Scoperti fossili incredibili di piante risalenti a 30 milioni di anni fa

Lo studio sui siti fossili in Australia ha rivelato piante “squisitamente conservate” vissute milioni di anni fa.

Il materiale in cui si trovano i fossili descritti nello studio si chiama silcrete. Questa sostanza dura si forma quando il terreno, la sabbia o la ghiaia vengono cementati insieme dalla silice disciolta, un minerale comune che è il principale costituente della sabbia e di molti tipi di rocce. Nello studio, pubblicato sulla rivista Gondwana Research , un team di scienziati voleva comprendere meglio i siti fossili di piante di silcrete in Australia. In particolare, il loro scopo era quello di far luce su come le piante venivano preservate in queste località, ha detto Andrew Rozefelds, autore dello studio affiliato alla Central Queensland University e al Queensland Museum. Per fare ciò, i ricercatori hanno esaminato la letteratura scientifica pubblicata e hanno fornito nuovi dati su ulteriori siti. In precedenza, erano state condotte poche ricerche sui siti fossili di piante di silcrete.

Scoperti fossili incredibili di piante risalenti a 30 milioni di anni fa

Questo frutto a forma di stella, visto in sezione trasversale, è attualmente in fase di studio ed è probabile che rappresenti una specie nuova per la scienza. Il fossile vegetale è tra quelli trovati nei siti di silcrete in Australia. Gli autori dello studio hanno concluso che tali siti si trovano comunemente nell’Australia orientale e sono sempre associati a materiali vulcanici. Anche se oggi l’Australia è geologicamente stabile, non è sempre stato così. Tra circa 40 e 20 milioni di anni fa, le parti orientali dell’Australia sperimentarono una significativa attività vulcanica. “L’eruzione dei vulcani può avere conseguenze devastanti per gli insediamenti umani, come sappiamo da Pompei che fu sepolta dalla cenere quando il Vesuvio eruttò nel 79 d.C.”, ha scritto Rozefelds in un pezzo per The Conversation. “Ma le cadute di cenere e le colate di lava possono anche seppellire intere foreste, o almeno molte delle piante al loro interno.” Le piante fossili si trovano spesso in uno stato appiattito e compresso, oppure sono conservate come impronte. Ma le piante dei siti di silcrete – che risalgono per lo più a circa 30-20 milioni di anni fa – sono conservate in tre dimensioni e mostrano pochi o nessun segno di compressione. “Ciò che forse è più straordinario è che in alcuni esemplari la conservazione dei tessuti molli fa sì che gli arilli sui semi, la parete esterna del frutto, la corteccia delle viti e i noduli radicali siano preservati”, ha detto Rozefelds. (Gli arilli sono un tipo di copertura che si trova attorno ad alcuni semi, come la polpa rossa che ricopre i semi di melograno. I noduli radicali, nel frattempo, sono strutture simili a pomelli formate su e dalle radici di alcune piante, principalmente legumi.) Secondo Rozefelds, questo tipo di conservazione “eccezionale” si trova raramente o è evidente nelle piante fossili che sono state notevolmente compresse. Affinché potesse verificarsi una conservazione così accurata, i ricercatori hanno stabilito che le piante sarebbero state sepolte rapidamente da materiali vulcanici. Secondo lo studio, ci sarebbe stata anche un’abbondante fonte di silice, che quasi certamente era il risultato dell’erosione delle rocce vulcaniche. Il processo in cui la silice si infiltra e preserva le strutture vegetali è noto come “silicizzazione”. Il fatto che le piante siano state rapidamente sepolte da materiale vulcanico indica che in quel momento stavano crescendo attivamente nella loro posizione originale. Questo scenario offre ai ricercatori un’occasione d’oro per far luce sulla natura delle comunità vegetali preistoriche. “In altre aree in cui potrebbero accumularsi fossili di piante, come i delta dei fiumi, non possiamo mai essere sicuri di quanto lontano siano stati trasportati i frammenti di piante e se provenissero da diversi tipi di vegetazione“, ha scritto Rozefelds per The Conversation. “La silicizzazione non preserva solo le piante, ma anche la lettiera delle foglie sul suolo della foresta e persino il terreno sottostante contenente radici e noduli radicali. Le piante fossili conservate in siti diversi variano, indicando la presenza di comunità vegetali distinte.” Un sito incluso nello studio, ad esempio, preservava una comunità vegetale della foresta pluviale con dozzine di specie di frutti e semi, oltre a conifere e liane emergenti, un tipo di vite legnosa. Altri siti sembrano essere dominati da una singola specie, indicando che diversi tipi di comunità vegetali furono sepolte e preservate. Alcuni siti conservavano anche strati di felci, indicando che queste piante crescevano su colate laviche o campi di cenere più antichi prima di essere sepolte dalle successive eruzioni. Le felci sono tra le prime piante viventi a colonizzare i terreni colpiti dalle eruzioni vulcaniche grazie alle loro minuscole spore trasportate dal vento. Lo stato di conservazione “eccezionale” dei fossili di silcrete permette ai ricercatori di confrontarli con le piante moderne, aiutando a identificarli e a comprenderne i rapporti evolutivi. “La conservazione di queste piante in Australia può spesso essere paragonata a quella delle piante viventi a livello cellulare. Migliore è la conservazione, più si può fare con i fossili”, ha detto Rozefelds. Secondo Rozefelds, le piante fossili rappresentano probabilmente tutte nuove specie, oltre a quelle già descritte nella letteratura scientifica. “La sfida è capire le loro affinità, cioè a cosa sono legati”, ha detto. “Ciò richiede spesso il confronto con la flora moderna dell’Australia e di zone più lontane nella regione dell’Indo-Pacifico, e anche del Sud America.” Queste regioni, insieme ad altre, un tempo facevano tutte parte di un antico supercontinente noto come Gondwana, che si era completamente formato circa 600 milioni di anni fa e aveva cominciato a frammentarsi circa 180 milioni di anni fa. “Così straordinariamente conservati, i fossili di piante di silcrete stanno ora fornendo nuove sorprendenti intuizioni sulla storia di alcuni gruppi di piante australiane e sui tipi di vegetazione in cui crescevano”, ha scritto Rozefelds per The Conversation.

L’articolo Scoperti fossili incredibili di piante risalenti a 30 milioni di anni fa sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top