OSIRIS-REx riporta a casa la più grande raccolta di materiale extraterrestre oltre la Luna

OSIRIS-REx riporta a casa la più grande raccolta di materiale extraterrestre oltre la Luna
L’interno del TAGSAM che mostra il campione. (NASA/Erika Blumenfeld & Joseph Aebersold)

Quando OSIRIS-REx è stato pianificato, il team della missione mirava a raccogliere almeno 60 grammi di materiale. Questo era il requisito per una missione di successo. Beh, considerate OSIRIS-REx doppiamente riuscito, poiché ha riportato a casa 121,6 grammi (4,29 once), la più grande raccolta di materiale extraterrestre oltre la Luna.

Il ritorno del Touch-and-Go Sample Acquisition Mechanism (TAGSAM) è stato un’avventura. È stato lasciato dalla navicella nello Utah desert e poi trasferito al Johnson Space Center della NASA. Lì, in una stanza pulita speciale, ha iniziato ad essere aperto. L’obiettivo era tenerlo lontano da qualsiasi possibile contaminazione terrestre.

A ottobre, la rimozione del grande contenitore ha rivelato rocce e polvere per un totale di 70,3 grammi (2,48 once). Il team non era ancora arrivato al TAGSAM… e non potevano farlo. Due fissaggi nel sistema non si muovevano. Quindi, il team ha dovuto trovare un modo ingegnoso per progettare, sviluppare e testare nuovi strumenti senza introdurre contaminanti. Hanno avuto successo il mese scorso e finalmente, il campione completo era disponibile.

È stato annunciato che il materiale di Bennu verrà contenuto e distribuito per essere studiato dai ricercatori. Istituzioni di tutto il mondo avranno accesso al materiale riportato da questa straordinaria missione e molti ricercatori hanno già esercitato i loro piani per il prezioso carico.

“Li porteremo a mano. Quindi io o un collega andremo al Johnson Space Center per raccoglierli”, ha detto il professor Sara Russell, parte del team di analisi dei campioni di OSIRIS-REx del Natural History Museum di Londra, a IFLScience. “Ma il Johnson Space Center è anche felice di inviarli tramite corriere. In realtà, abbiamo dovuto fare delle prove. Tutto in questa missione è così ben provato.”

Una volta che sarà con gli scienziati, verrà analizzato e confrontato con meteoriti e campioni raccolti dalle missioni giapponesi Hayabusa e Hayabusa-2, che hanno raccolto campioni dagli asteroidi Itokawa e Ryugu, rispettivamente.

“Il primo campione che otterremo sarà un piccolo flacone di piccoli frammenti di polvere, e ne prenderemo alcuni e li scannerizzeremo con la tomografia computerizzata in modo da poterne osservare la struttura e avere un’idea della sua composizione”, ha detto il professor Russell a IFLScience.

“Poi lo metteremo in un microscopio elettronico, che ci permetterà di fare una mappatura degli elementi. Quindi vedremo quali elementi ci sono e ciò ci dirà quali minerali stiamo osservando. Faremo anche una diffrazione dei raggi X, che analizza la struttura cristallina. E tutto questo ci darà un’immagine di che tipo di oggetto è.”

Un catalogo di ciò che gli scienziati potranno richiedere sarà reso disponibile tra qualche mese. Ma il 70 percento del campione verrà conservato per future analisi. Questo è simile al 60 percento che è stato conservato da Hayabusa-2 quando è tornato con campioni dell’asteroide Ryugu nel 2020.

L’articolo OSIRIS-REx riporta a casa la più grande raccolta di materiale extraterrestre oltre la Luna sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top