Quali sono le differenze tra giaguaro e leopardo?

I grandi felini generano sempre molta curiosità, come nel caso del leopardo e del giaguaro. Queste due specie selvatiche appartengono allo stesso genere Panthera e alla famiglia dei Felidae. Sia i giaguari che i leopardi sono ottimi cacciatori, dotati di mascelle forti, artigli affilati, udito acuto e capacità di ruggire. Tendono inoltre ad essere solitari per tutta la vita e ad avere abitudini crepuscolari o notturne, salvo rare eccezioni. Entrambi possono essere facilmente confusi, poiché il giaguaro e il leopardo hanno il pelo arancione e numerose “macchie” nere (rosette) sparse su tutto il corpo.

Giaguaro
Quali sono le differenze tra giaguaro e leopardo?

Il giaguaro (Panthera onca) è il felino più grande delle Americhe; ed è secondo per dimensioni al leone (Panthera leo) e alla tigre (Panthera tigris). In media un esemplare maschio adulto pesa più di 100 kg, misurando tra 1,1 me 1,8 metri. In passato sono stati avvistati negli Stati Uniti ed in Argentina, ma in queste località non si osservano più esemplari ormai da anni. In Brasile si trova normalmente nelle foreste tropicali, come l’Amazzonia e la Foresta Atlantica, così come nel Pantanal e nel Cerrado. È frequente trovarlo anche in Venezuela, Colombia e Messico. Attualmente è a rischio di estinzione. Oltre ad arrampicarsi agilmente sugli alberi, il giaguaro può tuffarsi e cacciare nell’acqua. A causa di questa abilità insolita tra i felini, è in grado di includere nella sua dieta alcuni animali acquatici, come capibara, alligatori, pesci e serpenti.

E la pantera nera?

In realtà la pantera nera non è altro che un giaguaro oppure un leopardo completamente scuro. Si tratta di esemplari che nascono con il pelo molto scuro e con rosette che sono appe na visibili sullo sfondo. Fondamentalmente si tratta di una mutazione che aumenta la produzione di melanina nell’organismo, cioè la proteina responsabile della pigmentazione nera. In effetti, non esistono sottospecie tra i giaguari. “Si possono riconoscere tre o quattro popolazioni con apprezzabile differenziazione genetica, ma non vanno considerate vere e proprie sottospecie”, afferma lo zoologo Giovanni Giuseppe Bellani, nel libro Felini del mondo. “Alcune barriere geografiche, come il Rio delle Amazzoni e lo stretto del Darién (Panama), tra Nord e Sud America e America Centrale, hanno isolato alcune popolazioni e ostacolato il flusso genetico storico, ma non lo hanno impedito del tutto“, aggiunge Bellani.

Leopardo

A differenza del giaguaro, il leopardo (Panthera pardus) è diviso in otto sottospecie, di cui il leopardo africano (Panthera pardus pardus) e il leopardo dell’Amur (Panthera pardus orientalis) sono i più comuni. Il leopardo nero non è considerato una sottospecie perché è il risultato del melanismo.

Tale variazione genetica e così tante sottospecie si verificano a causa della sua intensa distribuzione in tutto il mondo. Questo perché i leopardi possono essere trovati in Africa, Medio Oriente, Europa e Asia. Nonostante ciò, alcune sottospecie sono a rischio di estinzione. In media, un leopardo maschio pesa tra 60 kg e 70 chili, misurando tra 90 cm e 1,6 m. Più leggeri e con la coda più grande, si arrampicano molto bene sugli alberi. Per evitare di essere derubati della preda da altri predatori della savana, come leoni e le iene, i leopardi letteralmente “sollevano” la preda sulle cime degli alberi, anche se l’animale ucciso pesa il doppio del loro peso. La dieta si concentra maggiormente sui mammiferi terrestri, come i cervi, mentre tendono a stare lontani dall’acqua.

Altre differenze tra giaguaro e leopardo

Considerando le principali differenze tra il giaguaro e il leopardo, c’è la questione della distribuzione geografica: il giaguaro è esclusivo del continente americano. Altre differenze riguardano dimensioni e peso, poiché i giaguari sono più voluminosi. Tuttavia, è interessante notare che i leopardi hanno la coda più lunga.

Diversi tipi di macchie

Uno dei punti più diversi tra le specie è la questione delle macchie, che genera confusione tra i non addetti ai lavori. “Il disegno del pelo del giaguaro è diverso da quello del leopardo“, spiega il ricercatore Bellani. “Nei giaguari, le macchie sono generalmente molto grandi, e il colore è sempre più scuro con piccole macchie interne“, sottolinea. Nel frattempo, “le macchie di leopardo sono più piccole (un po’ più grandi nel leopardo dell’Amur, dove a volte formano anelli), e il colore del mantello interno è un po’ più scuro, ma le macchie interne non sono mai presenti“.

L’articolo Quali sono le differenze tra giaguaro e leopardo? sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top