Rituale sconosciuto scoperto nell’arte rupestre in Francia e Spagna

I ricercatori che hanno esaminato l’arte rupestre preistorica in Francia e Spagna, una nuova interpretazione dell’arte rupestre paleolitica propone che le persone preistoriche si tagliassero le dita per i rituali religiosi.

Il professor Mark Collard e la dottoranda Brea McCauley del Dipartimento di Archeologia della Simon Fraser University (SFU) hanno considerato oltre 200 immagini di mani con uno o più polpastrelli mancanti provenienti da grotte in Francia e Spagna attribuite al popolo Gravettiano – una popolazione di cacciatori-raccoglitori del Paleolitico superiore che viveva sul territorio europeo . In alcuni casi manca solo un segmento del dito, mentre in altri sono andate perdute diverse dita. Per molti anni questa peculiarità è stata oggetto di un intenso dibattito. Come sono diventati così? Dato che noi esseri umani facciamo molto affidamento sulle nostre mani, sembra che sarebbe eccezionalmente negligente per così tante persone perdere accidentalmente così tante dita. Ecco perché molti archeologi hanno concluso che le dita mancanti sono intenzionali. Ma come e perché si è rivelato più difficile da definire. Alcuni archeologi sostengono che gli artisti si limitassero a piegare le dita verso il basso, a dipingere su parti dello stencil o a essere il risultato di problemi medici come il congelamento. Collard e McCauley sostengono dal 2018 che le falangi perdute erano modifiche intenzionali del corpo mediante riferimenti incrociati ad esempi presenti in altre culture. Poiché l’amputazione delle dita non era una pratica insolita in alcune culture e società, i ricercatori si sono chiesti se esistesse qualche collegamento che potesse essere fatto per spiegare le immagini delle mani del Paleolitico superiore. Esaminando la ricerca esistente su 10 motivazioni documentate per l’amputazione delle dita in oltre 100 culture in tutti i continenti, Collard e McCauley hanno concluso che la presentazione delle dita accorciate nelle immagini delle mani gravettiane era molto probabilmente la prova di un rituale sacrificale religioso per ottenere aiuto da un potere superiore. , o un rituale di sopravvivenza sociale che rafforzava i legami e la lealtà all’interno del gruppo e favoriva l’ostilità verso gli estranei. In risposta alle critiche alla loro conclusione del 2018, in particolare all’impatto “catastrofico” delle amputazioni del medio e dell’anulare durante la tarda era glaciale rispetto a quelle del mignolo che viene più comunemente tagliato in tutte le culture, i ricercatori della SFU hanno condotto ulteriori ricerche per sostenere loro affermazione e hanno presentato quest’anno ulteriori prove al convegno della Società Europea per lo Studio dell’Evoluzione Umana . I ricercatori hanno esaminato molti testi storici diversi tra cui diari di viaggio, archivi di spedizioni e documenti etnografici per trovare prove di società che praticavano l’“amputazione falangea” o la rimozione intenzionale delle dita e hanno creato una tassonomia delle pratiche di amputazione in tutto il mondo.

Rituale sconosciuto scoperto nell’arte rupestre in Francia e Spagna

Alla Grotte de Gargas negli Alti Pirenei in Francia sono stati censiti 231 stampini a mano, realizzati da circa 45-50 individui. Di questi, 114 mancano di una o più cifre. A Cosquer Cave, sempre in Francia, 28 lancette su 49 mancano di cifre. E a Maltravieso, nella Spagna occidentale, 61 delle 71 immagini di mani mancano di cifre. Ci sono anche prove che suggeriscono che c’erano persone con le dita mancanti che realizzavano l’arte. Alla Grotte de Gargas, l’archeologo C. Barrière riferì nel 1976, ci sono impronte di arti umani trovati nel fango indurito, ad alcuni dei quali mancano chiaramente le cifre. Si ritiene che queste impressioni abbiano la stessa età degli stampini a mano. I motivi dell’amputazione del dito andavano dal sacrificale, a una sorta di punizione, a un segno di lutto. Collard ha detto a New Scientist che lui e il suo team ipotizzano che le immagini delle mani del Paleolitico superiore fossero il risultato di un sacrificio religioso o di un lutto. “L’idea che le immagini delle mani riflettano il sacrificio è coerente con il modo in cui l’arte rupestre è stata interpretata da molti ricercatori nel corso degli anni”, ha affermato Collard. “L’arte rupestre si trova spesso in parti buie e di difficile accesso, il che è coerente con il fatto che facciano parte di una sorta di rituale disforico.

L’articolo Rituale sconosciuto scoperto nell’arte rupestre in Francia e Spagna sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top