Perché alcuni animali hanno colori iridescenti? Lo studio

Uno studio ha dimostrato l’origine delle strane tonalità in alcune specie animali.

Una miriade di animali sono caratterizzati da brillanti sfumature cangianti iridescenti, una caratteristica che li rende affascinanti all’occhio umano, ma il motivo per cui la selezione naturale ha favorito lo sviluppo di tali colori ha rappresentato un mistero almeno fino ad oggi. I mutevoli riflessi si sono evoluti indipendentemente molte volte nel regno animale, dagli abbaglianti colibrì agli scinchi fino alle mosche. In alcuni animali, dove l’iridescenza è più evidente in un sesso rispetto all’altro, come nei pavoni, è stata la selezione sessuale a giocare un ruolo importante. Ma in molti insetti, entrambi i sessi sono ugualmente iridescenti, e alcuni animali sono iridescenti solo nelle loro forme larvali, come i coleotteri del bushel (Trirhabda bacharidis). Un nuovo studio ha fornito prove sperimentali che i cambiamenti di colore possono anche svolgere una funzione protettiva in questi animali. “Una delle sfide nello studio delle funzioni di una tale colorazione strutturale altamente riflettente è stata quella di separare gli effetti della mutevolezza dei colori, il segno distintivo dell’iridescenza, dagli effetti del semplice avere più colori contemporaneamente“, spiega l’Università di Bristol la biologa evoluzionista Karin Kjernsmo. “E anche per separare gli effetti della lucentezza dagli effetti dell’iridescenza.” Per raggiungere questo obiettivo, Kjernsmo e colleghi hanno avviato un esperimento in cui hanno testato giovani polli con diverse “prede” sotto forma di custodie alari di scarabeo (Sternocera aequisignata) reali e artificiali con dei vermi della farina. Ai pulcini, che non avevano mai incontrato tali prede prima, sono state presentate custodie alari opache con una sfumatura statica, lucide con una sfumatura statica, opache con sfumature mutevoli o lucide con sfumature mutevoli. Gli uccelli non hanno esitato ad attaccare la “preda” che mostrava più colori contemporaneamente. Ma ci hanno pensato due volte prima di cercare la “preda” con un colore iridescente. Anche la lucentezza ha indotto un’esitazione, ma non così forte come i cambiamenti di colore.

Perché alcuni animali hanno colori iridescenti? Lo studio

Poiché non avevano precedenti esperienze con animali caratterizzati dall’iridescenza, il comportamento era istintivo. “Qui siamo, per la prima volta, effettivamente riusciti a testare ciascuno di questi due effetti da soli e abbiamo dimostrato che sia l’iridescenza che la lucentezza possono proteggere la preda anche dopo il rilevamento, fornendo ancora un’altra spiegazione adattiva per l’evoluzione e l’esistenza diffusa di iridescenza”, dice Kjernsmo. Nel 2020, lo stesso team ha fornito prove del fatto che l’iridescenza potrebbe essere una forma efficace di mimetizzazione, anche se potrebbe sembrare controintuitivo dato quanto sorprendentemente attraenti possano essere questi colori. “Questa idea è in realtà molto vecchia, ma non è mai stata mostrata prima. Penso che sia stata semplicemente trascurata o dimenticata“, ha detto Kjernsmo alla rivista Discover nel 2020. Naturalmente, questi risultati dovrebbero essere dimostrati in condizioni naturali per confermare e garantire che non ci sia nient’altro che confonda i risultati nell’ambiente di laboratorio. “I nostri risultati sono importanti perché dimostrano che anche quando le prede sono presentate da vicino e su uno sfondo non corrispondente, l’iridescenza può conferire un vantaggio in termini di sopravvivenza inducendo esitazione o addirittura, come talvolta osservato, una risposta di avversione nell’attaccare gli uccelli“, ha scritto Kjernsmo nella ricerca. Questa avversione potrebbe essere dovuta a una forma di aposematismo, ovvero il meccanismo attraverso il quale gli animali usano i colori per pubblicizzare la loro natura velenosa. Uno studio del 2017 su uno scarabeo fogliare alpino iridescente (Oreina cacaliae), con difese chimiche note, ha dimostrato che la lucentezza migliora il suo segnale di avvertimento, supportando l’idea di avvertimento velenoso. “Studi futuri potrebbero stabilire la frequenza con cui si verifica la combinazione di iridescenza e difese secondarie“, suggeriscono i ricercatori dello studio del 2022.

Fonyr: https://www.bristol.ac.uk/news/2022/may/beetle-iridescence-.html

L’articolo Perché alcuni animali hanno colori iridescenti? Lo studio sembra essere il primo su Scienze Notizie.