Scoperta impressionante quantità d’acqua all’equatore di Marte

Scoperte quindici anni fa, queste zone ghiacciate sono più spesse di quanto si credesse: raggiungono i 3,7 km di profondità. La sonda ne ha anche analizzato la composizione, che potrebbe essere utile per future missioni con equipaggio.

Più di quindici anni fa, la sonda Mars Express dell’Agenzia spaziale europea (ESA) scoprì enormi depositi di ghiaccio fino a 2,5 km di profondità sull’equatore di Marte, in un’area circondata da colline chiamate Medusae Fossae. La scoperta venne accolta da stupore dagli scienziati, poiché era la prima volta che l’acqua ghiacciata veniva trovata in un luogo del pianeta rosso diverso dai poli, ed in una zona insospettata come l’equatore. Ora, nuove osservazioni di Mars Express hanno scoperto che la formazione contiene ancora più ghiaccio di quanto si pensasse in precedenza, con zone spesse fino a 3,7 chilometri. Se si sciogliesse, il ghiaccio racchiuso nelle Medusae Fossae coprirebbe l’intero pianeta con uno strato d’acqua profondo da 1,5 a 2,7 m, la più grande quantità d’acqua mai trovata in questa parte di Marte e pari al Mar Rosso. Il lavoro, pubblicato giovedì sulla rivista ‘Geophysical Research Letters’, è riuscito a descrivere la composizione di queste formazioni. I risultati possono aiutare a prendere decisioni in preparazione alle future missioni umane sul pianeta, che avrà bisogno di acqua per sopravvivere. La formazione Medusae Fossae è costituita da diverse strutture scolpite dal vento che misurano centinaia di chilometri di larghezza e diversi chilometri di altezza. Situate al confine tra le terre alte e basse di Marte, queste formazioni sono forse la più grande fonte di polvere e uno dei depositi più estesi del pianeta. Sebbene il volo della prima missione con equipaggio, Artemis 2, fosse previsto per novembre di quest’anno e il primo allunaggio, con Artemis 3, avrebbe avuto luogo nel 2025, i piani dell’agenzia spaziale americana sono stati ritardati di un anno. Le prime osservazioni di Mars Express hanno mostrato che il sito era relativamente trasparente ai radar e aveva una bassa densità, caratteristiche tipiche dei depositi di ghiaccio. Tuttavia, gli scienziati non hanno potuto escludere la possibilità che ospitasse anche giganteschi accumuli di polvere, cenere vulcanica o sedimenti portati dal vento. Sebbene Marte ora appaia un mondo arida, la superficie del pianeta è piena di segni che dimostrano come un tempo l’acqua fosse abbondante con canali fluviali, oggi prosciugati, antichi fondali oceanici e lacustri e valli scavate dall’acqua. Su Marte sono state trovate anche riserve significative di ghiaccio d’acqua, come enormi calotte polari, ghiacciai sepolti più vicini all’equatore e ghiaccio vicino alla superficie tagliato nel suolo marziano. Nell’attuale clima del pianeta, enormi depositi di ghiaccio non potrebbero essersi formati vicino all’equatore, quindi i ricercatori sospettano che debbano essere emersi in un’era climatica precedente. “Quest’ultima analisi mette alla prova la nostra comprensione delle Medusae Fossae e solleva tante domande quante risposte”, afferma Colin Wilson, scienziato del progetto Mars Express dell’ESA e ExoMars Trace Gas Orbiter (TGO) dell’ESA. ‘‘Quanto tempo fa si sono formati questi depositi di ghiaccio e com’era Marte in quel periodo? Se confermati che si tratta di ghiaccio d’acqua, questi enormi depositi cambierebbero la nostra comprensione della storia climatica di Marte. “Qualsiasi antico deposito d’acqua sarebbe un obiettivo affascinante per l’esplorazione umana o robotica.

Scoperta impressionante quantità d’acqua all’equatore di Marte
Scoperta impressionante quantità d’acqua all’equatore di Marte

Come spiegato dall’ESA, l’estensione e la posizione di questi depositi ghiacciati li renderebbero potenzialmente molto preziosi per la futura esplorazione di Marte. Le missioni con equipaggio dovranno atterrare vicino all’equatore del pianeta, lontano dalle calotte polari ricche di ghiaccio o dai ghiacciai ad alta latitudine. E avranno bisogno dell’acqua come risorsa, quindi trovare ghiaccio in questa regione è quasi una necessità per le missioni umane sul pianeta. “Purtroppo questi depositi sono coperti da centinaia di metri di polvere, rendendoli inaccessibili almeno per i prossimi decenni. Tuttavia, ogni pezzo di ghiaccio che troviamo ci aiuta a costruire un quadro migliore di dove un tempo scorreva l’acqua su Marte e dove può essere trovata oggi”, spiega Wilson. Mentre Mars Express mappa il ghiaccio d’acqua a una profondità di pochi chilometri, il Mars Orbiter TGO fornisce una visione dell’acqua vicino alla superficie. Questa orbita trasporta lo strumento Frend, che mappa l’idrogeno (un indicatore del ghiaccio d’acqua) nel metro più alto del suolo marziano. Frend ha rilevato un’area ricca di idrogeno delle dimensioni dei Paesi Bassi all’interno della Valles Marineris di Marte nel 2021 e sta attualmente mappando il modo in cui i depositi di acque poco profondi sono distribuiti sul Pianeta Rosso. “Insieme, i nostri esploratori di Marte stanno rivelando sempre di più sul nostro vicino planetario”, aggiunge Colin.

L’articolo Scoperta impressionante quantità d’acqua all’equatore di Marte sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top