Scoperta rara meteorite aubrite dopo avviso di collisione con l’asteroide 2024 BX1

Scoperta rara meteorite aubrite dopo avviso di collisione con l’asteroide 2024 BX1
Uno dei campioni trovati della meteorite caduta sulla Terra a gennaio. (Laura Kranich)

Nelle prime ore del 21 gennaio, l’asteroide 2024 BX1 ha attraversato l’atmosfera sopra la Germania, bruciando e spezzandosi circa 100 chilometri a ovest di Berlino. È stato solo l’ottavo asteroide mai previsto per collidere con la Terra prima di colpire il pianeta, dando un raro avviso di 95 minuti. Ciò ha portato a una caccia scientifica per possibili meteoriti e rapidamente ne è stata trovata una, che si è rivelata essere una scoperta molto rara.

Ricercatori del Museo di Storia Naturale di Berlino, così come colleghi della Freie Universität Berlin e del Centro Aerospaziale Tedesco, hanno inizialmente recuperato la meteorite delle dimensioni di una noce da un campo nella città di Ribbeck, a circa 80 chilometri a nord-ovest di Berlino. L’analisi della roccia suggerisce che appartiene al raro gruppo di acondriti noto come aubriti. Ci sono solo 87 campioni conosciuti di questo tipo di roccia spaziale provenienti da soli 17 siti in tutto il mondo.

“Sulla base di un confronto con la caduta di Aubrés, siamo stati in grado di fare una classificazione approssimativa delle meteoriti di Ribbeck relativamente rapidamente”, ha dichiarato il dottor Ansgar Greshake, responsabile scientifico della Collezione di Meteoriti del museo, in una dichiarazione. “Ciò sottolinea l’immensa importanza delle collezioni scientifiche per la ricerca. Fino ad ora, ci sono solo materiali provenienti da undici cadute di aubriti osservate nelle collezioni di tutto il mondo.”

Le aubriti appaiono molto diverse dalle altre meteoriti. Sono tipicamente di colore chiaro e se hanno una crosta di fusione sono marroni, una differenza che deriva dalla loro composizione peculiare. Il team ha ora trovato 20 campioni di meteoriti, la cui analisi è in corso. Le microsonde elettroniche delle prime hanno rivelato la parentela con le aubriti.

“Le aubriti assomigliano più a un granito grigiastro e sono composte principalmente dai silicati di magnesio enstatite e forsterite”, ha spiegato il dottor Christopher Hamann, coinvolto nella classificazione iniziale della meteorite e responsabile del dipartimento Sistema Solare, Impatti e Meteoriti del museo. 

“Contengono poco ferro e la crosta di fusione, uno strato sottile e caratteristico di fusione rapida che ricopre le meteoriti e che di solito permette di identificarle come tali sul campo, appare completamente diversa da quella della maggior parte delle altre meteoriti. Le aubriti sono quindi difficili da individuare sul campo.”

Le peculiari strutture mineralogiche osservate nelle aubriti suggeriscono che il loro corpo madre deve aver avuto una storia violenta. Non si sa quale sia il corpo madre. Un’ipotesi è che il corpo madre appartenga agli asteroidi di tipo E nella Fascia degli Asteroidi interna del Sistema Solare, che si pensa abbiano superfici acondritiche. Oppure potrebbero essere stati staccati da un oggetto vicino alla Terra, 3103 Eger, che è anche di tipo E ma si avvicina molto alla Terra. Un’altra suggestione è che siano pezzi di un altro pianeta: Mercurio.

I campioni sono stati sottoposti il 2 febbraio al Comitato di Nomenclatura della Società Meteoritica per l’esame e la conferma. Speriamo di poter scoprire di più su questi rari tipi di meteoriti. 

L’articolo Scoperta rara meteorite aubrite dopo avviso di collisione con l’asteroide 2024 BX1 sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top