Scoperta del 2-metossilietanolo nella Nebulosa della Zampa del Gatto

Scoperta del 2-metossilietanolo nella Nebulosa della Zampa del Gatto
La regione di formazione stellare nella nebulosa della zampa del gatto ha alcune molecole interessanti (Massachusetts Institute of Technology)

Gli astronomi hanno fatto una scoperta straordinaria nella Nebulosa della Zampa del Gatto, una regione di formazione stellare. Si tratta della presenza del 2-metossilietanolo, una molecola complessa che sulla Terra è un solvente chimico tossico, ma che nello spazio potrebbe svolgere un ruolo cruciale nella formazione di stelle e pianeti.

Questa molecola è una delle più grandi mai individuate nello spazio interstellare, composta da 13 atomi, tra cui tre di carbonio, otto di idrogeno e due di ossigeno. Solo sei altre specie chimiche al di fuori del nostro sistema solare presentano una complessità atomica superiore.

La scoperta di questa molecola non è stata affatto semplice. I ricercatori hanno utilizzato l’Array di Atacama Large Millimeter (ALMA) per osservare due regioni di formazione stellare e hanno individuato la firma spettrale del 2-metossilietanolo in un protocluster all’interno della Nebulosa della Zampa del Gatto, NGC 6334I.

Lo studio è stato condotto da un team internazionale che ha utilizzato un modello di apprendimento automatico per identificare la molecola da cercare, confermando così la presenza del 2-metossilietanolo. Zachary T.P. Fried, ricercatore laureato del MIT e autore principale dello studio, ha dichiarato: “Abbiamo osservato 25 linee rotazionali di 2-metossilietanolo che corrispondevano al segnale molecolare verso NGC 6334I, confermando così la sua presenza in modo inequivocabile”.

Questo ritrovamento ha permesso ai ricercatori di ottenere informazioni dettagliate sulla molecola, come la sua abbondanza e temperatura di eccitazione, e di esplorare i possibili percorsi di formazione chimica da precursori interstellari conosciuti.

Le molecole presenti nello spazio interstellare, anche se alcune possono essere tossiche come il 2-metossilietanolo, offrono importanti spunti per comprendere i processi che hanno portato alla formazione della vita. Fried ha sottolineato l’importanza di continuare ad osservare e studiare le molecole grandi per approfondire la conoscenza sulla loro formazione e sulle reazioni chimiche coinvolte.

La scoperta del 2-metossilietanolo in NGC 6334I e la sua assenza in IRAS 16293-2422B offrono inoltre l’opportunità di analizzare come le diverse condizioni fisiche delle due fonti possano influenzare la chimica interstellare. L’articolo che descrive questa straordinaria scoperta è stato pubblicato su The Astrophysical Journal Letters.

Links:

L’articolo Scoperta del 2-metossilietanolo nella Nebulosa della Zampa del Gatto sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top