Uno studio conferma che il Viagra riduce il rischio di Alzheimer di oltre il 50%

Un farmaco approvato dalla FDA e utilizzato per trattare la disfunzione erettile potrebbe presto essere raccomandato come terapia per ridurre il rischio di malattia di Alzheimer. Analizzando i dati dell’assicurazione medica insieme a un’indagine di laboratorio sugli effetti genetici e neurologici del sildenafil – un farmaco venduto comunemente con il marchio Viagra – i ricercatori negli Stati Uniti hanno convalidato il potenziale del farmaco nell’evitare che le proteine ​​critiche nelle cellule nervose si aggroviglino in un ”pasticcio mortale”. Gli studi hanno ripetutamente dimostrato che i bloccanti enzimatici chiamati inibitori della fosfodiesterasi (PDE) non solo hanno la capacità di promuovere il flusso sanguigno nel pene, ma potrebbero prevenire la neurodegenerazione responsabile della demenza. Questo potenziale potrebbe non essere poi così sorprendente, dato che è noto che le PDE sono coinvolte nelle vie di segnalazione nervosa che influenzano la neuroplasticità. Precedenti indagini su modelli animali hanno dimostrato che l’inibitore della PDE sildenafil riduce l’eccessiva fosforilazione delle proteine ​​”tau” nelle cellule nervose che le induce a formare grovigli tossici, contribuendo a migliorare la salute cognitiva e la memoria.

Uno studio conferma che il Viagra riduce il rischio di Alzheimer di oltre il 50%

Eppure non tutte le ricerche sono state così lusinghiere, e alcuni studi non sono riusciti a notare alcun effetto a livello di popolazione. E sebbene i farmaci possano avere un effetto a livello neurologico, i meccanismi alla base di questo processo non sono ancora del tutto chiari. Ricercatori negli Stati Uniti hanno utilizzato colture cellulari di neuroni creati da cellule staminali donate da pazienti affetti da Alzheimer per mappare l’attività metabolica e genetica dietro gli effetti terapeutici del sildenafil. Dopo cinque giorni di trattamento, i neuroni coltivati ​​in laboratorio hanno prodotto livelli significativamente più bassi di proteine ​​tau con l’aggiunta di concentrazioni eccessive di fosforo, confermando la capacità del sildenafil di proteggere le cellule cerebrali. Una lettura dei messaggi prodotti dal DNA delle cellule ha rilevato centinaia di cambiamenti nell’espressione dei geni, molti dei quali riguardano l’infiammazione, l’interruzione della comunicazione tra i nervi e la guida delle strutture delle cellule nervose. Anche se saranno necessari ulteriori studi per individuare esattamente come queste sottili influenze possano essere coinvolte nella patologia alla base dell’Alzheimer, la comprensione delle principali famiglie di geni influenzate dal sildenafil ha fornito una solida base per capire perché funziona e forse perché alcuni cervelli sviluppano l’Alzheimer in primo luogo. Una seconda caratteristica dello studio ha utilizzato l’intelligenza artificiale per cercare segni di funzionamento del sildenafil sulla popolazione. Precedenti studi hanno utilizzato i dati dell’assicurazione medica per scoprire che il sildenafil può ridurre il rischio di malattia di Alzheimer di circa il 60%. Eppure questi si basavano su un unico database assicurativo, potenzialmente perdendo variabili che avrebbero potuto rivelare una conclusione diversa. Inoltre, questi studi hanno suggerito che i pazienti trattati per l’ipertensione polmonare o l’ipertensione polmonare (PH) non hanno riscontrato lo stesso calo del rischio di demenza. I ricercatori hanno incluso quattro trattamenti comunemente prescritti per l’IP nella loro analisi dei dati, non solo confermando che il sildenafil riduceva il rischio di Alzheimer di circa il 60%, ma trovando dopotutto una riduzione del rischio nelle persone con ipertensione polmonare. “Dopo aver integrato questa grande quantità di dati a livello computazionale, è gratificante vedere gli effetti del sildenafil sui neuroni umani e i risultati sui pazienti nel mondo reale“, afferma Feixiong Cheng, informatico biomedico della Cleveland Clinic e co-primo autore. “Crediamo che i nostri risultati forniscano le prove necessarie per gli studi clinici per esaminare ulteriormente la potenziale efficacia del sildenafil nei pazienti con malattia di Alzheimer“. Con il sildenafil già approvato dalla FDA per la disfunzione erettile, dimostrarne la sicurezza e l’efficacia nel ridurre il rischio di Alzheimer potrebbe fornire alle autorità sanitarie un mezzo rapido per affrontare quella che sembra essere una crescente ondata di demenza. Le popolazioni che invecchiano in tutto il mondo possono aspettarsi che il numero di individui che vivono con demenza raddoppi ogni 20 anni, da poco meno di 80 milioni alla fine di questo decennio a quasi 140 milioni entro la metà del secolo. Se abbiamo già una pillola a portata di mano in grado di mantenere bassi questi numeri, ricerche come questa saranno fondamentali per dimostrarne il valore.

Fonte:

https://content.iospress.com/articles/journal-of-alzheimers-disease/jad231391#ref011

L’articolo Uno studio conferma che il Viagra riduce il rischio di Alzheimer di oltre il 50% sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top