Nutrire un raffreddore: mito o realtà?

Nutrire un raffreddore: mito o realtà?
It might not be a miracle cure, but comfort food can still work wonders when you’re sick. (Pixel-Shot/Shutterstock.com)

Dovresti davvero “nutrire un raffreddore”?

Anche se è normale mangiare quando hai un raffreddore, probabilmente non ha poteri curativi magici. Uno studio del 2002 ha suggerito che mangiare potrebbe avere un impatto positivo sul sistema immunitario adattativo, ma sono necessarie ulteriori ricerche per confermarlo. Gli esperti concordano sul fatto che sia più importante bere liquidi anziché preoccuparsi del cibo.

La disidratazione può essere causata sia dai raffreddori che dalle febbri. Quando hai un raffreddore, il corpo utilizza più acqua del solito per produrre muco. È importante bere di più per reintegrare i liquidi persi. Puoi bere acqua calda con limone e miele per lenire il mal di gola, oppure optare per succo di frutta. Anche il tè o il caffè con moderazione sono accettabili. L’importante è mantenere un’adeguata idratazione.

Se hai appetito, mangiare cibi nutrienti non ti farà male quando sei raffreddato. La zuppa di pollo è stata spesso consigliata per alleviare i sintomi del raffreddore, ma ci sono anche altre opzioni vegetariane o vegane che forniscono nutrienti. L’importante è mantenere una dieta equilibrata e lasciare che il sistema immunitario faccia il suo lavoro. Inoltre, puoi prendere farmaci da banco per alleviare i sintomi come mal di testa o dolori generali.

Dovresti davvero “far morire di fame una febbre”?

Le febbri non sono comuni nei raffreddori, ma possono essere presenti durante l’influenza. L’idea di far morire di fame una febbre risale agli antichi greci, ma non ci sono prove scientifiche che lo supportino.

Mangiare potrebbe non essere la tua priorità quando hai la febbre, ma se hai fame non ci sono ragioni mediche per evitare il cibo. Se hai avuto un periodo di digiuno o hai sintomi come nausea, diarrea o vomito, puoi iniziare con cibi leggeri come pane tostato semplice. Tuttavia, l’idratazione è ancora più importante. La disidratazione è una delle principali ragioni per cui i pazienti vengono ricoverati in ospedale durante l’influenza o altre infezioni virali. È importante reintegrare i liquidi persi, soprattutto se hai sudato a causa della febbre o hai sintomi gastrointestinali. Puoi anche considerare l’uso di polveri o bevande elettrolitiche. Inoltre, ci sono farmaci da banco disponibili per alleviare i sintomi.

Mangiare o non mangiare dipende da come ti senti. Se uno snack ti fa sentire meglio, fallo. Se non hai voglia di mangiare, assicurati di bere abbastanza acqua. Non esiste un cibo o una bevanda miracolosa per la guarigione. L’importante è evitare che le cose peggiorino mentre ti riprendi.

Tutti gli articoli “spiegativi” sono corretti al momento della pubblicazione. Il testo, le immagini e i link possono essere modificati, rimossi o aggiunti in seguito per mantenere le informazioni aggiornate. Questo articolo non sostituisce il parere medico professionale, la diagnosi o il trattamento. Consulta sempre professionisti qualificati per eventuali domande riguardanti le condizioni mediche.

L’articolo Nutrire un raffreddore: mito o realtà? sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top