Trovate prove dei primi dinosauri a sangue caldo

Il sangue caldo potrebbe essere apparso per la prima volta nei dinosauri circa 180 milioni di anni fa.

Un tempo si pensava che i dinosauri fossero a sangue freddo come i loro moderni cugini rettili. Recenti scoperte suggeriscono che alcune specie di dinosauri si erano effettivamente evolute per essere a sangue caldo, ma fino ad ora i paleontologi non erano sicuri di quando fosse comparsa questa caratteristica. Secondo un nuovo articolo pubblicato sulla rivista Current Biology , il sangue caldo potrebbe essersi evoluto all’inizio del periodo Giurassico, quando i dinosauri acquisirono la capacità di regolare la loro temperatura nello stesso modo “unico” degli uccelli. Il sangue caldo , noto anche come endotermia, è una caratteristica degli animali che possono mantenere una temperatura corporea interna stabile indipendentemente dalle condizioni ambientali esterne. Gli animali a sangue caldo, come i mammiferi e gli uccelli, raggiungono il controllo della temperatura interna attraverso processi metabolici che generano calore. Consumano più cibo degli animali a sangue freddo (ectotermi), come rettili e anfibi, perché mantenere una temperatura corporea costante richiede più energia. La capacità di mantenere una temperatura stabile aiuta gli animali a sangue caldo a rimanere attivi anche quando le temperature sono fresche, dando loro un vantaggio significativo in alcuni ambienti rispetto agli ectotermi, che spesso devono fare affidamento su fonti di calore esterne per regolare la temperatura corporea. Gli uccelli generalmente mantengono una temperatura corporea più elevata rispetto ai mammiferi, il che può aiutare con reazioni muscolari più rapide e tassi metabolici più elevati, benefici per il volo. Inoltre, i mammiferi utilizzano principalmente la pelliccia o i peli per trattenere il calore , mentre gli uccelli utilizzano le piume. I ricercatori hanno fatto questa scoperta dopo aver analizzato la diffusione dei dinosauri in climi diversi durante l’era mesozoica tra 230 e 66 milioni di anni fa. Hanno scoperto che due dei tre principali gruppi di dinosauri dell’epoca si spostarono in ambienti più freddi durante il Giurassico inferiore. Ciò implica che i teropodi (un gruppo che comprende Tyrannosaurus rex e velociraptor, gli antenati degli uccelli moderni) e gli erbivori potrebbero essersi successivamente evoluti per essere a sangue caldo per sopravvivere nei climi più freddi, mentre i sauropodi come i brontosauri rimasero a sangue freddo mentre si attaccavano a le zone più calde. “Abbiamo scoperto che i dinosauri erano incredibilmente diversi non solo nella forma e nelle dimensioni ma anche nel profondo della loro biologia: una cosa che non lascia tracce evidenti è il loro metabolismo, e ipotizziamo che alcuni gruppi fossero a sangue caldo, capaci di riscaldandosi ed essendo attivi indipendentemente dall’ambiente esterno (teropodi e ornitischi), mentre alcuni altri (sauropodi) erano probabilmente più dipendenti dal calore ambientale per riscaldarsi ed essere attivi,” ha spiegato il coautore dello studio Alfio Alessandro Chiarenza, ricercatore presso l’Università College di Londra. “È interessante notare che questa diversità potrebbe aver avuto origine dopo una crisi ambientale causata dal riscaldamento globale indotto dai vulcani.” Si pensa che questo cambiamento sia avvenuto come risultato di un periodo di intensa attività vulcanica noto come evento Jenkyns, avvenuto circa 183 milioni di anni fa. Ciò ha provocato importanti cambiamenti climatici in tutto il mondo, aumentando significativamente le temperature in alcune regioni. “Questa ricerca suggerisce una stretta connessione tra il clima e il modo in cui si sono evoluti i dinosauri. Getta nuova luce su come gli uccelli potrebbero aver ereditato un tratto biologico unico dagli antenati dei dinosauri e sui diversi modi in cui i dinosauri si sono adattati a cambiamenti ambientali complessi e a lungo termine”, ha spiegato lo studio. ha detto in una nota l’autore Juan L. Cantalapiedra, ricercatore presso il Museo Nacional de Ciencias Naturales di Madrid, Spagna. I ricercatori notano che questi dinosauri potrebbero aver evoluto tratti come le piume o cambiato le dimensioni del corpo per aiutare a isolare i loro corpi al fine di trattenere questo calore autogenerato, che ha permesso loro di regolare la loro temperatura come fanno gli uccelli moderni.

Trovate prove dei primi dinosauri a sangue caldo

“In precedenza pensavamo che la comparsa delle piume in una stirpe (i teropodi, che includono gli uccelli) fosse l’unico tratto inequivocabile legato alla termoregolazione indipendente, ma è probabile che i dinosauri abbiano sviluppato strategie diverse (dalle piume alle dimensioni fino agli adattamenti nel loro scheletro). per riscaldarsi e raffreddarsi in modo più efficiente, consentendo loro di essere più attivi per periodi più lunghi e in ambienti difficili”, ha affermato Chiarenza. “Poiché in precedenza si riconosceva che le piume avevano circa 160 milioni di anni, siamo antecedenti di alcune decine di milioni di anni la probabile origine di questa caratteristica.” Inoltre, si è scoperto che i sauropodi rimasti non erano rimasti lì per nutrirsi di fogliame che non era disponibile in altri luoghi, ma a causa delle temperature. “I sauropodi, d’altra parte, che vivevano in climi più caldi, crebbero fino a raggiungere dimensioni gigantesche in questo periodo – un altro possibile adattamento dovuto alla pressione ambientale. Si spera che questa scoperta porti a una comprensione più profonda di come il clima abbia influenzato l’evoluzione dei tratti dei dinosauri e dei primi mammiferi. “In futuro, prevediamo di estendere questo tipo di analisi a più specie e ad alberi evolutivi meglio risolti, con metodi più complessi, ma anche di estendere questo tipo di analisi all’unico altro gruppo di vertebrati terrestri che hanno evoluto il sangue caldo, il nostro , i mammiferi”, ha detto Chiarenza.

L’articolo Trovate prove dei primi dinosauri a sangue caldo sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top