Scoperti i segreti di un popolo che 3000 anni fa si stabilì negli odierni Stati Uniti

Le scoperte includono enormi gallerie e petroglifi precedentemente sconosciuti risalenti a vari periodi storici.

Un gruppo archeologico dell’Istituto di Archeologia dell’Università Jagellonica (Polonia) ha effettuato importanti scoperte sui siti storici e sui costumi della Cultura Pueblo, risalente a 3.000 anni fa. Questa antica cultura si è sviluppata in quello che oggi è il confine tra gli stati del Colorado e dello Utah, negli Stati Uniti. “Le nostre ultime scoperte cambiano completamente la nostra percezione di quest’area di insediamento sotto molti aspetti“, afferma il professore e responsabile del progetto, Radoslaw Palonka, che da più di dodici anni ricerca questa cultura precolombiana. La ricerca si sta svolgendo nel complesso insediativo di Castle Rock Pueblo, situato sull’altopiano di Mesa Verde. Ad essere portati alla luce sono stati enormi gallerie e petroglifi precedentemente sconosciuti e risalenti a vari periodi storici. Si stima che il più antico di essi, raffigurante guerrieri e sciamani, risalga al III secolo, il periodo noto come ‘L’età dei cestai’. La maggior parte dei petroglifi risalgono, invece, ad un periodo compreso tra il XII e XIII secolo. Hanno forme diverse, compresi disegni geometrici complicati. Su di essi gli uomini avevano scolpito spirali fino a un metro di diametro, utilizzando questi petroglifi per osservazioni astronomiche e per determinare le date di alcuni giorni speciali del calendario: solstizi d’estate e d’inverno, nonché equinozi di primavera e d’inverno autunno. “Abbiamo decisamente sottostimato il numero degli abitanti che vissero qui nel XIII secolo e la complessità delle loro pratiche religiose, che dovettero svolgersi anche parallelamente questi pannelli esterni“, afferma Palonka.

Scoperti i segreti di un popolo che 3000 anni fa si stabilì negli odierni Stati Uniti

Tra il XV e il XVII secolo, quando la zona era abitata dalla tribù Ute, i pannelli rupestri iniziarono a presentare grandi scene narrative raffiguranti la caccia al bisonte, alle pecore di montagna e ai cervi. Nei secoli successivi riflettevano gli eventi della conquista spagnola, poiché i loro murali rappresentavano cavalli. Questi animali erano sconosciuti ai nativi americani prima dell’arrivo dei colonizzatori, poiché scomparvero dal Nord America durante l’ultima era glaciale. Lo studio LiDAR di quest’anno è stato condotto in collaborazione con ricercatori dell’Università di Houston, che hanno utilizzato droni, elicotteri e aeroplani per scansionare e mappare. “Sono i maggiori esperti mondiali nella ricerca LiDAR. Per 3 ore hanno volato con un aereo sopra tre canyon ad un’altitudine di 450 metri, da cui hanno creato una mappa 3D dettagliata della zona con una risoluzione da 5 a 10 centimetri, mentre le mappe che avevamo a nostra disposizione fino ad ora ”presentavano una risoluzione di un metro,” spiega Palonka. ”Le comunità agricole dei Pueblo svilupparono una delle culture precolombiane più avanzate del Nord America. Perfezionarono l’arte di costruire case in pietra a più piani, simili alle case medievali in Europa ed addirittura dei condomini. I Pueblo erano famosi anche per la loro arte rupestre, i loro gioielli riccamente decorati e le loro ceramiche con diversi motivi dipinti con un pigmento nero su sfondo bianco,” osserva Palonka. Gli esperti sottolineano che i membri di questa cultura prevalentemente agricola vivevano principalmente su terreni pianeggianti, in case semisotterranee, talvolta circondate da palizzate di legno. Si producevano anche caratteristici cestini e stuoie.

L’articolo Scoperti i segreti di un popolo che 3000 anni fa si stabilì negli odierni Stati Uniti sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top