Un teschio di un’oca preistorica gigante trovato in Australia

È il primo fossile ben conservato del suo tipo di Genyornis newtoni, un colossale uccello incapace di volare che si estinse 45.000 anni fa.

Dopo 128 anni di intensa ricerca di resti ben conservati che potessero fornire informazioni su Genyornis newtoni, un enorme uccello incapace di volare del Pleistocene, i ricercatori della Flinders University di Adelaide (Australia) hanno scoperto il primo cranio in ottimo stato di conservazione del gigante, che ha fornito preziosi dettagli che ci permettono di descriverne la morfologia. La specie Genyornis newtoni fu descritta nel 1913, ma solo a partire da un cranio incompleto e gravemente danneggiato, che suscitò seri dubbi sulla vera struttura della testa e sulle abitudini del gigantesco uccello, che si estinse circa 45.000 anni fa in un periodo relativamente recente secondo gli standard evolutivi. Durante gli scavi nel 2019, i ricercatori hanno scoperto un cranio di Genyornis newtoni, insieme a parti dello scheletro. Lo studio del cranio ha contribuito a ricreare l’aspetto e le abitudini della primitiva oca gigante, che era in grado di pesare fino a 230 chili ed era alta 2 metri, secondo la descrizione pubblicata sulla rivista Historical Biology.

Un teschio di un’oca preistorica gigante trovato in Australia
Un’enorme oca incapace di volare

Genyornis newtoni aveva una mascella superiore alta e mobile, come quella di un pappagallo, ma a forma di oca, una gola ampia, un morso forte e la capacità di schiacciare piante e frutti morbidi con il palato“, secondo Phoebe McInerney, co. -autore dello studio. Come previsto, la “megagoose” aveva un enorme cranio, grandi mascelle e una cresta ossea sulla sommità della testa chiamata elmo. Queste caratteristiche sono simili a quelle di altre specie di uccelli acquatici primitivi. Lo studio ha rivelato anche che questi uccelli giganti avevano sviluppato adattamenti per gli habitat acquatici, consentendo loro di proteggere le orecchie e la gola dall’ingresso di acqua quando le loro teste erano immerse. Questi adattamenti di Genyornis newtoni potrebbero essere correlati alla sua estinzione, poiché i corpi d’acqua dolce nell’Australia meridionale settentrionale sono ora per lo più laghi salati.

L’articolo Un teschio di un’oca preistorica gigante trovato in Australia sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top