Utilizzano droni per esaminare pareti rocciose, scoprono incisioni risalenti a circa 2.000 anni fa

La tecnologia dei droni ha consentito ai ricercatori di mappare antiche opere d’arte rupestre in Venezuela e Colombia, rivelando figure di serpenti giganti e simboli culturali delle civiltà preistoriche.

Le raffigurazioni su roccia scoperte dai ricercatori delle università di Bournemouth (Regno Unito), University College di Londra (Regno Unito) e Universidad de los Andes (Colombia) sono considerate la più ampia collezione di arte rupestre preistorica a livello globale. Queste raffigurazioni, trovate sulle pareti rocciose lungo il tratto superiore e medio del fiume Orinoco in Venezuela e Colombia, includono un’ampia varietà di immagini, come enormi serpenti, figure umane e grandi millepiedi amazzonici. Alcune delle raffigurazioni sono di dimensioni straordinarie, con la più grande che supera i 40 metri. Questa incisione di dimensioni monumentali rappresenta un serpente gigante ed è considerata la più grande incisione su roccia mai registrata. La scoperta di queste incisioni è stata resa possibile grazie alla collaborazione con le guide locali e all’impiego della fotografia aerea tramite droni, che ha consentito di mappare 14 siti con incisioni rupestri di dimensioni monumentali, definite tali per la loro altezza o larghezza superiore ai quattro metri. Sebbene sia difficile stabilire con precisione l’epoca di queste incisioni, motivi simili trovati su ceramiche della stessa area suggeriscono che possano avere un’età di circa 2.000 anni, se non di più. Le raffigurazioni di maggiori dimensioni spesso rappresentano serpenti, probabilmente boa constrictor o anaconda, che rivestono un ruolo significativo nei miti e nelle credenze delle popolazioni indigene locali.

Utilizzano droni per esaminare pareti rocciose, scoprono incisioni risalenti a circa 2.000 anni fa

Il dottor Phil Riris, docente di modellistica ambientale archeologica presso l’Università di Bournemouth, ha spiegato che questi siti sono imponenti e dovevano essere visibili da una notevole distanza. Ha evidenziato che i serpenti, associati a divinità creatrici e considerati creature letali, potevano fungere da segnali di avvertimento per delimitare il territorio e suggerire il comportamento appropriato. Il dottor José Oliver dell’Istituto di Archeologia dell’UCL ha aggiunto che le incisioni si concentrano lungo il tratto del fiume Orinoco noto come Rapids di Atures, un’importante rotta commerciale e di viaggio preistorica. Secondo Oliver, queste incisioni erano concepite per essere viste dal fiume, il principale mezzo di trasporto dell’epoca, e avevano lo scopo di marcare l’identità locale e avvertire i viaggiatori. Pubblicando le loro scoperte sulla rivista Antiquity, il gruppo di ricerca ha sottolineato l’importanza di proteggere questi siti monumentali per assicurarne la conservazione e la continua ricerca, con il coinvolgimento delle popolazioni indigene dell’Orinoco. La dottoressa Natalia Lozada Mendieta dell’Universidad de los Andes ha affermato che, sebbene abbiano registrato questi siti presso le autorità del patrimonio nazionale di Colombia e Venezuela, le comunità locali sentono un forte legame con l’arte rupestre e potrebbero essere i migliori custodi di questo patrimonio. La ricerca è stata finanziata dal Leverhulme Trust, dalla Society of Antiquaries of London, dall’Universidad de los Andes, dalla Fundación de Investigaciones Arqueológicas Nacionales (Colombia) e dalla British Academy.

Fonte:

https://www.cambridge.org/core/journals/antiquity/article/monumental-snake-engravings-of-the-orinoco-river/147F83AA4381153C4D0F4EA4817B3766

L’articolo Utilizzano droni per esaminare pareti rocciose, scoprono incisioni risalenti a circa 2.000 anni fa sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top