Tempesta solare che colpì la Terra 14.000 anni fa è la più potente mai identificata

La Terra è stata bombardata da un’enorme dose di radiazioni cosmiche più di 14.000 anni fa, rivelano gli anelli degli alberi appena scoperti – e i ricercatori sospettano che sia stata causata da un’enorme tempesta solare superpotente, come non ne avevamo mai viste prima.

In un nuovo studio pubblicato il 9 ottobre sulla rivista Philosophical Transactions of the Royal Society A: Mathematical Physical and Engineering Sciences , i ricercatori hanno analizzato gli anelli degli alberi tagliati da ceppi di alberi subfossili, o parzialmente fossilizzati, nelle Alpi francesi. Gli alberi secolari, preservati dai sedimenti del letto di un fiume, presentano tutti alti livelli di radiocarbonio in un anello di un solo anno, risalente a circa 14.300 anni fa. Il radiocarbonio, o carbonio-14, è un isotopo del carbonio con neutroni extra e viene prodotto quando i raggi cosmici colpiscono gli atomi di azoto nell’atmosfera. Livelli elevati di radiocarbonio nell’anello di un albero suggeriscono che in quel periodo ci fu un picco nei raggi cosmici. Il momento in cui si sono verificati i picchi in questi anelli corrisponde ai risultati delle carote di ghiaccio recentemente portate alla luce in Groenlandia, che hanno mostrato alti livelli dell’elemento berillio dello stesso periodo. Il berillio viene comunemente creato dai raggi cosmici che colpiscono i nuclei di altri elementi. I ricercatori ritengono che il picco di radiazioni provenga da una massiccia tempesta solare, molto probabilmente innescata da una nuvola in rapido movimento di plasma magnetizzato e radiazioni nota come espulsione di massa coronale (CME) che è stata lanciata nello spazio da un enorme brillamento solare . L’aspetto che avrebbe avuto la gigantesca tempesta va oltre la nostra attuale comprensione. Se fosse vero, ciò renderebbe la tempesta “la più grande mai identificata” proveniente dal sole , hanno scritto i ricercatori in una dichiarazione via e-mail. “Una simile tempesta solare oggi sarebbe catastrofica per la moderna società tecnologica”, hanno aggiunto.

Tempesta solare che colpì la Terra 14.000 anni fa è la più potente mai identificata

I ricercatori chiamano l’antica tempesta solare un evento Miyake , un tipo gigantesco di tempesta solare che non è mai stata osservata direttamente ma che lascia prove nella documentazione fossile. Finora, almeno sei ma potenzialmente fino a otto altri eventi Miyake sono stati rilevati dagli anelli degli alberi o da prove geologiche in tutto il mondo, con il più recente avvenuto circa 1.030 anni fa. La più grande tempesta solare osservata direttamente fu l’ Evento di Carrington , che eruttò da una mostruosa macchia solare sulla superficie solare nel 1859. Questa tempesta non fu in grado di produrre i livelli di radiazione osservati negli anelli degli alberi, ma produsse un’enorme, luminosa tempesta solare. un bagliore visibile agli astronomi sulla Terra per circa cinque minuti e che aveva l’energia equivalente di circa 10 miliardi di bombe nucleari da 1 megatone. Si ritiene che gli eventi di Miyake siano “diversi ordini di grandezza” maggiori dell’evento di Carrington, hanno scritto i ricercatori. Gli scienziati ritengono che l’evento Miyake più recente sia stato circa 80 volte più potente dell’evento Carrington, secondo quanto riportato in precedenza da WordsSideKick.com. Ma il superflare appena scoperto avrebbe potuto essere ancora una volta due volte più potente, hanno scritto i ricercatori. Se una tempesta solare altrettanto potente si abbattesse sulla Terra oggi sarebbe disastroso. “Tali super tempeste potrebbero danneggiare in modo permanente i trasformatori delle nostre reti elettriche, provocando enormi e diffusi blackout della durata di mesi”, ha affermato nella dichiarazione il coautore dello studio Tim Heaton , un esperto di radiocarbonio dell’Università di Leeds in Inghilterra. “Potrebbero anche provocare danni permanenti ai satelliti su cui tutti facciamo affidamento per la navigazione e le telecomunicazioni, rendendoli inutilizzabili.” Anche gli eventi di Miyake potrebbero aver avuto un ruolo importante nella nostra evoluzione. Ricerche precedenti suggerivano che i raggi cosmici emessi dai superflare avrebbero potuto innescare l’inizio della vita sulla Terra . Non abbiamo idea di come siano gli eventi di Miyake, o se saremmo in grado di dire se qualcuno sarebbe arrivato prima che fosse troppo tardi. Superflare simili sono stati osservati in eruzione da stelle lontane , ma ciò fornisce informazioni limitate sul nostro sole. La nuova scoperta evidenzia che “abbiamo ancora molto da imparare sul comportamento del sole e sui pericoli che rappresenta per la società sulla Terra”, hanno scritto i ricercatori. Il sole si sta attualmente avvicinando al picco del suo ciclo solare di circa 11 anni , noto come massimo solare, quando l’attività solare come i brillamenti solari e le CME diventano molto più comuni. Non vi è alcuna indicazione che ciò aumenti le probabilità estremamente lunghe che il Sole produca un altro superflare. Tuttavia, i ricercatori hanno previsto che gli eventi di Miyake potrebbero verificarsi all’incirca ogni 1.000 anni, quindi potrebbe non passare molto tempo prima di assisterne ad un altro.

L’articolo Tempesta solare che colpì la Terra 14.000 anni fa è la più potente mai identificata sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top