Testi dell’antico Egitto sui poteri magici tradotti

Testi dell’antico Egitto, scritti in copto, che venivano spesso collocati all’interno di gioielli e presumibilmente emanavano magie malvagie o utili sui portatori, sono stati tradotti in un nuovo libro.

Datati tra il IV e il XII secolo d.C., gli antichi testi egiziani, scritti su papiro, pergamena, carta e frammenti di argilla, si credeva avessero poteri magici. A seconda dello scopo previsto, i testi potrebbero essere stati indossati in un amuleto attorno al collo o nascosti segretamente nella casa di un nemico. Si credeva che le banconote suscitassero amore o odio, maledissero gli avversari, guarissero i disturbi e persino fornissero al loro proprietario uno sguardo al futuro. Tutti i testi rinvenuti erano scritti in copto, l’ultima fase dello sviluppo della lingua egiziana. Il copto era in uso in Egitto intorno al II secolo d.C., ma cedette gradualmente il posto all’arabo in seguito alla conquista araba dell’Egitto nel VII secolo. Prima di questa conquista, il paese era stato governato per centinaia di anni dai Greci e dai Romani . Da cinque anni due ricercatori dell’Università di Würzburg in Germania analizzano i testi “magici” copti dell’antico Egitto per comprenderne i messaggi. I ricercatori hanno presentato i testi “magici” copti in un libro intitolato Papyri Copticae Magicae. È stato pubblicato nel novembre dello scorso anno ed è completo di traduzioni e informazioni contestuali. “Questi manoscritti rappresentano ricche fonti di informazioni sulla vita quotidiana e sulla religione vissuta dall’Egitto negli ultimi secoli del dominio romano e nei primi secoli dopo la conquista araba, dandoci scorci delle speranze e dei timori delle persone di questo tempo, delle loro conflitti e problemi, e la loro visione del mondo umano e sovrumano”, hanno detto gli editori del libro in una descrizione. Fino ai giorni nostri sono sopravvissuti circa seicento testi di questo tipo. Tuttavia, la più grande raccolta pubblicata ne comprende solo un centinaio, secondo Korshi Dosoo, uno degli studiosi dell’università tedesca . “Il resto era precedentemente disperso in numerosi libri e articoli ed era quindi accessibile e noto solo a pochi specialisti”, ha affermato Dosoo in una nota. I contenuti dei testi sono di vario tipo. Alcuni di questi hanno lo scopo di proteggere chi lo indossa dalla morte o dai demoni, placare i nemici o manifestare desideri specifici.

Testi dell’antico Egitto sui poteri magici tradotti

C’erano anche testi volti a trattare questioni d’amore, che sembrano interessare principalmente gli uomini. Alcuni di questi testi furono concepiti addirittura per separare le coppie sposate. Inoltre, esiste una categoria di testi copti utilizzati per scopi medicinali, come prevenire la febbre e il mal di testa o alleviare l’insonnia. Tra questi c’erano testi magici che si credeva provocassero una gravidanza per l’antico portatore egiziano. “Questi documenti costituiscono un’importante fonte di informazioni sulla religione popolare: la realtà, piuttosto che l’ideale, delle pratiche e delle credenze religiose così come venivano vissute e praticate nella vita di tutti i giorni”, Markéta Preininger Svobodova, un’altra autrice del libro di Würzburg, detto nel comunicato. “Questi testi ci danno… una visione diretta della vita privata delle persone dell’epoca; trasmettono le loro vere emozioni.

L’articolo Testi dell’antico Egitto sui poteri magici tradotti sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top