Questo dipinto nasconde un segreto davvero incredibile

In epoca Vittoriana, un popolare pigmento pittorico chiamato “marrone mummia” veniva ricavato da mummie egiziane macinate.

Gli artisti potevano acquistare un pigmento chiamato “marrone mummia”, ottenuto da mummie egiziane macinate. Sì, è così; i toni ricchi e fulvi di alcuni dipinti del XIX secolo provengono da corpi reali. Raymond White del Dipartimento scientifico della National Gallery nota nel Bollettino tecnico della National Gallery che questo pigmento “ è costituito dalle parti di una mummia egiziana , tipicamente macinate con un olio essiccante come quello di noce. Dalle voci di A Compendium of Colors , sembrerebbe che le parti più carnose della mummia fossero altamente raccomandate per la preparazione del pigmento della mummia della migliore qualità. “Ritenuta particolarmente adatta per dipingere i volti, la mummia marrone possedeva una lucentezza che conferiva una lucentezza cannibalistica ai ritratti di personaggi della società.” Il commercio delle mummie in Europa era vecchio di secoli, con antichi corpi imbalsamati a lungo utilizzati come medicinali. Un manoscritto italiano del XIV secolo recentemente esposto presso la Morgan Library & Museum di New York illustrava una mummia insieme a una radice di mandragora come potenziali cure. Poiché molti pigmenti si sono sviluppati dalla medicina, a un certo punto qualcuno ha riconsiderato l’idea di mangiare la mummia e di usarla invece per colorare la propria arte.

Questo dipinto nasconde un segreto davvero incredibile

I venditori di tali materiali non facevano mistero della sua composizione umana: l’esotismo era parte del suo fascino. Ma non tutti gli artisti erano a proprio agio con le sue origini. Quando il pittore preraffaellita Edward Burne-Jones si rese conto della fonte corporea del dipinto, decise di seppellire ritualmente il suo pigmento. Suo nipote, il giovane Rudyard Kipling, ricordò nella sua autobiografia come suo zio “discese in pieno giorno con un tubo di ‘Mummy Brown’ in mano, dicendo che aveva scoperto che era fatto di faraoni morti e che dovevamo seppellirlo di conseguenza. Quindi siamo usciti tutti e abbiamo aiutato, secondo i riti di Mizraim e Memphis”. Nella foto sopra c’è ” Interno di una cucina” di Martin Drolling che attualmente risiede al Louvre. Dipinto nel 1815, questo olio su tela altamente dettagliato abbia dato fama a Drolling, che ha continuato a creare altre opere con temi simili; interni rilassati e moderatamente illuminati e altre scene familiari. Anche in questo dipinto è presente il pigmento marrone proveniente della mummie. I pittori britannici usavano parti del corpo umano per rappresentare la pelle , come si può vedere nel caso del pigmento soprannominato mummia marrone, che si suppone provenisse dalla polverizzazione delle ossa degli antichi egizi i cui corpi furono dissotterrati illegalmente, ma il più delle volte derivato dal corpi di criminali londinesi ottenuti illegalmente da artisti e loro coorti”, scrive la storica dell’arte Natasha Eaton su The Art Bulletin . Dall’Egitto all’Asia orientale, i modi di realizzare le mummie sono variati. A volte, come rivela una recente scoperta, la mummificazione avviene completamente per caso. Tuttavia, la pratica durò fino al ventesimo secolo. Mummy Brown non è più disponibile presso i negozi di articoli d’arte, sebbene il nome sia ancora utilizzato per descrivere una tonalità di terra d’ombra. Con la disponibilità di pigmenti sintetici e una migliore regolamentazione del traffico di resti umani, i morti possono finalmente riposare lontano dallo studio dell’artista.

L’articolo Questo dipinto nasconde un segreto davvero incredibile sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top