Scoperte le impronte umane più antiche in Africa settentrionale

Scoperte le impronte umane più antiche in Africa settentrionale
Oltre 90.000 anni fa, un gruppo di esseri umani si è avventurato lungo queste rive. (M. Sedrati et al, Scientific Reports, 2024 (CC BY 4.0); ritagliato)

Lungo la costa del Marocco, gli archeologi hanno scoperto le impronte umane più antiche mai trovate nell’Africa settentrionale e nel Mediterraneo meridionale. Risalenti a circa 90.000 anni fa, sono anche “tra le impronte più antiche attribuite a Homo sapiens in tutto il mondo”.

Un team internazionale di archeologi ha recentemente scoperto le impronte vicino alla città di Larache sulla costa nord-ovest del Marocco. Sebbene esistano resti fossili più antichi di esseri umani nell’Africa settentrionale in un sito montuoso chiamato Jebel Irhoud, non sono state ancora trovate prove nella regione di Larache, a circa 250 chilometri (156 miglia) a nord verso la costa.

In totale, i ricercatori hanno contato 85 impronte lungo una zona di spiaggia che si estende per circa 2.800 metri quadrati (30.000 piedi quadrati). Sulla base della forma, delle dimensioni e della posizione delle impronte, il team ha concluso che sono state fatte dai piedi di.

Il gruppo era composto da almeno cinque individui, tra cui un bambino piccolo, un bambino più grande, un adolescente o un adulto di piccola taglia, un adulto di taglia media e un adulto estremamente alto. Si ritiene che quest’ultimo individuo fosse un maschio alto 189 centimetri (6 piedi 2 pollici), che è eccezionalmente alto per un umano preistorico.

Trova il pollice del piede: impronte trovate a Larache.
M. Sedrati et al, Scientific Reports, 2024 (CC BY 4.0)

impronte, il che rende le 85 impressioni a Larache ancora più affascinanti. Per apprezzare appieno la scoperta, è necessario pensare alle circostanze uniche che hanno permesso a un piede umano di essere impresso nel terreno e poi conservato per decine di migliaia di anni. La maggior parte dei siti archeologici come questo contiene meno di una dozzina

Per stabilire una data precisa delle tracce, i ricercatori hanno utilizzato la luminescenza stimolata otticamente. Questa tecnica all’avanguardia mostra quanto tempo fa un granello di sabbia è stato esposto alla luce solare, mostrando quindi da quanto tempo quella sezione di sedimenti è stata sepolta.

Ciò ha rivelato che le impronte sono state fatte circa 90.300 anni fa, con un margine di errore di circa 7.600 anni in più o in meno.

“Le impronte di Larache rappresentano una scoperta importante. Infatti, nessun altro sito in Africa settentrionale ha restituito impronte risalenti al Pleistocene o al Pliocene. Sono quindi le impronte umane più antiche in questa regione e tra le impronte più antiche attribuite a Homo sapiens in tutto il mondo”, scrivono gli autori dello studio.

I ricercatori continuano spiegando che solo altre due regioni hanno restituito esempi più antichi di tracce confermate nella penisola arabica risalenti a circa 120.000 anni fa e un’altra collezione in Sudafrica che risale a ben 153.000 anni. impronte di Homo sapiens: a

Prima del 2000, c’erano solo pochi siti in cui potevi trovare impronte umane antiche di oltre 50.000 anni, tutti in Africa orientale e in Sudafrica. Tuttavia, gli scavi negli ultimi due decenni hanno rivelato molte più impronte più antiche di questo periodo.

Anche in Nord America, dove la presenza umana è relativamente recente, gli archeologi hanno recentemente scoperto impronte umane nell’attuale Nuovo Messico che potrebbero risalire a 23.000 anni fa.

Lo studio è pubblicato sulla rivista Scientific Reports.

L’articolo Scoperte le impronte umane più antiche in Africa settentrionale sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top