Un estratto di cannabis potrebbe essere efficace contro il cancro

Un estratto di cannabis potrebbe essere efficace contro il cancro
Tuttavia, non consigliamo ancora di seguire consigli medici dal tuo spacciatore di marijuana. (FabrikaSimf/Shutterstock.com)

Un estratto di cannabis chiamato PHEC-66 possiede ciò che i ricercatori definiscono effetti “notevoli” contro il cancro, secondo uno nuovo studio condotto da ricercatori australiani. Nei test in vitro, l’estratto ha dimostrato di non solo rallentare il tasso di crescita delle cellule tumorali del melanoma, ma anche di indurre la loro morte.

I risultati “suggeriscono che il PHEC-66 attiva l’apoptosi in queste linee cellulari di melanoma aumentando l’espressione di marcatori pro-apoptotici (mRNA BAX) riducendo contemporaneamente l’espressione di marcatori anti-apoptotici (mRNA Bcl-2)”, riporta lo studio. “Inoltre, il PHEC-66 induce frammentazione del DNA, bloccando la progressione cellulare al checkpoint del ciclo cellulare G1 ed elevando notevolmente i livelli intracellulari di ROS [specie reattive dell’ossigeno]”.

In altre parole, come spiega Nazim Nassar, docente di farmaceutica presso la CDU e co-autore dello studio, in un comunicato stampa sui risultati, l’estratto si lega alle cellule cancerose, ne impedisce la moltiplicazione e le costringe a uccidersi.

“Il danneggiamento della cellula di melanoma impedisce la sua divisione in nuove cellule”, ha detto, “e invece inizia una morte cellulare programmata, nota anche come apoptosi”.

Da quasi un quarto di secolo, la cannabis e i suoi derivati sono sempre più riconosciuti come potenziali benefici per le persone affette da cancro. Di solito, però, i vantaggi che offre sono considerati principalmente di natura palliativa: ti fa sentire meno male, aiuta a ridurre il dolore e l’ansia e ti fa tornare l’appetito.

Ma la sua utilità come trattamento per combattere effettivamente la malattia è ancora oggetto di dibattito. “La risposta breve è che ancora non sappiamo se la cannabis o le sostanze chimiche presenti nella cannabis siano utili per trattare il cancro”, ha spiegato Charlott Repschlaeger, ricercatrice post-dottorato sul cancro, che non ha partecipato al nuovo studio, in un video per Worldwide Cancer Research. “Questo perché la ricerca sulla cannabis e la sua connessione con il cancro è ancora agli inizi”.

Come ha sottolineato, ci sono pochissimi studi sull’uomo e quelli che esistono sono spesso di piccole dimensioni e producono risultati contrastanti. “La questione è ancora aperta”, ha detto.

Come altri risultati recenti che hanno mostrato promesse per la cannabis come terapia contro il cancro, il nuovo studio è stato condotto solo in vitro, cioè in laboratorio, su cellule di melanoma coltivate appositamente, anziché su persone o animali. E dire che la ricerca è ancora agli inizi è un eufemismo: il team ammette apertamente di non sapere effettivamente perché l’estratto sia efficace, solo che lo è.

“Si tratta di un’area di ricerca importante in crescita perché dobbiamo comprendere gli estratti di cannabis il più possibile, soprattutto il loro potenziale come agenti anticancro”, ha detto Nassar. “Se sappiamo come reagiscono alle cellule tumorali, in particolare per quanto riguarda la morte cellulare, possiamo perfezionare le tecniche di trattamento per renderle più specifiche, reattive ed efficaci”.

Tuttavia, questo dovrebbe cambiare presto, poiché il team spera di poter sviluppare sistemi di somministrazione appropriati e condurre studi di follow-up sull’estratto.

“La fase successiva prevede studi sugli animali o prove precliniche per convalidare e approfondire l’efficacia del cannabinoide PHEC-66 nel trattamento del melanoma e di altri tipi di cancro”, ha detto Nitin Mantri, professore di biotecnologia presso l’Università RMIT (Royal Melbourne Institute of Technology) e autore principale dello studio.

Nonostante la controversia sull’uso della cannabis come trattamento contro il cancro, i ricercatori hanno grandi speranze per l’estratto. Naturalmente, vale la pena notare che hanno un interesse diretto: lo studio è finanziato da MGC Pharmaceuticals Limited, la stessa azienda responsabile della produzione dell’estratto.

Tuttavia, se si dimostrasse sicuro ed efficace, questa terapia una volta stigmatizzata potrebbe rivoluzionare il trattamento del cancro, ha detto Nassar.

“Gli usi clinici degli estratti di cannabis includono il trattamento dell’ansia, dei sintomi correlati al cancro, dell’epilessia e del dolore cronico”, ha sottolineato. “La ricerca intensiva sul suo potenziale per uccidere le cellule di melanoma è solo l’inizio mentre indaghiamo su come questa conoscenza possa essere applicata al trattamento di diversi tipi di cancro”.

Lo studio è pubblicato sulla rivista Cells.

L’articolo Un estratto di cannabis potrebbe essere efficace contro il cancro sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top