Risolto il mistero della scomparsa del primate più grande di sempre

La misteriosa scomparsa di una scimmia gigante, ritenuta il primate più grande che abbia mai camminato sulla Terra, è stata svelata dagli scienziati.

Uno studio pubblicato sulla rivista Nature ha rivelato come la scimmia estinta, conosciuta come Gigantopithecus blacki , sia scomparsa a causa della sua incapacità di adattarsi a un ambiente in cambiamento. G. blacki è stato trovato in quella che oggi è la Cina meridionale circa due milioni di anni fa, finché la specie non si estinse prima dell’arrivo degli esseri umani nella regione. La scimmia raggiunse un’altezza stimata di circa 2,5 metri di altezza e potrebbe aver pesato 300 kg. Queste creature, lontanissimi antenati dell’uomo, appartengono al gruppo di grandi scimmie conosciute come Ponginae, i cui unici membri viventi sono gli oranghi. I ricercatori ipotizzano che G. blacki avrebbe probabilmente somigliato a un orangutan, anche se significativamente più grande, anche se questo sarà confermato solo una volta trovati altri fossili. Ad oggi, le prove di questa specie sono limitate a quattro mascelle e circa 2.000 denti fossilizzati trovati in diversi siti di grotte sparsi in due aree principali della Cina meridionale. Non sono stati trovati fossili dal collo in giù, lasciando una lacuna significativa nella nostra conoscenza di questo animale. I siti delle grotte contengono prove cruciali relative alla sopravvivenza e alla futura morte della scimmia gigante. Ma pochissimi di questi siti di G. blacki sono stati datati utilizzando più di una tecnica di datazione radioattiva, il che significa che i tempi dell’estinzione sono rimasti incerti. “In precedenza, si presumeva che G. blacki si fosse estinto circa 420-320.000 anni fa sulla base della datazione di solo poche grotte”, ha affermato Kira Westaway, co-autrice principale dello studio con la Facoltà di Scienze e Ingegneria della Macquarie University di New York. Inoltre, le ragioni per cui G. blacki è scomparsa sono rimaste a lungo un mistero, soprattutto considerando che è stata una delle poche grandi scimmie asiatiche ad estinguersi negli ultimi due milioni e mezzo di anni. “La storia di G. blacki è un enigma in paleontologia: come ha potuto una creatura così potente estinguersi in un’epoca in cui altri primati si stavano adattando e sopravvivevano? La causa irrisolta della sua scomparsa è diventata il Santo Graal in questa disciplina”, Yingqi Zhang , co-autore principale dello studio dell’Istituto di Paleontologia e Paleoantropologia dei vertebrati dell’Accademia cinese delle scienze (IVPP), ha affermato in un comunicato stampa. “L’IVPP ha scavato prove di G. blacki in questa regione per oltre 10 anni, ma senza una datazione solida e un’analisi ambientale coerente, la causa della sua estinzione ci era sfuggita.” Zhang sapeva che una componente significativa di questo mistero era la tempistica, quindi decise di coinvolgere Westaway, un geocronologo. “Sono in grado di datare i sedimenti sepolcrali che circondano i fossili di G. blacki . Lavoriamo insieme dal 2015 cercando di risolvere il mistero della sua scomparsa”, ha detto Westaway a Newsweek . Nell’ultimo studio, gli scienziati e i loro colleghi hanno applicato un’analisi multidisciplinare a 22 grotte nella provincia di Guangxi, nel sud della Cina. In primo luogo, il team ha utilizzato tecniche di datazione per stabilire una “finestra di estinzione” durante la quale la grande scimmia scomparve tra circa 295.000 e 215.000 anni fa. “Abbiamo una cronologia molto più solida per la loro vita e quando si sono estinti, invece di basarci su prove provenienti da una o due grotte, abbiamo campionato 22 grotte su una vasta area e utilizzato sei tecniche di datazione per assicurarci che la cronologia sia accurato”, ha detto Westaway. Questa finestra ha fornito ai ricercatori un periodo di tempo affidabile per studiare le condizioni ambientali contemporanee e il modo in cui G. blacki si comportava e rispondeva ai cambiamenti del mondo. I ricercatori hanno ricostruito condizioni ambientali dettagliate durante la finestra di estinzione utilizzando un’analisi di pollini, fossili, sedimenti e isotopi stabili (atomi dello stesso elemento che hanno lo stesso numero di protoni ma un diverso numero di neutroni). Ciò ha dimostrato che circa 2,3 milioni di anni fa l’ambiente era costituito da un mosaico di fitte e ricche foreste ed erbe. Questo ambiente, caratterizzato da cibo diversificato e abbondanti fonti d’acqua, forniva le condizioni ideali affinché G. blacki prosperasse insieme ad altri primati. Ma intorno a 700.000-600.000 anni fa, i ricercatori hanno osservato uno spostamento verso un clima più stagionale, che ha innescato cambiamenti nelle comunità vegetali e un aumento degli ambienti forestali aperti. Questo ambiente era caratterizzato da una minore diversità nelle fonti alimentari.

Risolto il mistero della scomparsa del primate più grande di sempre

I ricercatori hanno anche analizzato i denti di G. blacki e Pongo weidenreichi , i loro parenti primati più prossimi, per determinare i cambiamenti nella dieta e nel comportamento della specie in questo periodo. Ciò ha rivelato che G. blacki , lo specialista per eccellenza, non era bravo ad adattarsi alle mutevoli condizioni, mostrando segni di stress cronico. Nel frattempo, i reperti fossili indicano un declino nel numero e nella diffusione geografica di G. blacki , con prove che suggeriscono che la popolazione era in difficoltà circa 300.000 anni fa. D’altra parte, P. weidenreichi (l’orango cinese) sembra aver avuto risultati migliori nello stesso periodo, adattandosi più efficacemente ai cambiamenti ambientali (anche se anche questa specie si sarebbe estinta circa 66-57.000 anni fa). “Il clima più stagionale ha creato periodi di siccità in cui i frutti erano difficili da trovare”, ha detto Westaway. ” G. blacki faceva affidamento su un cibo di riserva meno nutriente, come corteccia e ramoscelli. Mentre P. weidenreichi era più flessibile nel suo cibo di riserva, mangiando germogli, foglie, fiori, noci, semi, persino insetti e piccoli mammiferi.” ” Il raggio d’azione di G. blacki per il foraggiamento era limitato dalle sue dimensioni. Ma P. weidenreichi era più mobile viaggiando nella chioma per distanze più lunghe, consentendo un raggio d’azione maggiore per il foraggiamento. G. blacki rimaneva nella foresta mentre P. weidenreichi era in grado di per spostarsi in ambienti forestali più aperti.” Le ultime scoperte, quindi, gettano nuova luce sulla scomparsa del più grande primate che abbia mai vissuto sulla Terra. Secondo lo studio , alla fine, la lotta di G. blacki per adattarsi al suo ambiente in evoluzione ha portato all’estinzione della grande scimmia. “Comprendere le cause dell’estinzione dei primati è fondamentale con la minaccia di una sesta estinzione di massa che incombe sul pianeta”, ha affermato Westaway. “Tornare alle estinzioni irrisolte del passato e determinarne le cause ci aiuta a capire perché alcune specie sono più vulnerabili e perché altre sono più resilienti”.

L’articolo Risolto il mistero della scomparsa del primate più grande di sempre sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top