Scoperte grandi quantità di zucchero nascoste sotto l’oceano. “Equivalenti a 32.000 milioni di lattine di Coca-Cola”

Secondo i responsabili della ricerca, lo zucchero sotto forma di saccarosio contribuisce alla riduzione dell’accumulo di carbonio nell’oceano.

Gli scienziati del Max Planck Institute for Marine Microbiology di Brema (Germania) hanno scoperto che grandi quantità di zuccheri si trovano sotto le praterie di fanerogame, un fenomeno che contribuisce alla riduzione dell’accumulo di carbonio nell’oceano, ha spiegato lunedì l’istituto scientifico tedesco. Secondo la ricerca, pubblicata sulla rivista Nature Ecology and Evolution, le fanerogame marine sono tra i più efficienti serbatoi naturali di anidride carbonica del pianeta, poiché un chilometro quadrato di esse può immagazzinare circa il doppio del carbonio delle foreste, oltre a farlo 35 volte più velocemente. Tuttavia, è stato recentemente rivelato che le fanerogame marine rilasciano grandi quantità di zucchero nel sottosuolo, in un’area in cui si trovano le loro radici, nota come rizosfera. “Stimiamo che nella rizosfera delle fanerogame marine, in tutto il mondo, ci siano tra 0,6 e 1,3 milioni di tonnellate di zucchero, principalmente sotto forma di saccarosio”, ha spiegato Manuel Liebeke, capo del gruppo di ricerca, aggiungendo che questa quantità è equivalente allo zucchero presente in “32.000 milioni di lattine di Coca-Cola“. La direttrice del Max Planck Institute for Marine Microbiology, Nicole Dubilier, ha spiegato che “le fanerogame producono zucchero durante la fotosintesi”, poiché lo usano “per il proprio metabolismo e la propria crescita” in condizioni di luce media. Tuttavia, “le piante producono più zucchero di quello che possono utilizzare o immagazzinare” quando c’è “molta luce, ad esempio a mezzogiorno o durante l’estate“. Successivamente, questi “rilasciano saccarosio in eccesso nella loro rizosfera”.

I ricercatori si sono chiesti perché i microrganismi presenti in questi ecosistemi non ingerissero lo zucchero che viene rilasciato, quando di solito consumano saccarosio, poiché è facile da digerire, oltre a fornire loro energia. Il team ha così scoperto che le fanerogame marine “rilasciano composti fenolici nei loro sedimenti” e che questi “fenoli sono antimicrobici e inibiscono il metabolismo della maggior parte dei microrganismi“, ha affermato la scienziata Maggie Sogin. Tuttavia, ha sottolineato che esiste un piccolo gruppo di microbi che possono svilupparsi in questo tipo di ambiente, poiché non solo hanno la capacità di digerire il saccarosio e degradare i composti fenolici, ma anche di produrre i nutrienti necessari per crescere, come l’azoto. D’altra parte, Liebeke ha sottolineato che i calcoli dei ricercatori “mostrano che se il saccarosio nella rizosfera delle alghe fosse degradato dai microbi, almeno 1,54 milioni di tonnellate di anidride carbonica verrebbero rilasciate nell’atmosfera in tutto il mondo“. Le fanerogame marine sono uno degli habitat più minacciati del pianeta perché stanno rapidamente diminuendo in tutti gli oceani. Si stima che in alcuni siti le perdite annue siano del 7%, il che potrebbe contribuire in modo significativo alla riduzione del carbonio sequestrato.

L’articolo Scoperte grandi quantità di zucchero nascoste sotto l’oceano. “Equivalenti a 32.000 milioni di lattine di Coca-Cola” sembra essere il primo su Scienze Notizie.