il pianeta più caldo del sistema solare, con temperature superficiali medie di circa 870 gradi Fahrenheit. La superficie di Venere è geologicamente relativamente giovane, con pochi crateri da impatto, il che indica che è stata riemersa dall’attività vulcanica negli ultimi 300-500 milioni di anni. Il paesaggio comprende vaste pianure, regioni montuose e numerose caratteristiche vulcaniche come vulcani a scudo e cupole di lava. L’area di Sif Mons su Venere con la regione vulcanica attiva evidenziata in rosso e (nel riquadro) un’immagine di Venere scattata dalla navicella spaziale Mariner 10 della NASA. Venere potrebbe essere più vulcanicamente attiva di quanto si pensasse. Secondo il nuovo studio, tuttavia, potrebbero esserci prove di attività vulcanica negli ultimi decenni nascoste nei vecchi dati di mappatura radar globale della navicella spaziale Magellano negli anni ’90. I ricercatori hanno confrontato i dati radar del 1990 e del 1992 e hanno trovato cambiamenti nella superficie di Venere in due aree: nella Niobe Planitia e sul fianco occidentale di Sif Mons e nella Niobe Planitia occidentale. Questi cambiamenti potrebbero indicare che l’attività vulcanica si era verificata durante quel periodo di due anni, con i cambiamenti che potrebbero essere stati causati da nuove colate di lava. “Suggeriamo che questi cambiamenti siano spiegati più ragionevolmente come prova di nuovi flussi di lava legati ad attività vulcaniche che hanno avuto luogo durante la missione di mappatura della navicella spaziale Magellano con il suo radar ad apertura sintetica. Questo studio fornisce ulteriori prove a sostegno di Venere attualmente geologicamente attiva, ” scrivono i ricercatori nel documento.

Venere ha più attività vulcanica di quanto si pensasse in precedenza

“Non solo Venere potrebbe essere molto più attivo dal punto di vista vulcanico di quanto precedentemente ipotizzato, ma la sua attività vulcanica potrebbe anche essere dello stesso ordine di grandezza di quella stimata per la Terra”. Questi risultati potrebbero indicare che Venere è ancora molto attivo dal punto di vista geologico e, considerando la distanza tra le due località, questa attività vulcanica è diffusa in tutto il pianeta. Inoltre, gli autori suggeriscono che Venere potrebbe essere altrettanto vulcanicamente attiva quanto lo è oggi la Terra. “Le portate di 25,2 e 37,8 [km cubi all’anno], che abbiamo stimato considerando lo spessore massimo di 20 m, sono paragonabili al tasso medio di collocazione del magma e della produzione vulcanica sulla Terra negli ultimi 180 [milioni di anni], ” scrissero. “Venere può sperimentare fino a 42 eruzioni all’anno, con circa 20 eruzioni che si verificano in un periodo di 60 giorni.”

L’articolo Venere ha più attività vulcanica di quanto si pensasse in precedenza sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top