Scoperta della gloria su WASP-76b: un pianeta infernale e affascinante

Scoperta della gloria su WASP-76b: un pianeta infernale e affascinante
Immagine dell’artista della presunta gloria sul bordo orientale del lato diurno di WASP-76b. (ESA, lavoro eseguito da ATG in base a contratto per l’ESA (CC BY-SA 3.0 IGO))

Gli astronomi hanno recentemente individuato prove del fenomeno meteorologico noto come gloria su un pianeta molto insolito: WASP-76b. Questo pianeta si trova al di fuori del Sistema Solare, a milioni di chilometri di distanza da Marte e Giove. La gloria è un fenomeno che si manifesta con anelli circolari che mostrano i colori dell’arcobaleno, dal rosso al viola. A differenza degli arcobaleni, le glorie sono causate dalla diffrazione della luce tra le gocce d’acqua anziché dalla rifrazione.

Questi anelli circolari, che ricordano gli aloni intorno alle teste dei santi nei dipinti medievali, possono essere osservati solo guardando verso il basso la propria ombra da un’altezza significativa. Le glorie sono fenomeni rari e affascinanti, che in passato potevano essere ammirati solo da pendii montuosi o edifici alti. Trovare una gloria su un pianeta così lontano come WASP-76b è un evento straordinario.

WASP-76b è un pianeta estremamente caldo, con temperature che raggiungono i 2.400°C sul lato diurno, dove si pensa piova ferro a causa della vicinanza alla sua stella. Il lato notturno, sebbene più fresco, è soggetto a potenti venti generati dalla differenza di temperatura tra i due lati. Questo mondo infernale, dove i metalli vaporizzati si condensano e cadono come pioggia, sembra più adatto alle corna del diavolo che agli aloni santi.

La gloria di Venere non sembra colorata in immagini come queste, ma i pattern circolari possono essere visti e i pattern a diverse lunghezze d'onda rivelano la sua somiglianza con le glorie sulla Terra.
La gloria di Venere non sembra colorata in immagini come queste, ma i pattern circolari possono essere visti e i pattern a diverse lunghezze d’onda rivelano la sua somiglianza con le glorie sulla Terra.
ESA/MPS/DLR/IDA

Recenti osservazioni condotte dal Satellite per la Caratterizzazione degli Esopianeti (Cheops) dell’ESA hanno rivelato un modello di luce inaspettato proveniente da WASP-76b durante i suoi transiti davanti alla stella. Questo modello potrebbe essere attribuito all’effetto gloria, anche se non è stato possibile risolvere direttamente i colori dell’arcobaleno.

Il dottor Olivier Demangeon e il suo team hanno analizzato i dati raccolti da Cheops e TESS per individuare un aumento della luce proveniente dal confine orientale del pianeta tra i due emisferi diurno e notturno. Questa scoperta ha portato gli scienziati a ipotizzare che la luce inaspettata potrebbe essere causata da una forte riflessione localizzata e anisotropica.

Nonostante la presenza di quasi 20 tipi di atomi, ioni e molecole nell’atmosfera di WASP-76b, non è ancora chiaro cosa possa causare l’effetto gloria su questo pianeta. Tuttavia, la persistenza di questo fenomeno suggerisce che il pianeta potrebbe sostenere molecole particolari per lunghi periodi, implicando una notevole stabilità della temperatura nell’atmosfera.

Un confronto delle glorie su Venere (sinistra) e sulla Terra come apparirebbero se visibili con attrezzature in grado di vedere i colori. La differenza nelle dimensioni degli anelli riflette il fatto che le goccioline sono molto più piccole nell'atmosfera di Venere.
Un confronto di come apparirebbero le glorie su Venere (sinistra) e sulla Terra se visibili con attrezzature in grado di vedere i colori. La differenza nelle dimensioni degli anelli riflette il fatto che le goccioline sono molto più piccole nell’atmosfera di Venere.
C. Wilson/P. Laven

Ulteriori studi sono necessari per confermare che la luce inaspettata osservata su WASP-76b sia effettivamente una gloria. La missione futura Ariel dell’ESA potrebbe fornire ulteriori dettagli su questo fenomeno misterioso. Il dottor Demangeon ha espresso la sua soddisfazione nel contribuire alla scoperta di questo straordinario fenomeno su un pianeta così insolito, sottolineando l’importanza della ricerca scientifica e della curiosità nel mondo dell’astronomia.

Lo studio dettagliato su questo fenomeno è stato pubblicato su Astronomy & Astrophysics, gettando nuova luce su un aspetto affascinante dell’universo che ci circonda.

Immagine dell'artista del ferro che piove dal cielo sul lato oscuro di WASP-76b dove è abbastanza freddo da vaporizzare il ferro per liquefarlo
Immagine dell’artista del ferro che piove dal cielo sul lato oscuro di WASP-76b, dove è abbastanza freddo per far liquefare il ferro vaporizzato.
ESO/Martin Kornmesser

Links:

L’articolo Scoperta della gloria su WASP-76b: un pianeta infernale e affascinante sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top