Neanderthal Fashion: Iena Pelts in Prehistoric Wardrobe

Neanderthal Fashion: Iena Pelts in Prehistoric Wardrobe
Il motivo a stampa di iena era molto di moda nel Pleistocene. (Jarry/Shutterstock.com)

I Neanderthals che vivevano vicino a quello che oggi è Madrid potrebbero aver indossato pelli di iena per rimanere al caldo nelle gelide montagne iberiche. Fino ad ora, si pensava principalmente che gli ominidi estinti indossassero principalmente le pelli di mammiferi erbivori come cervi o bovini, ma nuove scoperte suggeriscono che il guardaroba dei Neanderthal potesse includere anche le pellicce di pericolosi carnivori.

Le prove di questa rischiosa moda preistorica provengono dal Rifugio Roccioso di Navalmaíllo, scoperto per la prima volta nel 2002 e identificato come campo di caccia Neanderthal. In uno strato di suolo precedentemente datato tra 66.000 e 83.000 anni fa, i ricercatori hanno scoperto i resti di numerosi animali erbivori che mostrano chiari segni di essere stati macellati e scuoiati dagli abitanti umani arcaici del sito.

All’interno di questo insieme, i ricercatori hanno trovato anche un osso di zampa di iena con segni che potrebbero essere stati fatti da utensili Neanderthal, ma potrebbero anche essere il risultato di morsi o calpestamenti da parte di altri animali. Per determinare come questi difetti siano stati prodotti, gli autori di uno studio nuovo hanno utilizzato un algoritmo di intelligenza artificiale (IA) in grado di distinguere tra modifiche ossee fatte dall’uomo e quelle risultanti da cause non antropogeniche.

Tutti i segni sono stati identificati come segni di taglio dall’algoritmo, scrivono i ricercatori, indicando che le ossa sono state effettivamente lavorate con utensili in pietra Neanderthal. Più specificamente, hanno scoperto che i segni della falange di iena recuperati a Navalmaíllo possono essere correlati all’attività di scuoiatura dell’animale a causa della loro posizione e orientamento. Crucialmente, l’osso stesso non sembra essere stato spaccato per accedere al midollo, suggerendo che la iena è stata utilizzata solo per la sua pelliccia e non è stata mangiata dai Neanderthal di Navalmaíllo.

Secondo gli autori dello studio, la pelliccia di iena potrebbe essere stata cercata in risposta alle condizioni glaciali del campo di caccia, che si trova a 1.100 metri sul livello del mare. Questo sito si trova in un’area in cui l’uso del fuoco in combinazione con le pelli come vestiti o coperte potrebbe essere fondamentale per sopravvivere, scrivono i ricercatori.

Fino a poco tempo fa, il record archeologico conteneva poche prove dell’uso da parte dei Neanderthal di animali carnivori sia per il cibo che per l’abbigliamento, anche se uno studio pubblicato l’anno scorso ha rivelato che gli antichi umani cacciavano leoni delle caverne in Germania. Ci sono anche tre altri esempi di resti di iena trovati nei siti Neanderthal, anche se questo è il primo a suggerire che l’animale sia stato utilizzato esclusivamente per la sua pelliccia.

Ad esempio, ossa di iena trovate in un’altra grotta Neanderthal in Spagna mostrano segni di essere state macellate per la carne. Nel frattempo, una scoperta particolarmente intrigante in Francia che coinvolge ossa di iena modificate è stata interpretata come un oggetto simbolico, con alcuni studiosi che speculano che i segni sulle ossa potrebbero rappresentare un sistema di notazione numerica.

Tornando alle prove da Navalmaíllo, gli autori dello studio scrivono che l’uso specifico di una pelliccia di carnivoro potrebbe anche avere un componente simbolico nell’universo Neanderthal; un aspetto attualmente molto dibattuto. Tuttavia, le prove che abbiamo finora nel Rifugio Roccioso di Navalmaíllo non ci permettono di valutare questa possibilità. Pertanto, sembra più probabile che l’uso della pelliccia di iena fosse principalmente opportunistico.

Lo studio è pubblicato sulla rivista Quaternary Science Reviews.

Links:

L’articolo Neanderthal Fashion: Iena Pelts in Prehistoric Wardrobe sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top