Una tartaruga in Brasile riceve una protesi stampata in 3D per tornare a camminare

Una tartaruga in Brasile riceve una protesi stampata in 3D per tornare a camminare
Filó la tartaruga che indossa la sua nuova invenzione. (Immagine cortesia di Giuliano Setem/Cícero Moraes)

Una tartaruga in Brasile ha ricevuto una nuova possibilità di vita grazie a una protesi stampata in 3D unica nel suo genere. Filó, una Chelonoidis carbonarius di 25 anni – o jabuti, come viene chiamata localmente – era rimasta impossibilitata a camminare a seguito di un intervento chirurgico per correggere una grave condizione riproduttiva, ma ora si muove velocemente su ruote.

Il dottor veterinario Giuliano Setem ha dichiarato a Scienze Notizie di non aver mai avuto un paziente [tartaruga] con un infortunio così grave prima di incontrare Filó. Pesando 20 chilogrammi (44 libbre), il rettile è stato affidato alle cure del dottor Setem dopo aver sviluppato complicazioni da un’operazione per trattare la ritenzione delle uova.

Questo si verifica quando una dieta povera, la mancanza di luce solare o altri fattori legati allo stile di vita disturbano la capacità di una tartaruga di produrre calcio. Ciò porta a uova con gusci deboli o deformate che si rompono all’interno del sistema riproduttivo dell’animale, rilasciando il loro contenuto e creando le condizioni ideali per un’infezione batterica.

Quando viene diagnosticata la ritenzione delle uova, i veterinari solitamente eseguono un’operazione di routine per rimuovere le uova insieme all’intero sistema riproduttivo. Sfortunatamente per Filó, la sua operazione è stata eseguita da un veterinario non specializzato in rettili.

Dopo l’operazione, la tartaruga ha subito una necrosi dell’osso plastrone, che forma la parte inferiore del carapace e protegge l’addome. Una parte del plastrone si è quindi staccata, esponendo la membrana coelomica.

“Oltre alla perdita di una porzione del suo carapace, Filó ha anche sviluppato una paresi [paralisi parziale] degli arti pelvici, che è diventata più critica negli ultimi mesi”, ha spiegato il dottor Setem. “Questo rende difficile per lei muoversi e ottenere cibo, e spesso si sporca”.

Attualmente non è chiaro se il problema di mobilità delle zampe posteriori sia stato causato da una compressione del nervo dovuta alla ritenzione delle uova o da “una qualche negligenza del chirurgo durante l’intervento”. Indipendentemente dalla causa, il dottor Setem sapeva di dover pensare in modo creativo per trovare una soluzione e ha chiesto l’aiuto del designer 3D Cícero Moraes.

Una scansione TC del danno di Filó.
Immagine cortesia di Giuliano Setem/Cícero Moraes

Grazie a scansioni tomografiche computerizzate (CT) dell’infortunio di Filó, Moraes ha studiato un guscio protesico stampato in 3D che protegge la regione ferita e migliora la mobilità della tartaruga. Descrivendo l’invenzione a IFLScience, Moraes ha spiegato che “è una base che si attacca, in modo non trattenitivo, al difetto causato dall’intervento chirurgico, al fine di proteggere la regione dagli elementi esterni, [e] allo stesso tempo quattro strutture [che] sporgono, ognuna con una ruota rotante, che permette a Filó di camminare senza appoggiare tutto il suo peso sulle zampe”. Avendo precedentemente creato il primo

Come si può vedere nel video qui sopra, Filó ha testato i limiti del dispositivo, che si comporta bene di fronte a tutto ciò che le viene lanciato.

L’articolo Una tartaruga in Brasile riceve una protesi stampata in 3D per tornare a camminare sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top