Vaccino mRNA per il cancro al cervello: Svolta nei trial clinici su cani e pazienti umani

Vaccino mRNA per il cancro al cervello: Svolta nei trial clinici su cani e pazienti umani
Il glioma è fatale per i cuccioli e una diagnosi grave negli esseri umani speriamo che questo nuovo trattamento possa aiutarci entrambi. (Maria Sbytova/Shutterstock.com)

Un nuovo candidato vaccino a base di mRNA per il cancro aggressivo al cervello ha mostrato promesse in un piccolo trial clinico che ha segnato una svolta significativa nella ricerca medica. Oltre a testare il vaccino su un gruppo limitato di pazienti umani affetti da cancro, i ricercatori hanno anche coinvolto 10 cani domestici nei loro studi. Questo approccio è comune nel campo della ricerca farmaceutica, dove gli animali vengono spesso utilizzati come modelli per testare nuovi farmaci e trattamenti prima di passare agli esseri umani.

Nei test sugli animali, gli scienziati cercano di replicare le condizioni umane il più fedelmente possibile, utilizzando modelli animali con sistemi organici simili a quelli umani. Nel caso di questo vaccino a base di mRNA, la fase di test sugli animali è stata completata con successo nei topi, ma è stato un passo successivo a rendere il trial ancora più innovativo.

I cani sono l’unica specie non umana che può sviluppare tumori cerebrali spontanei, rendendoli un modello unico per testare trattamenti in un contesto più naturale. In questo studio, i proprietari di 10 cani domestici hanno acconsentito alla partecipazione dei loro amici a quattro zampe. Questi cani soffrivano di un tipo di cancro cerebrale chiamato glioma, una malattia universalmente fatale. Il trial clinico ha offerto loro l’unica opzione di trattamento disponibile.

Rispetto alla sopravvivenza media di 30-60 giorni dopo una diagnosi di glioma, i cani trattati con il vaccino hanno vissuto per una mediana di 139 giorni, consentendo loro di ricevere più trattamenti e godere di più tempo con i loro proprietari. Dopo i risultati positivi ottenuti sia nei topi che nei cani, il team ha esteso il trial a quattro pazienti umani affetti da glioblastoma, la forma più aggressiva di cancro al cervello con un basso tasso di sopravvivenza.

È ancora presto per valutare appieno gli effetti clinici del vaccino, ma tutti i pazienti trattati hanno mostrato una maggiore sopravvivenza rispetto alle aspettative. Questi risultati promettenti hanno spinto i ricercatori a pianificare un trial di Fase I più ampio che includerà sia bambini che adulti.

Il vaccino per il glioblastoma si basa sull’utilizzo di mRNA, che consente una personalizzazione del trattamento per ogni paziente. Questo approccio innovativo prevede l’utilizzo di gruppi di particelle di mRNA avvolte l’una intorno all’altra, che stimolano in modo più efficace il sistema immunitario rispetto alle singole particelle.

Questo metodo di somministrazione accelera la risposta del sistema immunitario, preparandolo a combattere le cellule tumorali residue. La combinazione di personalizzazione e somministrazione innovativa del vaccino potrebbe rappresentare un nuovo paradigma nel trattamento del cancro, aprendo la strada a terapie combinate e modulazioni del sistema immunitario.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Cell, ha dimostrato che il vaccino a base di mRNA ha generato risposte simili e forti tra topi, cani domestici e pazienti umani affetti da cancro al cervello. Questa scoperta è di fondamentale importanza, poiché conferma l’efficacia del vaccino in diverse specie e suggerisce un potenziale impatto significativo nel trattamento del cancro cerebrale.

Links:

L’articolo Vaccino mRNA per il cancro al cervello: Svolta nei trial clinici su cani e pazienti umani sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top