Neanderthal e Homo sapiens hanno vissuto insieme nel nord Europa 45.000 anni fa

Le prove che gli esseri umani e l’Homo neanderthalensis vivevano fianco a fianco sono coerenti con le prove genomiche secondo cui le due specie si sono incontrati occasionalmente.

Un’analisi genetica di frammenti ossei rinvenuti in un sito archeologico nella Germania centrale ha dimostrato in modo definitivo che gli esseri umani moderni ( Homo sapiens ) erano già arrivati ​​nell’Europa settentrionale 45.000 anni fa, sovrapponendosi con i Neanderthal per diverse migliaia di anni prima che questi ultimi si estinguessero. L’analisi genetica, insieme all’analisi archeologica e isotopica e alla datazione al radiocarbonio del sito di Ranis, sono state riportate in tre articoli apparsi sulle riviste Nature e Nature Ecology and Evolution. Questa teoria modifica radicalmente le conoscenze precedenti: l’Homo sapiens arrivò nell’Europa nordoccidentale molto prima della scomparsa dell’uomo di Neanderthal nell’Europa sudoccidentale. L’evidenza che l’Homo sapiens e l’Homo neanderthalensis vivevano fianco a fianco è coerente con l’evidenza genomica secondo cui le due specie occasionalmente si incrociavano. Ciò alimenta anche il sospetto che l’invasione dell’Europa e dell’Asia da parte degli esseri umani moderni circa 50.000 anni fa abbia contribuito a portare all’estinzione i Neanderthal, che avevano occupato l’area per più di 500.000 anni. In questo modo, si è scoperto che le lame di pietra Ranis, chiamate punte di lama, sono simili agli strumenti di pietra trovati in vari siti in Moravia, Polonia, Germania e Regno Unito. Si ritiene che questi strumenti siano stati prodotti dalla stessa cultura, chiamata cultura Lincombiana-Ranisiana-Jerzmanowician (LRJ) o tecnocomplesso.

Neanderthal e Homo sapiens hanno vissuto insieme nel nord Europa 45.000 anni fa

A luce delle datazioni realizzate in passato, era risaputo che il sito di Ranis aveva 40.000 anni o più, ma senza ossa riconoscibili che indicassero chi aveva realizzato gli strumenti, non era chiaro se fossero il prodotto dell’uomo di Neanderthal o dell’Homo sapiens. Le nuove scoperte mostrano che “l’Homo sapiens creò questa tecnologia, e che l’Homo sapiens si trovava così a nord in questo periodo, 45.000 anni fa“, spiega Elena Zavala, una dei quattro primi autori dell’articolo su Nature e membro della ricerca. Miller presso l’Università della California (Stati Uniti). Zavala ha eseguito l’analisi genetica dei frammenti ossei di ominidi provenienti da nuovi e più profondi scavi a Ranis tra il 2016 e il 2022 e da scavi precedenti negli anni ’30. Poiché il DNA nelle ossa antiche è altamente frammentato, ha utilizzato tecniche speciali per isolare e sequenziare il DNA, tutto il DNA mitocondriale (mtDNA) che viene ereditato solo dalla madre. “Abbiamo confermato che i frammenti scheletrici appartenevano all’Homo sapiens. È interessante notare che diversi frammenti condividevano le stesse sequenze di DNA mitocondriale, inclusi frammenti provenienti da scavi diversi. Ciò indica che i frammenti appartenevano allo stesso individuo o ai suoi parenti materni, collegando queste nuove scoperte con quelle di decenni fa“, ha spiegato l’esperto.

La scoperta

I frammenti ossei furono inizialmente identificati come umani attraverso l’analisi delle proteine ​​ossee (un campo chiamato paleoproteomica). Confrontando le sequenze di DNA mitocondriale di Ranis con sequenze di mtDNA ottenute da resti umani in altri siti paleolitici in Europa, Zavala è stato in grado di costruire un albero genealogico dei primi Homo sapiens in tutta Europa.

L’articolo Neanderthal e Homo sapiens hanno vissuto insieme nel nord Europa 45.000 anni fa sembra essere il primo su Scienze Notizie.

/ 5
Grazie per aver votato!

Scroll to Top