Trovate prove di battaglia biblica combattuta tra un ‘angelo del Signore’ e 185.000 soldati a Gerusalemme

Gli archeologi hanno scoperto un vecchio sito militare che potrebbe supportare una storia della Bibbia sugli angeli che proteggono Gerusalemme.

Basandosi sulla storia di circa 2.700 anni fa, Dio mandò un angelo a combattere i soldati assiri che volevano conquistare la Terra Santa. Si dice che l’angelo apparve tra i soldati nemici e ne sconfisse 185.000 in una sola notte. Fino ad oggi non esisteva alcuna prova archeologica che questo evento straordinario, e nemmeno la battaglia stessa, fossero realmente avvenuti. L’archeologo Stephen Compton ora afferma che, utilizzando metodi di mappatura avanzati, ha scoperto ulteriori prove a sostegno del verificarsi della leggendaria battaglia. L’impero assiro esistette dal 1365 al 609 a.C. Ciò avvenne molti secoli prima del tempo di Cristo. Il re Sennacherib dell’Impero assiro guidò l’invasione di Gerusalemme per rafforzare il suo controllo sulle rotte commerciali attraverso il deserto siriano fino al Mar Mediterraneo. In precedenza, i ricercatori avevano trovato incisioni sulle pareti del palazzo del re Sennacherib. Questi raffigurano la sua vittoria su Lachis, una città a sud di Gerusalemme. Le incisioni hanno fornito una disposizione della base militare, che Compton ha confrontato con fotografie degli anni ’10 della stessa area. Compton osservò un sito che corrispondeva alle dimensioni raffigurate sulle pareti del palazzo. Sono state rinvenute rovine con resti di un muro di cinta e frammenti di ceramica . Attraverso un’ampia indagine archeologica, Compton concluse che il sito fu abbandonato poco dopo l’invasione di Sennacherib. Rimase disabitato per oltre 2.600 anni. Questa scoperta apre opportunità per localizzare ulteriori siti militari nelle vicinanze, rivelando potenzialmente antiche città devastate dall’impero assiro. Nel 2021, Compton ha condiviso su X , precedentemente Twitter, di aver individuato le posizioni esatte dei campi militari di Sennacherib. Ha descritto ogni campo come circolare. Questi sono situati poco più di un miglio a nord delle mura della città vecchia. Ha anche osservato che, sulle mappe storiche, i campi erano indicati come “ Mudawwara ”, un nome arabo.

Trovate prove di battaglia biblica combattuta tra un ‘angelo del Signore’ e 185.000 soldati a Gerusalemme

L’importanza di questi siti risiede nella loro associazione con la pianificazione strategica di Sennacherib per l’invasione, come riflette il loro nome arabo, Khirbet al Mudawwara. Il nome significa “le rovine dell’accampamento del sovrano invasore”. Prima della scoperta di Compton, nella regione era stato trovato solo un altro antico accampamento militare. Tre storie bibliche – in Isaia 37:36-38, 2 Re 19:35 e 2 Cronache 32:21 – descrivono come i soldati assiri furono uccisi la notte prima del loro attacco pianificato a Gerusalemme. In ogni racconto, la divinità israelita Yahweh inviò un angelo che si muoveva attraverso l’accampamento mentre i soldati dormivano, abbattendoli per aver minacciato i Suoi seguaci. Il passaggio biblico 19:35 dal libro 2 Re dice: “E avvenne quella notte che l’angelo del Signore uscì e colpì nell’accampamento degli Assiri centosessantacinquemila; e quando si alzarono la mattina presto, ecco, erano tutti cadaveri morti”. Il termine “Angelo del Signore”, scritto in ebraico come “malak Yahweh”, significa “messaggero del Signore”. Questo angelo fu inviato per proteggere Gerusalemme dopo che il suo sovrano, Ezechia, pregò Dio per la sua sicurezza. Secondo un’altra versione della storia, una pestilenza uccise i soldati assiri. Un racconto greco afferma che i topi hanno invaso il campo durante la notte, masticando le corde degli archi e le cinghie degli scudi dei soldati e lasciandoli indifesi.

L’articolo Trovate prove di battaglia biblica combattuta tra un ‘angelo del Signore’ e 185.000 soldati a Gerusalemme sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top