UFO: conclusa l’audizione in Campidoglio. Ecco i pareri degli scienziati

Le dichiarazioni sugli avvistamenti al Campidoglio degli Stati Uniti hanno riportato gli alieni alla ribalta. Ecco cosa dicono gli astrofisici e gli astrobiologi sulla vera natura degli avvistamenti

Martedì scorso il Congresso degli Stati Uniti ha vissuto una giornata particolare. Per la prima volta in oltre cinquant’anni, infatti, ha ospitato un‘audizione pubblica ufficiale sugli oggetti volanti non identificati (UFO), ciò che il governo degli Stati Uniti chiama “fenomeni aerei non identificati (UAP)”. Durante l’incontro, alti funzionari del Dipartimento della Difesa hanno discusso degli avvistamenti, che hanno descritto come “frequenti” e hanno annunciato la loro intenzione di classificare e caratterizzare in modo più sistematico questo tipo di fenomeno. L’audizione della House Intelligence Committee risponde al crescente interesse da parte dei legislatori per il Pentagono a fornire spiegazioni su questi misteriosi fenomeni. L’anno scorso, un rapporto pubblicato dall’Office of the Director of National Intelligence ha riconosciuto l’esistenza di 144 registrazioni di UFO tra il 2004 e il 2021 da parte di piloti americani. Di questi, una ventina descriveva immagini o oggetti che si comportavano in un modo che sembrava non comune per le tecnologie attualmente conosciute. La maggior parte, hanno affermato i testimoni, si muoveva ad alta velocità “senza alcuna forma di propulsione distinguibile“. Uno di quegli incontri, particolarmente eclatanti, è stato segnalato dal comandante David Fravor. Come ha spiegato al ‘The New York Times‘, nel novembre 2004 stava volando attraverso l’Oceano Pacifico a più di 100 chilometri dalla costa occidentale quando ha individuato una forma ovoidale lunga 12 metri e di colore biancastro che volteggiava a circa 15 metri dal suolo. Quando il caccia si è avvicinato, l’oggetto ha manovrato come se stesse cercando di raggiungerlo. Ma all’improvviso “ha accelerato come niente che avessi mai visto prima ed è scomparso in un modo molto strano”. Non è facile per i piloti fare questo tipo di affermazioni visto che il prestigio, le capacità o la stabilità mentale vengono messi in discussione. Durante l’apertura dell’audizione di martedì, il presidente della commissione, André Carson, ha denunciato che i professionisti che portano alla luce queste esperienze sono da tempo stigmatizzati, per cui “evitavano di informarli“. Secondo Carson, inoltre, i funzionari del Dipartimento della Difesa “hanno relegato la questione nel retrobottega, o l’hanno completamente nascosta, temendo una comunità di sicurezza nazionale scettica“. Questi fenomeni, invece, “sono reali e devono essere studiati“, ha affermato.

