Scoperto pianeta gigante con proprietà che la scienza non può spiegare

La corpo celeste è di dimensioni paragonabili a Giove, ma otto volte più massiccio.

Un team internazionale di scienziati ha scoperto un pianeta extrasolare grande quasi quanto Giove, ma a differenza del nostro vicino stellare, questo giovane pianeta non corrisponde a nessuna delle teorie che spiegano la formazione dei giganti gassosi, rendendolo un vero mistero per gli astronomi. Secondo il Max Planck Institute for Astronomy, HD 114082 b ha una massa otto volte quella di Giove; tuttavia è tra le due e le tre volte più denso di quello che, secondo le teorie più accreditate, dovrebbe essere un gigante gassoso di soli 15 milioni di anni. La densità di questo pianeta è doppia rispetto a quella della Terra, il che è davvero notevole se si considera che il nostro pianeta si compone di roccia con un nucleo di ferro e nichel, a differenza di quelle gassose, che sono per lo più costituite da idrogeno ed elio, le più leggere elementi nell’universo. Ralf Launhardt, uno degli autori della ricerca, pubblicata sulla rivista Astronomics and Astrophysics, ha spiegato che le teorie indicano che i pianeti giganti possono formarsi in due modi all’interno di un disco protoplanetario di gas e polvere distribuito intorno a una giovane stella centrale. Il primo processo, noto come ‘core accretion‘, prevede, in una prima fase, l’accumulo di un nucleo solido di materiale roccioso. Una volta raggiunta una massa critica, la sua forza gravitazionale attira il gas circostante, portando all’accrescimento di idrogeno ed elio per diventare un pianeta gigante. Nel secondo modello, chiamato “instabilità del disco“, pacchetti gravitazionalmente instabili di gas denso collassano insieme, formando un pianeta gigante senza nucleo roccioso.

Scoperto pianeta gigante con proprietà che la scienza non può spiegare
Scoperto pianeta un gigante con proprietà che la scienza non può spiegare

A seconda del modello di sviluppo del pianeta, il gas dovrebbe raffreddarsi a velocità diverse, determinando così la temperatura dei giovani pianeti giganti gassosi. In questo modo possono sperimentare quello che gli scienziati chiamano “cold start” o “hot start”, caratteristiche che determinano il comportamento di questi corpi celesti. Dopo aver calcolato la massa di HD 114082 b e il suo periodo orbitale, gli scienziati hanno scoperto che la combinazione di massa e dimensioni è incompatibile con lo sviluppo delle stelle hot-start e, sebbene si adatti un po’ meglio alle stelle hot-start, non rispecchia tutti i presupposti. Launhardt ha spiegato che per gli attuali modelli teorici, HD 114082 b è troppo piccolo per la sua massa, quindi o ha un nucleo solido insolitamente grande, oppure i modelli sono sbagliati e la velocità con cui i giganti gassosi si raffreddano non è stata ben calcolata. Potrebbe anche essere entrambi. “Tutto quello che possiamo dire è che ancora non comprendiamo veramente la formazione dei pianeti giganti”, ha aggiunto.

L’articolo Scoperto pianeta gigante con proprietà che la scienza non può spiegare sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top