Usare pianeti erranti per viaggiare verso altre stelle? Per uno studio è possibile

Un nuovo studio propone un modo in cui sia l’umanità che altre civiltà intelligenti potrebbero sfuggire alla morte delle stelle che le hanno generate.

Tra molto, molto tempo, il Sole diventerà una gigante rossa e distruggerà la Terra. Ciò avverrà tra circa 5.000 milioni di anni, ma molto prima, tra “solo” un miliardo di anni, la nostra stella sarà cambiata in modo tale che la vita sul nostro pianeta, come la conosciamo oggi, non sarà più possibile. A questo punto l’unica strada sarebbe lasciare il Sistema Solare e cercare una nuova casa tra le stelle; un viaggio del tutto impossibile con la tecnologia disponibile. Basti pensare che oggi abbiamo bisogno di cinque lunghi anni di viaggio solo per posizionare un orbiter su Giove, e anche se potessimo raggiungere la velocità della luce in futuro, saremmo comunque troppo lenti per coprire le enormi distanze che ci separano dalle stelle. A 300.000 chilometri al secondo, infatti, ci vorrebbero ancora più di 4 anni di viaggio per raggiungere Proxima Centauri, la stella più vicina al Sole. Quale sarebbe, allora, il modo migliore per scappare rapidamente da un Sole morente e distruttore di pianeti? Secondo Irina Romanovskaya, docente di Fisica e Astronomia al Community College di Houston, la soluzione, sia per noi che per qualsiasi altra civiltà avanzata della galassia, sarebbe quella di utilizzare qualche pianeta vagante nelle vicinanze al posto delle navicelle. I pianeti erranti vagano soli nello spazio, senza legami a nessuna stella. Espulsi dai loro sistemi domestici alla nascita da forti “calci di gravitazionali”, questi corpi celesti vagano per lo spazio interstellare come vagabondi senza meta. In un articolo appena pubblicato sull’International Journal of Astrobiology , il ricercatore suggerisce che altre civiltà in pericolo potrebbero utilizzare questo sistema per spostarsi verso altre stelle. Propongo“, scrive Romanovskaya, “che le civiltà extraterrestri possano utilizzare pianeti fluttuanti come mezzi di trasporto interstellari per raggiungere, esplorare e colonizzare i sistemi planetari“.

I pianeti canaglia sono molto più numerosi di quanto si pensasse fino a pochi anni fa e le ultime stime suggeriscono che ce ne siano miliardi sparsi per la galassia. In una singola osservazione, ad esempio, nel dicembre 2021, un team di astronomi del Laboratorio di astrofisica di Bordeaux e dell’Università di Vienna hanno scoperto settanta nuovi “pianeti canaglia” in una regione stellare vicina, situata tra le costellazioni dello Scorpione e Ofiuco. Cioè solo nella Via Lattea potrebbe essercene un numero enorme, 50.000 milioni secondo uno studio pubblicato nel 2020 su Astronomy & Astrophysics. Di solito immaginiamo questi pianeti solitari come luoghi freddi, inospitali e oscuri. E in effetti lo sono, anche se molti di loro potrebbero riservare sorprese, come gli oceani sotterranei che si mantengono caldi grazie alle radiazioni emesse dal pianeta stesso. Oceani in cui potrebbe anche esserci vita. Se ad un certo punto del suo viaggio un pianeta errante che trasporta forme vita viene “catturato” dalla gravità di una stella, terminerà il suo viaggio e si stabilirà in un nuovo sistema solare. E se la natura è in grado di farlo, ritiene Romanovskaya, anche una civiltà potrebbe trarne vantaggio e provare la stessa cosa. I pianeti fluttuanti possono fornire una gravità superficiale costante, grandi quantità di spazio e risorse. ”I pianeti canaglia con oceani superficiali e sotterranei possono fornire acqua come risorsa di consumo e per la protezione dalle radiazioni spaziali“. Pertanto, una civiltà sufficientemente avanzata che vedesse minacciata la sua esistenza potrebbe ottenere ciò di cui ha bisogno per stabilirsi su uno di quei mondi e viaggiare con esso per un periodo indefinito, fino a trovare una destinazione migliore. L’autore propone quattro possibili scenari in cui qualcosa del genere sarebbe possibile. Nel primo, una civiltà in pericolo di morte approfitterebbe del passaggio ravvicinato di un pianeta errante per trasferirsi su di esso. Nel nostro caso, molti pensano che la Nube di Oort, una fascia di frammenti spaziali che circonda completamente il Sistema Solare, possa ospitarne un buon numero. Secondo Romanovskaya, le stelle con una massa solare compresa tra 1 e 7 volte che lasciano la sequenza principale ed entrano in una fase distruttiva possono espellere gli oggetti della nuvola di Oort dai loro sistemi in modo che questi oggetti vengano liberati dalle loro stelle ospiti. Ma quante volte succede una cosa del genere? Uno studio del 2015 ha mostrato che la stella binaria W0720, nota come stella di Sholz’, è passato attraverso la nuvola di Oort circa 70.000 anni fa. E sebbene fosse una stella, e non un pianeta, ha dimostrato che questi oggetti “vagabondi” possono passare relativamente vicino a noi. Se è vero che ci sono decine di miliardi di pianeti canaglia nella nostra galassia, è del tutto possibile che alcuni di loro siano passati vicino alla Terra prima che avessimo i mezzi per rilevarli. Ma se ciò dovesse accadere in futuro, rileveremmo il pianeta molto prima del suo arrivo e saremmo in grado di raggiungerlo se necessario. E lo stesso vale per altre civiltà avanzate. Il secondo scenario, per ora lontano dalla portata, prevede l’uso della tecnologia per “guidare” un pianeta canaglia. Con una tecnologia sufficiente, una civiltà avanzata potrebbe selezionare un oggetto dalla propria Nube di Oort e utilizzare un sistema di propulsione per guidarlo in un’orbita sicura vicino al loro pianeta. Con un anticipo sufficiente, quella civiltà potrebbe adattare l’oggetto alle sue esigenze, ad esempio costruendo rifugi sotterranei e altre infrastrutture necessarie. Forse, con la giusta tecnologia, potrebbe persino alterare o creare un’atmosfera. Per Romanovskaya si potrebbe usare il pianeta nano Sedna nel nostro Sistema Solare come esempio. Sedna ha un’orbita molto eccentrica che la porta da 76 UA dal Sole a 937 UA (circa 140.000 milioni di km) in un viaggio che dura 11.000 anni. Ma con abbastanza tecnologia e tempo, un oggetto come Sedna potrebbe diventare una nave di fuga. Per Romanovskaya “le civiltà in grado di farlo – concludono gli esperti – sarebbero civiltà avanzate che hanno già esplorato i loro sistemi planetari a distanze di almeno 60 UA (9 miliardi di km) dalle loro stelle ospiti“.

L’articolo Usare pianeti erranti per viaggiare verso altre stelle? Per uno studio è possibile sembra essere il primo su Scienze Notizie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.