Osservato corpo celeste misterioso: produce enormi emissioni di energia

L’oggetto che trasforma energia magnetica in onde radio, potrebbe rappresentare una nuova categoria di corpo celeste.

Uno strano un oggetto, capace di rilasciare colossali quantità di energia, è stato scoperto dagli scienziati della Curtin University. Il corpo celeste produce insoliti picchi di attività per 3 volte in un’ora. Differente da qualsiasi cosa nota, l’oggetto, descritto in uno studio su Nature, è a quattromila anni luce di distanza dal nostro pianeta, ed è in grado di emettere radiazioni che attraversano la nostra linea di vista. Gli esperti, guidati dalla scienziata Natasha Hurley-Walker hanno usato il telescopio Murchison Widefield Array, installato nell’Australia occidentale per scandagliare il cielo. La scoperta è stata realizzata da Tyrone O’Doherty, studente della Curtin University. “Abbiamo rilevato un segnale che appariva e scompariva, è stato un comportamento insolito,” ha spiegato Hurley-Walker.

Secondo i primi dati, l’oggetto converte l’energia magnetica in onde radio più efficacemente rispetto a qualunque altro corpo celeste scoperto in passato. “I prossimi dati del MWA ci aiuteranno a comprendere se si è trattato di un evento unico o se abbiamo individuato una nuova categoria di oggetti non ancora conosciuti,” ha aggiunto Hurley-Walker. L’attività del corpo celeste, osservato da O’Doherty, ha avuto una durata di circa un minuto, un comportamento non facile da spiegare con le conoscenze attuali. “Per analizzare questo evento sarà importante raccogliere una serie di informazioni precise. Tale precisione è possibile con gli strumenti di ultima generazione e alla tecnologia dell’MWA. Siamo davvero felici della scoperta e delle osservazioni che potranno essere realizzata dal telescopio,” ha concluso Steven Tingay, direttore dell’MWA.

Fonte:

https://www.cnet.com/news/astronomers-spy-powerful-deep-space-object-unlike-anything-seen-before/

L’articolo Osservato corpo celeste misterioso: produce enormi emissioni di energia sembra essere il primo su Scienze Notizie.