Scopri l'offerta Prime!

Scoperti i più antichi segni di cottura del cibo da parte dei nostri antenati

Fino ad ora, le prime prove dell’uso del fuoco per cucinare il cibo risalgono a 170.000 anni fa
Una nuova scoperta spinge questa data indietro di 610.000 anni.

Gli esseri umani preistorici hanno cucinato per la prima volta con il fuoco almeno 780.000 anni fa. La capacità di cucinare il cibo è stato un passo fondamentale nella nostra evoluzione, si pensa, e ha permesso ai nostri antenati di dedicare meno tempo a masticare e digerire cibi duri e crudi. Il primatologo britannico Richard W. Wrangham è un grande sostenitore della cosiddetta ” ipotesi della cucina “. Oggi non esiste una popolazione umana conosciuta che viva senza cucinare, il che suggerisce che sia un’abilità potente e necessaria.

Wrangham sostiene che il passaggio evolutivo dal cibo crudo a quello cotto sia stato il ” momento di trasformazione ” che ha alimentato le pance dei primi umani e ha permesso ai loro cervelli di crescere, dando origine al nostro genere e, in ultima analisi, alla nostra specie. Una nuova scoperta in Israele rende l’idea ancora più probabile. Un team internazionale di scienziati che lavorano nel settore settentrionale del Mar Morto afferma di aver trovato i primi segni di cottura da parte degli esseri umani preistorici. In un sito archeologico chiamato Gesher Benot Ya’aqov, i resti di antichi pesci simili a carpe mostrano segni di essere stati accuratamente riscaldati 780.000 anni fa. La scoperta non è la prova più antica dell’uso controllato del fuoco da parte dei primi umani, ma è la prova più antica in Eurasia. In Africa, i siti di Homo erectus risalenti ad almeno 1,5 milioni di anni contengono carbone e ossa bruciate. Eppure questi sono solo segni circostanziali di bruciatura, non chiari segni di cottura. La prova di quest’ultimo è molto più difficile da trovare. In effetti, i segni della cottura non compaiono realmente nella documentazione archeologica fino a molto tempo dopo l’arrivo dei Neanderthal e dell’Homo sapiens . Fino a poco tempo fa, la più antica testimonianza di cottura erano i resti riscaldati di piante amidacee trovate in un forno sotterraneo in Africa. E quel sito risale solo a 170.000 anni fa. Sono passati 600.000 anni da quando i primi umani in Israele cucinavano il pesce in una valle vicino al Mar Morto. “Non sappiamo esattamente come venivano cotti i pesci ma data la mancanza di prove di esposizione alle alte temperature, è chiaro che non venivano cotti direttamente nel fuoco, e non venivano gettati nel fuoco come rifiuto o come materiale da bruciare, ” dice l’archeologo Jens Najorka del Natural History Museum di Londra. La recente analisi del team suggerisce che i denti di antichi pesci d’acqua dolce trovati nel sito sono stati catturati in un lago vicino, non più esistente, ed esposti a temperature adeguate per la cottura. Le scoperte spingono indietro il controllo del fuoco da parte dei nostri antenati fino alla metà del Pleistocene, un’epoca in cui le popolazioni di Homo erectus stavano cedendo il passo a ominidi dal cervello più grande , come l’ Homo heidelbergensis . “L’acquisizione dell’abilità necessaria per cucinare il cibo segna un significativo progresso evolutivo, in quanto ha fornito un mezzo aggiuntivo per fare un uso ottimale delle risorse alimentari disponibili“, spiega l’archeologo Naama Goren-Inbar dell’Università Ebraica di Gerusalemme. “È anche possibile che la cucina non si limitasse al pesce, ma comprendesse anche vari tipi di animali e piante”.

L’articolo Scoperti i più antichi segni di cottura del cibo da parte dei nostri antenati sembra essere il primo su Scienze Notizie.