Scoperte due nuove specie di squali antichi nel sistema di grotte più lungo del mondo

Scoperte due nuove specie di squali antichi nel sistema di grotte più lungo del mondo
Si stima che fossero di dimensioni simili agli squali oceanici attuali come lo squalo punta bianca o il limone (NPS/Artwork di Benji Paynose)

Esteso sotto il Parco Nazionale di Mammoth Cave negli Stati Uniti c’è, beh, un sistema di grotte piuttosto mammut. Infatti, con una lunghezza di 686 chilometri (426 miglia), è il sistema di grotte più lungo del mondo – e al suo interno, i ricercatori stanno facendo tutte le scoperte possibili. L’ultima è rappresentata da due nuove specie di squali antichi, che si pensa abbiano vissuto oltre 325 milioni di anni fa.

Entrambe le specie sono state identificate da fossili raccolti nel sistema di grotte. Ad esempio, è stato attraverso i denti di adulti e giovani che i paleontologi hanno classificato Troglocladodus trimblei: uno squalo che si stima raggiungesse una lunghezza di circa 3-3,6 metri (10-12 piedi). È più o meno la stessa dimensione di uno squalo pinna bianca oceanico o di uno squalo limone.

Lo squalo. Il nome del genere si traduce in “Cave Cladodus” o “Cave Branching Tooth”, mentre la specie prende il nome dal sovrintendente del parco Barclay Trimble, che ha trovato il primo esemplare (un dente) nel 2019. T. trimblei rappresenta anche una nuova specie e un nuovo genere di squalo.

La seconda nuova specie di squalo scoperta era costituita da mascelle e branchie trovate in diverse regioni del sistema di grotte. Sebbene il suo genere fosse già noto alla scienza, c’era ancora novità da scoprire, poiché il fossile di cartilagine trovato era il primo del suo genere. Questa particolare specie ha rivelato che potrebbe effettivamente essere originata 50 milioni di anni prima di quanto si pensasse in precedenza. Glikmanius careforum, identificato da denti e un insieme parziale di mascelle.

Si stima che G. careforum avesse la stessa lunghezza della sua nuova scoperta, mentre la forma della sua mascella indica che probabilmente aveva una testa corta con una potente morsa. Quella morsa probabilmente sarebbe stata diretta verso squali più piccoli o pesci ossei, ma comunque, non vorresti essere dalla parte ricevente.

Entrambe le nuove specie appartengono ai ctenacanti, un ordine estinto di pesci caratterizzati dai loro denti multi-cuspidati e spine sulle loro pinne dorsali.

Si pensa che avrebbero cacciato lungo le coste che oggi costituiscono il Kentucky e l’Alabama, durante il sottoperiodo mississippiano, circa 325 milioni di anni fa. In quel periodo, quella regione faceva parte di un antico mare che collegava ciò che sarebbe diventato in seguito l’America del Nord orientale, l’Europa e il nord dell’Africa – anche se Pangea ha deciso di mettersi sulla strada prima.

I fossili sono stati scoperti come parte di un progetto collaborativo in corso nei Parchi Nazionali degli Stati Uniti noto come Inventario delle Risorse Paleontologiche (PRI), che mira a esaminare i parchi per i fossili, valutarne l’importanza e identificare come possono essere gestiti e preservati. Finora, sono state identificate almeno 70 specie di pesci antichi da campioni raccolti a Mammoth Cave.

“Ogni nuova scoperta a Mammoth Cave è possibile grazie alle collaborazioni”, ha dichiarato il sovrintendente Barclay Trimble in una dichiarazione. “Il nostro team del parco è onorato di lavorare insieme al Programma di Paleontologia del National Park Service e ora al Dipartimento di Scienze Geologiche dell’Università dell’Alabama, i cui sforzi coordinati hanno reso possibile questo ultimo annuncio”.

L’articolo Scoperte due nuove specie di squali antichi nel sistema di grotte più lungo del mondo sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top