Qualcosa di strano accade ai lupi infettati da un parassita che altera la mente

Uno studio condotto su 26 anni di dati comportamentali dei lupi e un’analisi del sangue di 229 lupi ha dimostrato che l’infezione con il parassita Toxoplasma gondii rende i lupi 46 volte più propensi a diventare capobranco.

La ricerca mostra che gli effetti di questo parassita in natura sono stati terribilmente sottovalutati e il suo ruolo negli ecosistemi e nel comportamento animale sottovalutato. Se hai un gatto, probabilmente hai già sentito parlare di questo parassita. L’organismo microscopico può riprodursi sessualmente solo nei corpi dei felini, ma può infettare e prosperare praticamente in tutti gli animali a sangue caldo. Ciò include gli esseri umani, dove può causare una malattia parassitaria tipicamente asintomatica (ma comunque potenzialmente fatale ) chiamata toxoplasmosi . Una volta che si trova in un altro ospite, i singoli parassiti T. gondii devono trovare un modo per riportare la loro prole all’interno di un gatto se non vuole diventare un vicolo cieco evolutivo. E ha un modo inquietante di massimizzare le sue possibilità. Animali come i ratti infettati dal parassita iniziano a correre maggiori rischi e, in alcuni casi, diventano fatalmente attratti dall’odore dell’urina felina, e quindi hanno maggiori probabilità di esserne uccisi. Per gli animali più grandi, come gli scimpanzé , ciò significa un aumento del rischio di incontro con un gatto più grande, come un leopardo. Anche le iene infettate da T. gondii hanno maggiori probabilità di essere uccise dai leoni . I lupi grigi ( Canis lupus ) nel Parco Nazionale di Yellowstone non sono esattamente prede di gatti. Ma a volte il loro territorio si sovrappone a quello dei puma ( P uma concolor ), noti portatori di T. gondii , e le due specie predano entrambe l’alce ( Cervus canadensis ), il bisonte ( Bison bison ) e il cervo mulo ( Odocoileus hemionus ) che può essere trovato anche lì. È possibile che anche i lupi si infettino, forse mangiando occasionalmente puma morti o ingerendo cacca di puma. I dati raccolti sui lupi e sul loro comportamento per quasi 27 anni hanno offerto una rara opportunità di studiare gli effetti del parassita su un ospite selvatico intermedio . I ricercatori, guidati dai biologi Connor Meyer e Kira Cassidy dello Yellowstone Wolf Project, hanno anche esaminato campioni di sangue di lupi e puma per valutare il tasso di infezione da T. gondii . Hanno scoperto che i lupi con molto territorio sovrapposto ai puma avevano maggiori probabilità di essere infettati da T. gondii . Ma c’è stata anche una conseguenza comportamentale, con un aumento significativo dell’assunzione di rischi. I lupi infetti avevano 11 volte più probabilità di disperdersi dal branco in un nuovo territorio. I maschi infetti avevano una probabilità del 50% di lasciare il branco entro sei mesi, rispetto ai 21 mesi più tipici per i non infetti. Allo stesso modo, le femmine infette avevano il 25% di possibilità di lasciare il branco entro 30 mesi, rispetto ai 48 mesi di quelle non infette. I lupi infetti avevano anche molte più probabilità di diventare capibranco. T. gondii può aumentare i livelli di testosterone, che a sua volta potrebbe portare ad una maggiore aggressività e dominanza, che sono tratti che aiuterebbero un lupo ad affermarsi come capobranco. Ciò ha un paio di conseguenze importanti. I capibranco sono quelli che si riproducono e la trasmissione di T. gondii può essere congenita, trasmessa dalla madre alla prole. Ma può anche influenzare la dinamica dell’intero pacchetto.

Qualcosa di strano accade ai lupi infettati da un  parassita che altera la mente

“A causa della struttura di vita di gruppo del branco di lupi grigi, i capibranco hanno un’influenza sproporzionata sui loro compagni di branco e sulle decisioni del gruppo”, scrivono i ricercatori nel loro articolo . “Se i lupi principali vengono infettati da T. gondii e mostrano cambiamenti comportamentali… ciò potrebbe creare una dinamica in base alla quale il comportamento, innescato dal parassita in un lupo, influenza il resto dei lupi nel branco.” Se, ad esempio, il capobranco cerca l’odore della pipì del puma mentre si spinge coraggiosamente in un nuovo territorio, potrebbe trovarsi ad affrontare una maggiore esposizione al parassita, e quindi un tasso maggiore di infezione da T. gondii in tutta la popolazione di lupi. Ciò genera una sorta di ciclo di feedback di maggiore sovrapposizione e infezione. È una prova convincente che agenti minuscoli e poco studiati possono avere un’enorme influenza sulle dinamiche dell’ecosistema. “Questo studio dimostra come le interazioni a livello di comunità possano influenzare il comportamento individuale e potrebbero potenzialmente estendersi al processo decisionale a livello di gruppo, alla biologia della popolazione e all’ecologia della comunità”, scrivono i ricercatori . “Incorporare le implicazioni delle infezioni parassitarie nella futura ricerca sulla fauna selvatica è vitale per comprendere gli impatti dei parassiti su individui, gruppi, popolazioni e processi ecosistemici”.

La ricerca è stata pubblicata su Communications Biology .

L’articolo Qualcosa di strano accade ai lupi infettati da un parassita che altera la mente sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top