Trovate giare di vino di 5.000 anni appartenute alla misteriosa regina Meret-Neith

Gli archeologi in Egitto hanno scoperto centinaia di giare di vino risalenti a 5.000 anni fa – alcune delle quali sono ancora intatte e contengono tracce di vino antico – nella tomba di Meret-Neith, una principessa, una regina, una madre reale e una reggente che era senza dubbio uno dei personaggi più enigmatici e carismatici della Prima Dinastia dell’antico Egitto.

Meret-Neith , ‘ colei per la quale Neith prova merout, amore ‘, ‘ colei che è amata da Neith ‘, fu una delle donne più influenti alla corte reale durante la prima dinastia egizia intorno al 3000 a.C. Sulla base delle fonti archeologiche e delle iscrizioni, gli studiosi hanno suggerito che potrebbe essere stata una figlia di Djer (terzo faraone della Prima dinastia), moglie principale di Wadj (quarto faraone della Prima dinastia) e madre di Den . Ma Meret-Neith non era solo una donna di discendenza reale – assicurando così semplicemente la continuità della linea di sangue reale – ma la sua influenza andò anche oltre. Fu l’unica donna a ricevere la propria tomba nel cimitero ancestrale reale di Abydos. Dalla scoperta della sua tomba da parte dell’egittologo britannico Sir Flinders Petrie nel 1899-1900, il significato storico di Meret-Neith è stato oggetto di dibattito. Le opinioni spaziano dal fatto che lei fosse stata una regina reggente incaricata del governo fino a quando il suo giovane figlio ed erede al trono non avesse raggiunto la maggiore età fino a diventare un sovrano a tutti gli effetti a pieno titolo. Questo dibattito rimane irrisolto, principalmente a causa della scarsità delle prove iscritte, nonché delle molte domande ancora legate alla sua precisa discendenza e al significato politico dell’epoca. Sebbene la necropoli reale di Umm el-Qaab, Abydos, sia stata oggetto di indagini approfondite da parte dell’Istituto archeologico tedesco dal 1978, la tomba di Meret-Neith, il suo regno e il suo personaggio come una delle donne storiche più importanti durante la formazione del primo periodo faraonico stato non hanno mai ricevuto la dovuta attenzione.

Trovate giare di vino di 5.000 anni appartenute alla misteriosa regina Meret-Neith

“La regina Meret-Neith era probabilmente la donna più potente del suo tempo”, hanno detto l’archeologa Christiana Köhler dell’Università di Vienna e i suoi colleghi austriaci e tedeschi. “I ricercatori di oggi ipotizzano che potrebbe essere stata la prima donna faraone nell’antico Egitto e quindi il predecessore della successiva regina Hatshepsut della XVIII dinastia. “La sua vera identità rimane un mistero. Recentemente abbiamo iniziato gli scavi archeologici nella tomba di Meret-Neith ad Abydos e abbiamo scoperto nuove e significative informazioni su questa importante donna storica”. Tra l’enorme quantità di beni rinvenuti dagli archeologi c’erano centinaia di grandi orci da vino. Molte delle anfore erano in buono stato di conservazione e contenevano residui organici che interpretarono come resti di vino antico. “Alcuni dei vasi erano molto ben conservati e addirittura ancora sigillati nel loro stato originale. Inoltre, le iscrizioni testimoniano che la regina Meret-Neith era responsabile degli uffici del governo centrale come il tesoro, il che supporta l’idea del suo speciale significato storico. Il complesso tombale monumentale di Meret-Neith nel deserto di Abydos, che comprende le tombe di 41 cortigiani e servitori oltre alla sua camera funeraria, è stato costruito con mattoni di fango non cotti, argilla e legno. Grazie ad accurati metodi di scavo e a varie nuove tecnologie archeologiche, siamo stati in grado di dimostrare che le tombe furono costruite in diverse fasi di costruzione e in un periodo di tempo relativamente lungo”.

L’articolo Trovate giare di vino di 5.000 anni appartenute alla misteriosa regina Meret-Neith sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top