Spazio: il James Webb rileva formazioni sorprendenti sulla Grande Macchia Rossa

Gli astronomi erano convinti che questa regione sarebbe stata di natura omogenea, ma le osservazioni con i sensibili strumenti di Webb hanno dissipato questa convinzione.

Un team internazionale di fisici planetari e astronomi che utilizzano il telescopio spaziale James Webb (JWST) della NASA è stato sorpreso di scoprire che l’atmosfera superiore sopra la regione dell’iconica Grande Macchia Rossa di Giove ospita una varietà di strutture intricate che alterano la forma e la struttura del pianeta. “Pensavamo, forse ingenuamente, che questa regione sarebbe stata davvero noiosa”, ha affermato il capogruppo Henrik Melin dell’Università di Leicester nel Regno Unito. “In effetti, è interessante quanto l’aurora boreale, se non di più,” disse, poi esclamò, “Giove non smette mai di stupire.

Spazio: il James Webb rileva formazioni sorprendenti sulla Grande Macchia Rossa
Qual è la causa?

La Grande Macchia Rossa di Giove è stata osservata dal Near Infrared Spectrograph (NIRSpec) di JWST. Il team scientifico suggerisce che ci deve essere un altro meccanismo, oltre alla riflessione della luce solare, che produce gli archi scuri e i punti luminosi visibili in tutto il campo visivo dello strumento e influenzano la struttura dell’atmosfera superiore. “Un modo per modificare questa struttura è attraverso le onde gravitazionali, simili alle onde che si infrangono su una spiaggia e creano increspature nella sabbia “, spiega Melin. “Queste onde vengono generate in profondità nella turbolenta atmosfera inferiore, attorno alla Grande Macchia Rossa, e possono viaggiare ad alta quota, modificando la struttura e le emissioni dell’atmosfera superiore“, aggiunge. Il team ha notato che queste onde atmosferiche possono essere osservate occasionalmente sulla Terra, ma sono molto più deboli di quelle osservate su Giove da JWST. L’atmosfera superiore di Giove è l’interfaccia tra il campo magnetico del pianeta e l’atmosfera sottostante. Il bagliore di questo strato atmosferico nella regione vicino all’equatore del pianeta è debole, poiché riceve solo il 4% della luce solare ricevuta sulla Terra. I telescopi terrestri trovano molto difficile distinguere i dettagli in questa regione, la cui luminosità è largamente influenzata dalla limitata luce solare in arrivo. A causa di queste condizioni, gli astronomi avevano previsto che questa regione sarebbe stata di natura omogenea. Tuttavia, la sensibilità agli infrarossi del telescopio Webb ha permesso agli scienziati di studiare l’atmosfera superiore di Giove sopra la famigerata Grande Macchia Rossa con un dettaglio senza precedenti, e sono rimasti sorpresi nel vedere così tanta attività in una vasta area. I dettagli di questo studio sono stati pubblicati la scorsa settimana su Nature Astronomy.

L’articolo Spazio: il James Webb rileva formazioni sorprendenti sulla Grande Macchia Rossa sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top