UFO: conclusa l’audizione in Campidoglio. Ecco i pareri degli scienziati

Quando abbiamo iniziato a parlare di luci e segnali radar, lo scenario era quello della Guerra Fredda. Poi l’aeronautica degli Stati Uniti ha creato Project Blue Book, una serie di studi che ha raccolto tutti i casi senza trovare nulla concludendo che questi fenomeni non ponevano alcun problema alla sicurezza degli Stati Uniti e che erano causati da cause di origine naturale o convenzionale”, spiega Javier Armentia, direttore del Planetario di Pamplona. Per l’astrofisico, la maggior parte dei casi raccolti dal 2005 può essere spiegata in modo convenzionale. ”Sono palloni atmosferici, stormi di uccelli, sacchetti di plastica, miraggi, un’auto su una strada lontana che per le particolarità dell’atmosfera si vede diversamente… Ce ne sono solo pochi inspiegabili, ma semplicemente perché non ci sono abbastanza informazioni”, aggiunge. Alcuni dei filmati e delle immagini declassificati, ottenuti dai militari della Marina degli Stati Uniti con termocamere che osservano a infrarossi, sono particolarmente sorprendenti. In uno di essi, quello del famoso ‘UFO piramidale’ in cui compare un triangolo verde, ”si nota l’oscillazione tipica della luce di sicurezza di un aereo commerciale. Ma quella forma triangolare può essere causata dall’otturatore della fotocamera stessa. Infatti anche altri punti che sono stelle appaiono triangolari”, spiega Armentia. A suo avviso, i reportage raccolgono solo dati ma nessuna spiegazione esaustiva:Non è stato indagato con calma. Il bello è che è stato creato un modulo standard per segnalare gli avvistamenti, ma portarli in Campidoglio significa ingigantirli. Tutto questo mi ricorda la serie “Space Force” di Steve Carrell“. Ma quale interesse può avere il Congresso degli Stati Uniti ad affrontare temi del genere? Armentia ricorda il coinvolgimento del magnate aerospaziale e immobiliare Robert Bigelow , fondatore del Bigelow Institute for Consciousness Studies (BICS) e amico intimo del defunto senatore del Nevada Harry Reid. Bigelow ha preso una bella fetta del programma di ricerca UFO da 22 milioni di dollari sponsorizzato da Reid, allora il leader della maggioranza al Senato. David Barrado, professore di ricerca astrofisica presso il Centro di astrobiologia INTA-CSIC, ritiene che il fatto che questi avvistamenti siano pubblicizzati e siano richieste spiegazioni sia dovuto a fattori interni alla politica nordamericana e fattori esterni alla politica internazionale. “La politica difensiva sta cambiando. Hanno bisogno di giustificare finanziamenti extra per proteggersi da fenomeni che vengono percepiti come minacce perché non vengono compresi”, sottolinea. Per quanto riguarda la natura delle immagini, “con tutta la certezza che la scienza può avere, non sono visitatori extraterrestri. Qualunque cosa sia, è un fenomeno terrestre, umano o meno. Ma gli UFO non ci stanno visitando né ci stanno spiando“, aggiunge: ‘‘La possibilità che ci sia vita intelligente fuori dalla Terra è molto scarsa. Se c’è, scommetterei la mia vita che non c’è modo che possano giungere fino a qui“. Insomma quello di cui Barrado è convinto è che la vita extraterrestre non verrà scoperta da un militare con un radar. “Se c’è vita al di fuori della Terra, che forse c’è e probabilmente in molti luoghi, sarà molto primitiva o batterica e molto difficile da rilevare“, sottolinea. La possibilità di una civiltà extraterrestre, tuttavia, “è molto ridotta”. In decenni di ricerche “non abbiamo trovato alcun segnale, il che significa o che ci sono pochissime (civiltà) nella nostra galassia o che non ce ne sono e siamo gli unici, almeno nelle vicinanze del Sole“, conclude. Perché se è già “difficile” che la vita extraterrestre si sia evoluta in qualcosa di simile a noi, “scommetterei la mia vita che è impossibile per loro aver viaggiato qui“, dice senza mezzi termini Barrado. «Gli astrobiologi sono ansiosi di rilevare una firma biologica al di fuori del pianeta: su Marte, sulle lune Encelado o Europa… Stiamo sviluppando tecnologie per identificarle e studiarle, ma la scienza segue linee guida molto precise per convalidare questi risultati e non lanciamo le campane al volo alla ricerca di finanziamenti extra o sostegno politico”, ha aggiunto Carlos Briones, ricercatore del Centro di astrobiologia CSIC-INTA in un’intervista. “Finora non abbiamo prove che esista vita al di fuori della Terra, ma il Cosmo è così immensamente grande e c’è un numero così grande di stelle che le probabilità che Let’s non essere soli sono travolgenti“. Naturalmente, “è altamente improbabile che ci siano altre vite intelligenti e che siano anche alla giusta distanza per stabilire un contatto“. Omini verdi, luci nel cielo su autostrade vuote, rapimenti e dischi volanti che sembrano Friesbees o coperchi di pentole appaiono velivoli di una società primitiva, ma il potere di alcuni miti moderni non può essere sottovalutato, anche nell’epoca di Internet. Proprio il web può fungere da amplificatore delle idee più deliranti. Su questo aspetto Armentia aggiunge: ‘‘È difficile bandire questo tipo di ipotesi. Sappiamo tutti che i vampiri non esistono, ma funzionano molto bene come miti. In un modo o nell’altro tornano, di tanto in tanto. Qualcosa di simile accade con gli UFO, con l’attrazione che hanno a che fare con i militari, le cospirazioni”. Non è così strano. La possibilità di una visita aliena può essere tanto eccitante quanto agghiacciante. E dopotutto, ci sono ancora persone che credono che la Terra sia piatta.

L’articolo UFO: conclusa l’audizione in Campidoglio. Ecco i pareri degli scienziati sembra essere il primo su Scienze Notizie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.