Scoperto un pianeta nella zona abitabile: potenziale per la vita?

Scoperto un pianeta nella zona abitabile: potenziale per la vita?
Rappresentazione artistica della nuova super-Terra appena scoperta che si trova nel cuore della zona abitabile della sua stella, non ai margini. (NASA/JPL-Caltech)

È stato trovato un pianeta con un raggio del 55 percento più grande di quello della Terra nella zona abitabile di una stella relativamente vicina. Si sospetta che un secondo pianeta, più simile alla Terra, si trovi anche nella zona abitabile dello stesso sistema, il che lo renderebbe il pianeta più piccolo della zona abitabile mai trovato dalla sonda TESS.

Trovare pianeti al di là del nostro sistema solare era una volta così raro da rendere ogni nuovo annuncio entusiasmante, ma ora è diventato un flusso costante. Un pianeta ha bisogno di qualcosa di speciale per emergere. TOI-715b e il suo possibile “fratello” TOI-715c hanno questa caratteristica grazie a una combinazione di dimensioni e posizione.

La maggior parte dei pianeti che abbiamo trovato orbita troppo vicino alle loro stelle per offrire molte prospettive di vita, essendo troppo caldi. Di quelli a temperature più moderate, la maggior parte sono giganti gassosi. Queste cose probabilmente non riflettono la popolazione galattica, ma il fatto che i pianeti grandi vicini alla loro stella siano molto più facili da trovare.

Anche la maggior parte dei pianeti segnalati come “zona abitabile” di una stella viene fornita con un asterisco. In teoria, la zona abitabile è la regione in cui le temperature sono adatte all’acqua liquida in superficie, una caratteristica vitale dell’abbondanza terrestre. Tuttavia, c’è abbastanza incertezza sulle temperature planetarie, a seconda di congetture come quanto luce un pianeta riflette via, che ci sono effettivamente due zone abitabili: definite “conservativa” e “ottimistica”. Indovina in quale delle due cadono la maggior parte dei pianeti segnalati.

TOI-715b si trova nella zona abitabile conservativa. Anche prendendo il lato più pessimistico di alcune supposizioni, la sua temperatura dovrebbe essere adatta all’acqua liquida, ispirando gli astronomi a indagare con una serie di telescopi terrestri che completano le scoperte di TESS.

Essendo distante 137 anni luce, TOI-715 è meno comodamente posizionato per le osservazioni rispetto al sistema TRAPPIST-1, ma è comunque più vicino rispetto alla maggior parte delle stelle che studiamo. Se uno dei due pianeti è adatto alla vita, c’è stato molto tempo per l’evoluzione della vita: c’è molta incertezza sull’età di TOI-715, ma la migliore stima è di 6,6 miliardi di anni.

La grande incertezza riguarda la sua atmosfera. In linea con la maggior parte delle stelle studiate da TESS, TOI-715 è una nana rossa, permettendo a TOI-715b di mantenere una temperatura confortevole mentre orbita ogni 19,2 giorni. Tuttavia, le nane rosse tendono a brillare molto, il che può strappare le atmosfere dei pianeti troppo vicini, come sembra essere successo a TRAPPIST-1 con i suoi pianeti più vicini.

In questo contesto, la dimensione più grande di TOI-715b e la probabile maggiore forza di gravità potrebbero essere un vantaggio, aumentando la possibilità che abbia conservato la sua atmosfera, anche se la forza del suo campo magnetico sarebbe importante. In due anni, TOI-175 non ha brillato molto intensamente, ma questo potrebbe essere il risultato della sua età; non si può escludere la possibilità che quando era più giovane, l’attività stellare più intensa abbia rovinato la possibilità di vita.

I pianeti che abbiamo trovato raramente hanno raggi compresi tra 1,5 e 2 volte quello della Terra, noto come “valle dei raggi”. C’è un dibattito considerevole sulle ragioni per cui esiste questa valle, ma TOI-715b la rende un po’ meno profonda e i scopritori del pianeta si chiedono se l’abbiamo solo immaginata.

Si ritiene che il pianeta potenziale TOI-715c sia solo il 7 percento più largo della Terra, anche se, in linea con l’incertezza sulla sua esistenza, le barre di errore su questo dato sono maggiori. Si sospetta che la sua orbita sia di 25,6 giorni, posizionandolo vicino al bordo esterno della zona abitabile ottimistica, in qualche modo equivalente a Marte.

Il rapporto è pubblicato in accesso aperto su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society.

L’articolo Scoperto un pianeta nella zona abitabile: potenziale per la vita? sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top