Nuovi e straordinari affreschi scoperti a Pompei

Gli archeologi hanno scoperto affreschi straordinariamente conservati su un muro nella sala banchetti di una grande casa lungo Via di Nola, una delle strade più lunghe di Pompei.

In un’area recentemente scavata dell’antica città romana di Pompei , gli archeologi hanno scoperto affreschi squisitamente conservati nella sala dei banchetti conosciuta come la “Sala Nera”. Viene chiamata la stanza nera perché era dipinta di nero, probabilmente per mascherare la fuliggine delle lampade a olio che sarebbero bruciate. Al contrario, il pavimento a mosaico della stanza è composto da più di un milione di minuscole tessere bianche disposte in modo intricato. È la scoperta più recente e sorprendente di Pompei, quasi interamente conservata sotto la cenere e la pomice lasciate dall’eruzione del Vesuvio nel 79 d.C. I due affreschi, dipinti sulle pareti del salone, mostrano scene della mitologia e della letteratura greca. Una delle splendide opere d’arte raffigura Elena di Troia, una bellissima donna della mitologia greca, che incontra per la prima volta Paride, il principe di Troia. Secondo la leggenda, la conseguente fuga tra i due scatenò la guerra di Troia.

Nuovi e straordinari affreschi scoperti a Pompei

Gli affreschi sono stati scoperti nella “stanza nera”, un’imponente sala per banchetti con eleganti pareti nere in un’ex residenza privata lungo Via di Nola. Foto: Parco Archeologico di Pompei

Il secondo affresco raffigura la sacerdotessa troiana Cassandra seduta, mentre il dio Apollo, con un braccio appoggiato su una lira, tenta di sedurla. Quando lei rifiuta il dio, lui la condanna a proclamare profezie che non saranno mai credute. La “Stanza Nera” è solo una parte di una casa più grande che gli archeologi stanno scavando da un anno. È stato scoperto all’interno di un quartiere residenziale e commerciale noto come Regione Nove. La casa era dotata di giardino e salone di ricevimento; accanto c’era una panetteria dove erano stati scoperti scheletri e un santuario; accanto alla panetteria c’era una lavanderia.

Il secondo affresco appena scoperto, raffigura il dio greco Apollo nudo che cerca di sedurre la sacerdotessa Cassandra. Foto: Parco Archeologico di Pompei

Gli archeologi sospettano che queste tre aree – la casa, il panificio e la lavanderia – fossero di proprietà della stessa persona. Hanno trovato anche la sigla “ARV” sui muri e sulle macine. “Sappiamo chi è ARV: è Aulus Rustius Verus”, ha detto alla BBC l’archeologa del parco archeologico di Pompei Sophie Hay . “Lo conosciamo da altra propaganda politica a Pompei. È un politico. È super ricco. Pensiamo che potrebbe essere il proprietario della casa elegante dietro la panetteria e la lavanderia”.

L’articolo Nuovi e straordinari affreschi scoperti a Pompei sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top