Perché anche se hai figli dovresti frequentare persone che non ne hanno

Esistono dei momenti, nella vita di ogni donna, durante i quali tutto si trasforma velocemente, senza neanche darci il tempo di capire cosa realmente sta succedendo. E questo accade quando diventiamo mamme e ci ritroviamo ad affrontare il periodo più felice e intenso della nostra vita. Ma che è di tutto quello che era prima?

Le abitudini cambiano, si evolvono e seguono gli orari i bisogni di quella creatura che ha cambiato per sempre la nostra quotidianità. Le amiche, quelle con l’esperienza, ci danno i consigli per affrontare questo nuovo ruolo, le altre ci stanno vicine come possono. Altre ancora si aggiungono in corsa, perché con loro ci siamo ritrovate a condividere questa nuova avventura.

Alcune persone, invece, spariscono e basta. Lo fanno silenziosamente perché preferiscono trascorrere il tempo tra uscite, svago e divertimento, esattamente come facevamo noi fino a qualche tempo prima. E come biasimarle? Le nuove abitudini, i ritmi e le necessità non sono più gli stessi, per nessuno. E mentre qualcuna affronta i soliti vecchi problemi di cuore, noi ci ritroviamo ad affrontarne di nuovi, tra pianti notturni del nuovo arrivato, notti insonni e tanti pannolini da cambiare.

E in questo via vai continuo che caratterizza la vita di tutte le mamme, ci sono, però, le amiche di sempre. Quelle che nonostante non siano madri, rinunciano volentieri a una serata in discoteca per trascorrere il tempo insieme, anche con prole a seguito. E sono quelle amiche alle quali non dobbiamo rinunciare mai.

Certo, la nostra presenza è per forza di cose limitata. Le lunghe chiacchierate al telefono si trasformano in chat settimanali veloci, intervallate da numerosi vocali. Perché è così è più comodo. E anche le uscite si riducono al minimo perché il pensiero di trascorrere una serata tranquilla, e poter riposare, è di gran lunga più allettante di ogni cosa.

Ma per fortuna esistono loro. Le amiche e gli amici che insistono per vederci. Che hanno voglia di trascorrere il tempo con noi e i nostri pupi, anche se loro non ne hanno, perché hanno scoperto il piacere di essere zii acquisiti. E gli piace.

E a noi piace stare con loro. Anche quando ci sentiamo così stanche e inadeguate, apparentemente impresentabili. Ci basta la loro presenza, al nostro fianco, per ricordarci che anche se siamo orgogliose di essere madri, e siamo consapevoli che il benessere dei piccoli viene prima di ogni cosa, siamo anche delle donne e come tali abbiamo bisogno di una vita sociale.

E sono loro che ce lo ricordano. Con la loro spensieratezza che a volte gli invidiamo, con quelle chiacchiere apparentemente futili e di quei pettegolezzi spicci di cui però abbiamo tanto bisogno. Ecco perché, anche se abbiamo dei figli, non dobbiamo mai rinunciare a uscire con chi non ne ha.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.