Sostanze chimiche nei prodotti per bambini legate alla nascita prematura

Una sostanza chimica presente nei prodotti per bambini potrebbe essere associata a parto prematuro, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della UC Davis.

Secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives, l’esposizione durante la gravidanza a diversi ritardanti di fiamma organofosfati, noti anche come OPE, è stata collegata alla nascita prima del termine della gravidanza, mentre altri OPE sono collegati a un peso alla nascita più elevato . Gli OPE si trovano in un vasto numero di cose, inclusi mobili, prodotti per bambini, elettronica, tessuti e materiali da costruzione. Sono ritardanti di fiamma utilizzati per prevenire gli incendi e anche per realizzare prodotti in plastica . Queste sostanze chimiche sono state utilizzate in misura crescente a partire dalla metà degli anni 2000, quando i ritardanti di fiamma polibromurati sono stati gradualmente eliminati a causa di problemi di tossicità, sostituiti dagli OPE. Tuttavia, gli OPE si degradano nel tempo e diventano particolati, si trovano nella polvere e quindi entrano nel corpo attraverso la pelle o per inalazione. Gli OPE si trovano spesso nelle urine di persone negli Stati Uniti, portando i ricercatori dell’UC Davis a indagare se hanno qualche effetto sulle donne incinte e sui loro bambini. “Questo è il più grande studio che valuta le OPE e fornisce la prova di un legame tra esposizione e parto pretermine. L’uso diffuso di prodotti con nuovi ritardanti di fiamma tra le donne incinte negli Stati Uniti significa che un numero significativo di nascite potrebbe essere influenzato da questi composti, ” Ha detto Deborah Bennett, autrice senior dello studio e professoressa di salute ambientale alla UC Davis . “In effetti, i ricercatori di ECHO hanno appreso che oltre l’85% dei partecipanti allo studio aveva tre marcatori specifici di esposizione all’OPE nel proprio corpo. I ricercatori hanno analizzato i dati di 6.646 coppie madre-figlio provenienti da tutti gli Stati Uniti nello studio Environmental Influences on Child Health Outcome (ECHO). Hanno misurato nove biomarcatori OPE nelle urine di donne incinte tra il 2007 e il 2020, con la maggior parte dei campioni prelevati durante il secondo e il terzo trimestre di gravidanza. Hanno utilizzato anche i dati sugli esiti della nascita del bambino, compreso il peso alla nascita e l’età gestazionale, cioè quanto era prematuro il bambino . Hanno scoperto che dei nove marcatori OPE, la presenza di tre di essi nelle urine era associata a un aumento del rischio di parto prematuro, definito come nascita prima delle 37 settimane. Questi OPE includevano le sostanze chimiche dibutil fosfato, di-isobutil fosfato e bis (butossietil) fosfato. Nascere prima del termine del termine può portare a diversi problemi, con i bambini prematuri che hanno maggiori probabilità di avere problemi di salute a lungo termine come asma e problemi di alimentazione, nonché ritardi nello sviluppo. Sono anche maggiormente a rischio di sindrome della morte improvvisa del lattante.

Sostanze chimiche nei prodotti per bambini legate alla nascita prematura

“La nascita pretermine è un fattore di rischio per la mortalità neonatale e la morbilità cronica, aumentando i rischi di ritardi dello sviluppo neurologico e di complicanze respiratorie e gastrointestinali”, ha affermato Bennett. “Altri potenziali risultati sulla salute derivanti da questi composti includono impatti sullo sviluppo neurologico e sulle traiettorie di crescita precoce”. Alcuni altri OPE sono risultati associati a pesi alla nascita più elevati, tra cui bis (1-cloro-2-propil) fosfato, bis (2-metilfenil) fosfato e dipropil fosfato. L’elevato peso alla nascita può aumentare il rischio di obesità infantile. “Ci sono state oltre 6.000 gravidanze incluse in questo studio e, con uno studio così ampio, siamo molto fiduciosi dei nostri risultati”, ha affermato Bennett in una nota. “Dovrebbero essere prese in considerazione le opzioni politiche per ridurre l’esposizione ai ritardanti di fiamma organofosfati.” I ricercatori hanno anche notato che gli effetti degli OPE possono derivare dal fatto che sono degli interferenti endocrini (ormoni) e causano infiammazioni e stress ossidativo, che possono portare a nascite premature. Sperano di studiare ulteriormente gli effetti degli OPE sul corpo umano.

L’articolo Sostanze chimiche nei prodotti per bambini legate alla nascita prematura sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top