Scoperto un pesce che trascorre tutta la vita nuotando a testa in giù

Gli scienziati hanno scoperto che una specie di rana pescatrice trascorre tutta la vita nuotando a testa in giù.

Un team internazionale di ricercatori ha pubblicato questi risultati in un nuovo studio sul Journal of Fish Biology , dopo aver assistito agli strani risultati su alcuni veicoli sottomarini gestiti a distanza. Questa specie di rana pescatrice, chiamata anche Gigantactis , può essere trovata in tutti gli oceani del mondo. Sono forse meglio conosciuti per la loro esca bioluminescente, che nasce dal centro della sua faccia, da cui il soprannome di “pesce lanterna”. Poiché risiedono in acque così profonde, vengono visti raramente dagli esseri umani, il che significa che sappiamo molto poco del loro comportamento. I pesci erano già stati osservati nuotare a testa in giù nel 1999, ma fino ad ora si pensava si trattasse di un evento isolato. Questa specie di rana pescatrice si distingue per una pinna dorsale chiamata illicio molto lunga sul muso. I ricercatori hanno avvistato per la prima volta la specie nuotare a testa in giù, al largo della fossa di Izu-Ogasawara, al largo del Giappone. Confusi dall’avvistamento, gli scienziati hanno continuato a esaminare lo strano comportamento. Hanno trovato otto esempi di altre rane pescatrici che mostravano questo comportamento nel loro habitat di acque profonde. È diventato chiaro che non si trattava di un evento a breve termine. In effetti lo stavano facendo a tempo pieno. Il pilota del sommergibile utilizzato per questa ricerca, Auke Prins, ha descritto la prima volta che ha visto il comportamento nello studio.

Scoperto un pesce che trascorre tutta la vita  nuotando a testa in giù

“Per la maggior parte del tempo il pesce nuotava accanto al nostro raggio di luce e noi vedevamo solo la sagoma”, ha detto. “Quando si avvicinò per la prima volta, il pesce era sospeso orizzontalmente nell’acqua, e dopo circa due minuti nuotò verso l’alto/verso la superficie con il suo illicium piegato all’indietro.” Sono necessarie ulteriori osservazioni per confermare il motivo per cui i pesci si comportano in questo modo, ma i ricercatori ritengono che si sia evoluto a causa della sua lunga esca. Lo studio ha ipotizzato che i pesci trovino più facile manipolare l’esca quando si trovano in posizione capovolta. “La metà delle osservazioni riguardavano queste rane pescatrici che nuotavano vicino al fondale marino, relativamente vicino al fondo rispetto alla profondità totale dell’acqua”, si legge nello studio. Gli scienziati hanno notato che le lunghe esche scendevano verso le piante sul fondo del mare. Ciò suggerisce che la specie potrebbe trovare questa posizione di nuoto utile per catturare le prede. Lo studio ha suggerito che i pesci utilizzano l’esca per spostare le piante sul fondo del mare, posizionandosi perfettamente per catturare la preda quando emerge.

L’articolo Scoperto un pesce che trascorre tutta la vita nuotando a testa in giù sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top