Scoperti segni di attività vulcanica su Marte molto più recenti del previsto

Una nuova indagine che utilizza immagini satellitari e georadar ha rivelato, su Marte, segni di attività vulcanica molto più recenti di quanto ci si aspettasse in precedenza. Combinata con altre prove, la scoperta rivela che sotto la sua crosta sterile, Marte potrebbe avere molto più da fare di quanto suggeriscano le apparenze esterne. Lo studio, condotto su una pianura conosciuta come Elysium Planitia, rivela l’attività vulcanica che ha avuto luogo negli ultimi 120 milioni di anni. Infatti, parte dell’attività vulcanica identificata è stata datata ad appena 1 milione di anni fa. È un fenomeno molto recente, geologicamente parlando; e, anche se non abbiamo ancora osservato alcuna attività vulcanica effettivamente in atto, ciò suggerisce che, da qualche parte su Marte, potrebbe essere ancora attiva. “L’Elysium Planitia era vulcanicamente molto più attivo di quanto si pensasse in precedenza e potrebbe essere ancora vulcanicamente vivo oggi“, spiega la scienziata planetaria Joana Voigt del Jet Propulsion Laboratory della NASA, che ha co-condotto lo studio insieme allo scienziato planetario Christopher Hamilton dell’Università dell’Arizona. La superficie di Marte, nell’area di Elysium Planitia, è piuttosto interessante, per la presenza di rocce in grandi quantità. Alcuni dei flussi di lava nella regione, inoltre, sembrano essere relativamente recenti, un elemento che ha sconcertato gli scienziati quando l’hanno notato. Il paesaggio sembra anche avere caratteristiche scavate dalla lava che interagisce con ghiaccio o acqua liquida, provocando esplosioni di vapore.

Scoperti segni di attività vulcanica su Marte molto più recenti del previsto

Questo è molto interessante, perché i paesaggi terrestri che combinano l’attività geologica calda con l’acqua, come le sorgenti termali, sono inaspettatamente ricchi di vita microbica. I paralleli tra la Terra e Marte non sono passati inosservati e gli scienziati pensano che la vita potrebbe emergere in questi paesaggi. Per ricostruire l‘evoluzione vulcanica della regione, i ricercatori hanno combinato dati provenienti da più strumenti: mappe topografiche per rivelare la forma della superficie, immagini satellitari per studiare le caratteristiche e radar che penetrano nel terreno per ottenere mappe di densità fino a 140 metri sotto la superficie. “Elysium Planitia è il luogo perfetto per cercare di comprendere il legame tra ciò che vediamo in superficie e le dinamiche interne che si sono manifestate attraverso le eruzioni vulcaniche“, afferma Voigt . “Ho prestato molta attenzione ai dettagli sulle superfici laviche per cercare di districare i diversi eventi eruttivi e ricostruire l’intera storia di queste entità geologiche.” A confermarlo è anche il fatto che una fessura vulcanica, individuata nella regione di Cerberus Fossae dell’Elysium Planitia, che nel 2021 si è rivelata avere solo poche decine di migliaia di anni. L’indagine ha permesso ai ricercatori di mappare e ricostruire ogni singolo flusso di lava nell’Elysium Planitia in 3D, rivelando che il paesaggio è composto da materiale proveniente da più di 40 eventi vulcanici tra 120 milioni e 1 milione di anni fa. Alcuni di questi erano assolutamente epici. Un’eruzione ha inondato Rahway Valles con oltre 16.000 chilometri cubi (3.840 miglia cubi) di basalto fuso; un altro da 12.200 chilometri cubi nella Marte Vallis. Un terzo evento ha inondato l’Athabasca Valles con 4.000 chilometri cubi di roccia fusa.

Sebbene Marte appaia come un mondo inerte, le bocche che hanno consentito il flusso di questa lava potrebbero aver rilasciato allo stesso tempo catastrofiche inondazioni di falde acquifere, producendo eventi estremamente esplosivi che hanno modellato il paesaggio. Qui sulla Terra, l’aggiunta di vapore provoca alcune delle eruzioni vulcaniche più esplosive. “Quando c’è una crepa nella crosta marziana, l’acqua può fluire sulla superficie“, spiega Hamilton. “A causa della bassa pressione atmosferica, è probabile che l’acqua raggiunga il punto di ebollizione giunge in tempi diversi rispetto al nostro pianeta. Ma se c’è abbastanza acqua che fuoriesce, è possibile ottenere un’enorme inondazione che arriva, correndo sul paesaggio e ritagliando queste enormi formazioni che vediamo.” Precedenti studi avevano dimostrato che le caratteristiche vulcaniche sulla superficie dell’Elysium Planitia potrebbero risalire ad appena 50.000 anni. Abbiamo anche visto, grazie ai dati sismici raccolti dal lander Mars InSight, ormai in pensione, che Marte ha una quantità sorprendente di attività sismica, alcune delle quali sono state ricondotte al vulcanismo. Le nuove scoperte indicano che Elysium Planitia non è solo vitale per comprendere la storia vulcanica di Marte, ma anche dove potrebbe nascondersi la sua acqua. I risultati del team suggeriscono che grandi depositi di ghiaccio d’acqua potrebbero nascondersi nel sottosuolo, anche oggi. “Le giovani superfici vulcaniche e il recente rilevamento di attività sismica nell’Elysium Planitia potrebbero implicare che Marte sia ancora vulcanicamente attivo“, scrivono nell’articolo. “Con la sua attività geologica molto recente, Elysium Planitia è una regione eccezionalmente importante, vitale per comprendere lo stato vulcanologico e magmatico passato e attuale di Marte.

L’articolo Scoperti segni di attività vulcanica su Marte molto più recenti del previsto sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top